Jump to content

Link utile


ziobertex

Post consigliati

"A QUALE 'CATEGORIA EURO' APPARTIENE LA MIA MACCHINA?"

(10 ottobre 2005)

 

Dal 1991 la Comunità europea ha emanato una serie di Direttive per regolamentare le emissioni di inquinanti da parte dei veicoli. In base a queste direttive sono state individuate diverse categorie di appartenenza. Per capire a quale di queste categorie appartiene la propria auto è necessario controllare i riferimenti presenti nella carta di circolazione del veicolo. Tali riferimenti indicano quale normativa Euro è stata rispettata dalla casa costruttrice.

Sulla carta di circolazione di vecchio tipo l'indicazione dell'Euro di riferimento si trova in basso nel riquadro 2, su quella di nuovo tipo, formato A4, l'indicazione è riportata alla lettera V.9 del riquadro 2 ed è spesso integrata con una ulteriore specifica nel riquadro 3.

 

Al momento le norme Euro sono 4:

 

  • Euro 1: indica le autovetture conformi alla Direttiva 91/441 o i "veicoli commerciali leggeri" conformi alla direttiva 93/59. La normativa ha obbligato nel 1993 le case costruttrici ad adottare la marmitta catalitica e l'alimentazione ad iniezione. Tutte le auto immatricolate dopo il 1° gennaio 1993 sono almeno Euro 1.
    Attenzione: alcune automobili, seppur immatricolate prima di tale data rispettano comunque la normativa Euro 1, per cui si consiglia di controllare sempre il libretto di circolazione.
    Per i veicoli nuovi immatricolati prima del 1992, quando non è annotata sulla carta la dicitura "rispetta la direttiva CEE n.91/441" si consiglia di prendere contatto con la Motorizzazione Civile (ora denominata Dipartimento dei Trasporti Terrestri) per ottenere i relativi chiarimenti.
    Comunque, se la carta di circolazione è interamente compilata a mano, secondo procedure in vigore fino al 1978, si tratta sicuramente di un veicolo "pre-Euro1".
  • Euro 2: indica le atuovetture conformi alla direttiva 94/12 o i "veicoli commerciali leggeri" conformi alla direttiva 96/69. La normativa ha obbligato nel 1996 le case costruttrici ad una maggiore riduzione delle emissioni inquinanti anche per i motori diesel.
  • Euro 3: indica i veicoli conformi alla direttiva 98/69.
    La normativa ha obbligato dal 1° gennaio 2001 le case costruttrici all'installazione di un sistema chiamato Eobd, che riduce le emissioni. Alcune auto potrebbero essere state immatricolate nel 2001 ma fabbricate nel 2000 e quindi prive di Euro 3; alcune case costruttrici hanno anticipato l'obbligo per cui ci sono dei veicoli immatricolati prima del 2001 che rispettano l'Euro 3.
  • Euro 4: indica i veicoli confomri alla direttiva 98/69B. Tale normativa diverrà obbligatoria dal 1° gennaio 2006 e imporrà una ulteriore riduzione delle emissioni inquinanti. Alcune case costruttrici hanno anticipato l'obbligo per cui ci sono veicoli recenti che rispettano l'Euro 4.

  • pre-Euro: indica i veicoli "non catalizzati" a benzina e i veicoli "non ecodiesel"

Di seguito i riferimenti delle diverse normative:

 

EURO 1 (immatricolati dopo il 31.12.1992)

· 93/59 CEE con catalizzatore

· 91/441 CEE

· 91/542 CEE punto 6.2.1.A

 

EURO 2 (immatricolatidopo il 1.1.1997)

· 91.542 punto 6.2.1.B

· 94/12 CEE

· 96/1 CE

· 96/44 CEE

· 96/69 CE

· 98/77 CE

E' possibile trovare nel libretto anche le seguenti diciture:

· 96/20 - 95/54 93/116 - 96/69 - 96/36

· 96/20 - 95/54 93/116 - 96/69 - 95/56 - 96/37

· 96/20 - 95/54 93/116 - 96/69 - 95/56 - 96/37 - 96/38

· 96/20 - 95/54 93/116 - 96/69 - 95/56 - 96/36 - 96/37 - 96/38

· 92/97/CEE - 94/12 CEE - 93/116 CE

· 92/97/CEE - 94/12 CEE

· 96/20 CE - 96/44 CE

· 96/20 CE - 96/1 CE

· 96/20 CE - 94/12 CEE

· 92/97/CE - 96/69 CE

· 92/97/CE - 96/69 CE - 93/116 CE

· 96/20 CE - 91/542 CEE PUNTO 6.2.1 - B

· 96/20 CE - 94/12 CEE - 93/116 CE

· 96/20 CE - 95/54 CE - 94/12 CEE - 93/116 CE

· 96/20 CE - 96/69 CE - 93/116 CE

· 96/20 CE - 96/69 CE - 95/54 CE - 93/116 CE

· 92/97/CEE - 94/12 CE - 95/54 CE - 93/116 CE

· CE 96/20 - 93/116 - 96/69 - 95/56

· 1999/102/CE rif. 96/69/CE

· 98/77 CE

· CE 96/20 - 95/54 - 93/116 - 94/12 - 96/36 - 96/38

· 96/20 CE - 95/54 CE - 96/69 CE - 95/56 CE

 

EURO 3 (immatricolatidopo il 1.1.2001)

· 98/69 CE

· 98/77 CE rif 98/69 CE

· 99/96 CE

· 99/102 CE rif. 98/69 CE

· 2001/1 CE rif 98/69 CE

· 2001/27 CE

· 2001/100 CE A

· 2002/80 CE A

· 2003/76 CE A

 

Attenzione: molte ordinanze riportano tra i veicoli esclusi dalle limitazione le seguenti due categorie:

- veicoli commerciali leggeri (fino a 3,5 t. categoria N1) Euro 3 conformi alla direttiva 98/69 CE Stage 2000 o immatricolati dopo l'1/1/2001,

- veicoli commerciali pesanti (oltre i 3,5 t. categorie N2 e N3) Euro 3 conformi alla direttiva 99/96 CE o immatricolati dopo l'1/01/2001

 

 

EURO 4 (immatricolatidopo il 1.1.2006)

· 98/69/CE B

· 98/77/CE rif. 98/69/CE B

· 1999/96 CE B

· 1999/102 CE B rif. 98/69/CE B

· 2001/1 CE B rif. 98/69 CE B

· 2001/27 CE B

· 2001/100 CE B

· 2002/80 CE B

· 2003/76 CE B

 

Si precisa che l'autoveicolo rientra nella classe ambiente EURO 4 solo se la Direttiva di riferimento riporta la lettera B

Qualunque altra sigla indica il riferimento ad una normativa precedente (Euro1, Euro2, Euro3).

Quando si decide l'acquisto di un veicolo nuovo, è dunque importante informarsi anche sulla direttiva europea osservata per costruirlo.

In molti comuni le auto ad accensione comandata (benzina) Euro 4 possono circolare nonostante le limitazioni alla circolazione. Questa deroga non è ammessa per le auto ad accensione spontantea (diesel), per le quali è richiesto comunque il filtro Fap. Si consiglia di prestare molta attenzione a quanto stabilito dalle Ordinanze dei singoli comuni.

 

Immagine di una carta di circolazione tipo nuovo di un autoveicolo euro 4 (74 kb)

Immagine di una carta di circolazione tipo vecchio (71 kb)

 

ALTRE NOTIZIE 10.10.05 - "A quale 'categoria Euro' appartiene la mia moto?"

Link to comment
Share on other sites

C'è una piccola imprecisione.

La data di riferimento che hai indicato a fianco alle norme Euro 1, 2 ecc è la data dalla quale è diventata obbligatoria, ma già in precedenza auto erano omologate con la normativa superiore, ad esempio la mia ex Fiesta di giugno 2001 era omologata 98/69/CE B e quindi Euro4, mentre la vecchia e defunta Mazda 323F era già Euro2 nel 1995.

Ogni costruttore ha avuto la deroga per un certo numero di 'fineserie' per poter essere immatricolate con la normativa precedente alcuni mesi dopo l'entrata in vigore, quindi ci possono essere delle fine serie Euro3 immatricolate nel 2006

 

Inoltre EOBD in se non riduce le emissioni, ma evita che un malfunzionamento danneggi il catalizzatore e dalla Euro4 in avanti ne controlla lo stato di salute tramite una seconda sonda a valle dello stesso.

 

EOBD inoltre essendo standard per tutti i costruttori permetterebbe alle forze dell'ordine di controllare l'efficenza degli impianti antiinquinamento, anche se in realtà non sono state dotate degli oppotuni strumenti.

Link to comment
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...