Jump to content

Post consigliati

Salve a tutti, oggi mentre viaggiavo a gpl,  in occasione di un sorpasso, ho avuto necessità di affondare a tavoletta l'acceleratore ma mi sono reso conto che i giri non riescono ad andare oltre i 4000 e la velocità non superava i 130. Anzi, insistendo con l'acceleratore a fondo, i giri tendevano  a diminuire al di sotto dei 4000 raggiunti già con difficoltà e la velocità decresceva progressivamente. Così ho riprovato la manovra ma andando a benzina ed i giri ben oltrepassano i 4000, così come la velocità saliva con piacere. Infine ho riprovato la stessa cosa andando nuovamente a gas e dopo essersi fermati alla soglia dei 4000, ho commutato a benzina mentre stavo sempre con acceleratore a  tavoletta. A questo punto non solo i giri sono aumentati ma all'atto della commutazione si è percepito proprio uno scatto dell'auto. Non più di qualche mese fa, per un problema di seghettamento dell'alimentazione e minimo instabile,  ho sostituito gli iniettori sia benzina che gpl, candele e bobine.

Oggi tornato a casa ho subito eseguito la diagnosi elettronica non c'è traccia di errori nè con il diagnostico a benzina nè con il software Bigas. La verifica dei fuel trim a benzina è nella norma in entrambe le bancate, mentre a gpl c'è una discrepanza evidente fra una bancata e l'altra. Da subito, cioè appena dopo aver effettuati i lavori che vi elencato, eseguii  la procedura della taratura come da software BiGgas ma non la verifica dei fuel trim. E comunque non mi era mai capitato di effettuare prima d'ora un'affondata dell'acceleratore come quella che vi ho descritto.  Quindi, la mia domanda è: dopo gli iniettori, dovrò cambiare anche il polmone double della Bigas? 

Link to post
Share on other sites
il 23/5/2021 at 22:02, 64fabius ha scritto:

Salve a tutti, oggi mentre viaggiavo a gpl,  in occasione di un sorpasso, ho avuto necessità di affondare a tavoletta l'acceleratore ma mi sono reso conto che i giri non riescono ad andare oltre i 4000 e la velocità non superava i 130. Anzi, insistendo con l'acceleratore a fondo, i giri tendevano  a diminuire al di sotto dei 4000 raggiunti già con difficoltà e la velocità decresceva progressivamente. Così ho riprovato la manovra ma andando a benzina ed i giri ben oltrepassano i 4000, così come la velocità saliva con piacere. Infine ho riprovato la stessa cosa andando nuovamente a gas e dopo essersi fermati alla soglia dei 4000, ho commutato a benzina mentre stavo sempre con acceleratore a  tavoletta. A questo punto non solo i giri sono aumentati ma all'atto della commutazione si è percepito proprio uno scatto dell'auto. Non più di qualche mese fa, per un problema di seghettamento dell'alimentazione e minimo instabile,  ho sostituito gli iniettori sia benzina che gpl, candele e bobine.

Oggi tornato a casa ho subito eseguito la diagnosi elettronica non c'è traccia di errori nè con il diagnostico a benzina nè con il software Bigas. La verifica dei fuel trim a benzina è nella norma in entrambe le bancate, mentre a gpl c'è una discrepanza evidente fra una bancata e l'altra. Da subito, cioè appena dopo aver effettuati i lavori che vi elencato, eseguii  la procedura della taratura come da software BiGgas ma non la verifica dei fuel trim. E comunque non mi era mai capitato di effettuare prima d'ora un'affondata dell'acceleratore come quella che vi ho descritto.  Quindi, la mia domanda è: dopo gli iniettori, dovrò cambiare anche il polmone double della Bigas? 

È stata eseguita l'autotaratura oppure la mappatura manuale?

Link to post
Share on other sites

E' vero che la taratura fine manuale è la procedura corretta da eseguirsi, però vorrei aggiungere un particolare che a me ha fatto sorgere il dubbio sull'efficienza del riduttore. Ovvero, se la manovra di accelerazione a fondo la eseguo in modo graduale e con una pressione costante e continua sul pedale del gas, i giri salgono senza avvertire quel vuoto di potenza che, invece, si presenta qualora l'accelerazione sia avvenuta mettendo, in un solo colpo, tutto giù il gas. 

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

Penso proprio che il problema sia il Riduttore che non regge.

Prova a metterla in diagnosi su strada e prova a guardare la pressione se scende nell'affondare e se scende a quanto arriva.

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

Ecco l'aggiornamento del problema.

Ho provveduto alla sostituzione del riduttore, visto che di quello vecchio non avevo alcuna cognizione di quando fosse stato installato sull'auto. Purtroppo, il problema è rimasto tale e quale, anzi è pure peggiorato, nel senso che la caduta di giri in occasione di un'accelerazione improvvisa, si manifesta in modo ancor più evidente con una perdita di potenza anche se il pedale del gas è tutto giù.

Diversamente, se la prova di accelerazione è fatta a folle, i giri salgono del tutto regolarmente fino a limitatore, senza alcuna perdita di potenza.

Ora sarebbe mia intenzione verificare la pressione di esercizio del riduttore mediante il diagnostico Bigas e quindi intervenire sulla vite di regolazione della pressione in modo da portarla ad un valore tale che ripetendo la prova di accelerazione su strada, il difetto scompaia. Che ne dite al riguardo? C'è un valore ideale di pressione a cui andrebbe portato il riduttore double Bigas per un motore V8 di 4700cc  da 245CV?

Link to post
Share on other sites

Non appena avro' collegato il diagnostico e letto quale è la pressione gas al riduttore, farò come mi hai consigliato. Dovrò seguire la modalità indicata da BiGas per ottenere una regolazione combinata dei due riduttori accoppiati presenti nel modello double. Ti farò sapere....

Link to post
Share on other sites

Controlla anche che non perda i giri motore ,se è così non è un problema di riduttore.

Link to post
Share on other sites

Comunque succede proprio quello che dici: quando affondo il pedale dell'acceleratore andando a gas, la macchina inizia a strattonare, non sale di giri ma anzi se continuo a tenere l'acceleratore tutto giù, comincia pure a perdere i giri e praticamente rallenta la corsa...tanto che per farla riprendere devo commutare a benzina e tutto si risolve. 

Link to post
Share on other sites

In teoria dovrebbe solo  retropassare a benzina ,non dovrebbe fare il difetto che dici tu se perde i giri.

Alcuni motori ,tipo il Dodge Ram da 5.7 ,ha un problema con la lettura dei giri motore ,quindi va preso dal sensore albero a camme e non in bobina.

Link to post
Share on other sites

Al momento tutte le volte che ho provato ad affondare a tavoletta l'acceleratore, è successo quello che ti dicevo. Anzi quello che posso aggiungere è che quando ho effettuato la sostituzione del vecchio riduttore con il nuovo e sono uscito  provare la macchina, è successo che il difetto è pure peggiorato nel senso che si presenta in maniera ancora più marcata con una perdita di giri maggiore. Purtroppo non ho rilevato la pressione di esercizio del gpl prima di effettuare la sostituzione del riduttore però posso dire che quello vecchio aveva la vite di registro quasi a fine corsa. Infatti partendo dalla vite completamente chiusa, per arrivare alla posizione del tutto aperta, occorrevano 9 giri completi. Ebbene l'installatore di un tempo l'aveva aperta per 7 giri completi, quindi quasi a fine corsa. Saprò essere più preciso quando ci rimetterò le mani con il supporto del diagnostico.....

Link to post
Share on other sites
13 ore fa, eco world gas s.r.l. ha scritto:

In teoria dovrebbe solo  retropassare a benzina ,non dovrebbe fare il difetto che dici tu se perde i giri.

Alcuni motori ,tipo il Dodge Ram da 5.7 ,ha un problema con la lettura dei giri motore ,quindi va preso dal sensore albero a camme e non in bobina.

Comunque volevo precisare che oltre al calare del numero giri motore visibile al contagiri, la macchina rallenta proprio in modo vistoso, nonostante il pedale del gas sia tutto giù....

Infatti l'inizio del problema che vi ho presentato, fu proprio quando mi trovai a dover effettuare un sorpasso. A quel punto, pur affondando il pedale dell'acceleratore ebbi la mancata risposta, quindi la caduta dei giri motore e di fatto il rallentamento della mia auto, al punto tale che dovetti convertire a benzina per avere piena potenza. Non c'è mai stato un retropassaggio automatico da gpl a benzina, nè alcuna spia avaria motore....

Link to post
Share on other sites

Aggiornamento dopo l'intervento di questa mattina: con il diagnostico BiGas Sgis ho verificato che la pressione gpl al riduttore era intorno a 1,40 bar con il motore al minimo. Tuttavia facendo la prova sotto carico e cioè durante l'accelerazione a pieno regime con il pedale a tavoletta, non appena si raggiungevano i 2500/2800 giri, succedeva la caduta di giri e la perdita di velocità della macchina, mentre la pressione del gpl diminuiva vistosamente a circa 0.95-1.10 bar. 

Quindi ho provveduto ad alzare la pressione del riduttore a 1,50 bar, ho rifatto la prova ma il problema persisteva o meglio si presentava a intorno ai 3000 giri con la stessa modalità mentre la pressione gpl al riduttore scendeva fino a 1,20/1,30 bar.

Alzo ancora un po' la pressione del gpl e la porto a circa 1,60 però contestualmente agisco anche sull'arricchimento in accelerazione. Si tratta di una modalità presente nel software Bigas e vedo che è fissata a circa metà di una scala graduata. Decido di spostare il cursore verso il massimo arricchimento in accelerazione e rifaccio la prova su strada. La macchina peggiora visibilmente la resa in accelerazione e soprattutto verifico che i tempi di iniezione gpl sono praticamente il doppio rispetto ai benzina. Quindi decido di spostare il cursore in senso opposto cioè verso il minimo arricchimento, rifaccio la prova e la macchina tira bene tutte le marce in accelerazione senza strattonamenti nè buchi di potenza o accelerazione, Anzi i tempi iniezione gpl e quelli a benzina sono praticamente sovrapponibili. Tuttavia noto un iniziale impuntamento alla ripresa dopo un rallentamento, come quasi a voler fermare la macchina. Riapro la finestra dell'arricchimento e sposto di un paio di linee il cursore. Rifaccio la stessa prova dello stop and go e sembra andare tutto a posto. Chiudo il test drive con l'effettuazione dell'ennesima autotaratura da software, cosa che avevo eseguito più volte ad ogni tentativo di messa a punto. 

Ora non mi resta che riprovarla e vedere se la calibrazione della carburazione è andata effettivamente a buon fine e se si mantenga stabile nel tempo.

Link to post
Share on other sites
il 6/7/2021 at 15:12, 64fabius ha scritto:

Aggiornamento dopo l'intervento di questa mattina: con il diagnostico BiGas Sgis ho verificato che la pressione gpl al riduttore era intorno a 1,40 bar con il motore al minimo. Tuttavia facendo la prova sotto carico e cioè durante l'accelerazione a pieno regime con il pedale a tavoletta, non appena si raggiungevano i 2500/2800 giri, succedeva la caduta di giri e la perdita di velocità della macchina, mentre la pressione del gpl diminuiva vistosamente a circa 0.95-1.10 bar. 

Quindi ho provveduto ad alzare la pressione del riduttore a 1,50 bar, ho rifatto la prova ma il problema persisteva o meglio si presentava a intorno ai 3000 giri con la stessa modalità mentre la pressione gpl al riduttore scendeva fino a 1,20/1,30 bar.

Alzo ancora un po' la pressione del gpl e la porto a circa 1,60 però contestualmente agisco anche sull'arricchimento in accelerazione. Si tratta di una modalità presente nel software Bigas e vedo che è fissata a circa metà di una scala graduata. Decido di spostare il cursore verso il massimo arricchimento in accelerazione e rifaccio la prova su strada. La macchina peggiora visibilmente la resa in accelerazione e soprattutto verifico che i tempi di iniezione gpl sono praticamente il doppio rispetto ai benzina. Quindi decido di spostare il cursore in senso opposto cioè verso il minimo arricchimento, rifaccio la prova e la macchina tira bene tutte le marce in accelerazione senza strattonamenti nè buchi di potenza o accelerazione, Anzi i tempi iniezione gpl e quelli a benzina sono praticamente sovrapponibili. Tuttavia noto un iniziale impuntamento alla ripresa dopo un rallentamento, come quasi a voler fermare la macchina. Riapro la finestra dell'arricchimento e sposto di un paio di linee il cursore. Rifaccio la stessa prova dello stop and go e sembra andare tutto a posto. Chiudo il test drive con l'effettuazione dell'ennesima autotaratura da software, cosa che avevo eseguito più volte ad ogni tentativo di messa a punto. 

Ora non mi resta che riprovarla e vedere se la calibrazione della carburazione è andata effettivamente a buon fine e se si mantenga stabile nel tempo.

Bene! A che pressione è impostato il riduttore al minimo?

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...