Jump to content

olio motore per Polo 1.4 benzina del 2007


Post consigliati

se il motore si "pippa" mezza asta olio (circa 0,5l) in 200 km fatti ad alto carico significa circa 20l di gas/0.5 l di olio....il motore non è a posto- ma non era perfetto neanche da nuovo visti i consumi.

comunque

il castrol continuo ad usarlo, sia sulla punto 1.2 €5  5w40 sia sul clk - 10w40 alternato all'eni i sint 10w40.

La punto beve un po di olio, direi a occhio 0,5l in 10000 km- km totali circa 50000; il clk circa 0,5l in 15-17000km. A 315000 km.

Concordo che su un benzina un w30 è sconsigliabile- in base all'esperienza empirica, diversi motori hanno avuto problemi con questi w30 specie i piu tirati- casualmente le versioni sportive usano dei w50 (opportunamente additivati).

Non credo che castrol sia un cattivo olio, specie l'edge; non sarà neanche il migliore ma c'è di tanto peggio. Poi noi ci facciamo le pipp.e su olio qua olio là, il 90% delle persone su vetture fuori garanzia è già tanto se lo cambia.

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 36
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

ringrazio per la lettura suggerita, interessante, specie la parte riguardante la tonalità termica che mi chiarisce alcune questioni a livello di spiegazione, e sulla combustione adiabitica in cui si presuppone che la massima temperatura si raggiunge in miscele appena ricche e non stechiometriche...

Poi si parla di tonalità termica interessante anch'essa e forse è a questa che facevi riferimento...

Tuttavia mi permetto in modo meno scientifico di citare dal corso di tecnica automobilistica di domenico lucchesi quanto segue...vol 1 ed. hoepli ..."...il cielo degli stantuffi dei motori alimentati a metano raggiunge temperature più alte di quelli alimentati a benzina, ciò è dovuto al fatto che la benzina è presente nella miscela sotto forma di goccioline minutissime, che venendo a contatto con il cielo del pistone vaporizzano sottraendo calore; il fenomeno non avviene quando la miscela è composta da due gas" il riferimento è al metano con un potere calorifero superiore alla benzina così come il gpl anch' esso superiore alla benzina

Link to post
Share on other sites

Bdrt permettimi ma tu non fai testo: il tuo è un V8 americano che strutturalmente è totalmente diverso....molto più tollerante e molto più normale che consumi olio...

Io non capisco chi non mette il miglior olio possibile per la sua auto visto i 10 euro al litro che ci sono in un cambio normale tra ciofeca e ottimo olio....

Gli unici dati confrontabili sono le certificazioni o la scheda tecnica, ricordo.

Link to post
Share on other sites

ringrazio per la lettura suggerita, interessante, specie la parte riguardante la tonalità termica che mi chiarisce alcune questioni a livello di spiegazione, e sulla combustione adiabitica in cui si presuppone che la massima temperatura si raggiunge in miscele appena ricche e non stechiometriche...

Poi si parla di tonalità termica interessante anch'essa e forse è a questa che facevi riferimento...

Tuttavia mi permetto in modo meno scientifico di citare dal corso di tecnica automobilistica di domenico lucchesi quanto segue...vol 1 ed. hoepli ..."...il cielo degli stantuffi dei motori alimentati a metano raggiunge temperature più alte di quelli alimentati a benzina, ciò è dovuto al fatto che la benzina è presente nella miscela sotto forma di goccioline minutissime, che venendo a contatto con il cielo del pistone vaporizzano sottraendo calore; il fenomeno non avviene quando la miscela è composta da due gas" il riferimento è al metano con un potere calorifero superiore alla benzina così come il gpl anch' esso superiore alla benzina

 

E' un fenomeno diverso, quello dell'evaporazione della benzina, che è evidente che in evaporazione possa portare via calore, ma dice poco o nulla sulla temperatura di combustione FINALE, che dipende in modo solo molto marginale dall'entalpia dei prodotti di combustione, come si può evincere dai grafici delle temperature adiabatiche di fiamma (che vorrei puntualizzare essere un'approssimazione, perché prevede che non ci sia scambio di calore per definizione di processo adiabatico, cosa vera in prima approssimazione, e con condizioni di pressione o volume definite, anche questo valido in primissima approssimazione, diciamo che è un'approssimazione valida se il processo di combustione è sufficientemente rapido)

 

Diciamo che poche decine di gradi di differenza nei reagenti di combustione non hanno alcuna rilevanza nella temperatura di fiamma (che è la temperatura massima del ciclo termico), però hanno invece rilevanza sul rendimento del ciclo termidinamico, che in prima approssimazione (ciclo di Carnot) dipende dal rapporto tra la temperatura minima e massima del ciclo termodinamico, inoltre possono avere evidenti effetti positivi sulle sollecitazioni termiche/meccaniche degli eventuali materiali che vengono in contatto con la benzina in evaporazione, che appunto raffredda. Detto in altre parole, la miscela pre-combustione sarà si più fredda (e questo porta vantaggi meccanici e termodinamici), ma questo non significa automaticamente che lo siano anche i prodotti (gas) di combustione. Peraltro una miscela più fredda è anche più densa energeticamente a parità di volume...

 

Circa il potere calorifico: ricorda sempre di guardare bene di quale potere calorifico si sta parlando, se riferito alla massa (solitamente è così perché quando si fanno i bilanci di reazione si ragiona in massa o in mole) o al volume, e quale dei due sia rilevante per il caso specifico (che poi conoscendo la densità è facile passare da uno all'altro). Se vuoi fugare i tuoi dubbi, nel documento che ti ho linkato, guarda la tabella a pagina 19 dove sono riportati i poteri calorifici inferiori (LHV) in massa delle miscele aria/carburante per i vari casi, tra cui benzina, metano, propano, e fai le tue considerazioni

 

PS. si, hai capito correttamente: anche se la teoria direbbe che la massima temperatura di combustione la si ottiene in regime perfettamente stechiometrico (lambda = 1), cioè nelle condizioni ideali, nella realtà il picco di temperatura lo si raggiunge con un lambda leggermente più elevato (miscela leggermente più ricca), poiché la combustione REALE non è mai perfetta, quindi non è detto che anche se la quantità di ossigeno è sufficiente per ossidare tutto il carburante, questo avvenga (cioè non è detto che questo ossigeno "incontri" il carburante). Mi collego a questo fatto, perché anche qui si sente spesso dire che "combustione magra = maggiori temperature", e quindi rischio di rotture valvole, ma non è così (sarebbe di nuovo un assurdo termodinamico, cioè immetto meno energia e come risultato ottengo una temperatura di combustione maggiore con prodotti di combustione sostanzialmente simili), il problema è invece che il fronte di fiamma procede a velocità più bassa con miscela magra, con 2 effetti: 1. rischio di battito in testa 2. quando le valvole aprono vedono ancora un fronte di fiamma che dovrebbe essere estinto, ma non è così (problema sotto certi aspetti  simile a quello della combustione del gpl)

 

Scusate l'OT (c'entra poco con gli oli), ma magari può venire fuori una discussione interessante, boh?!?

Link to post
Share on other sites

bisogna vedere se serve il miglior olio possibile,...su tutti i motori non valvetronic/multiari e non turbo non credo serva un olio super performante;

certo non bisogna eccedere dall'altra parte e mettere i peggio oli di marche sconosciute.

Link to post
Share on other sites

Bdrt permettimi ma tu non fai testo: il tuo è un V8 americano che strutturalmente è totalmente diverso....molto più tollerante e molto più normale che consumi olio...

Io non capisco chi non mette il miglior olio possibile per la sua auto visto i 10 euro al litro che ci sono in un cambio normale tra ciofeca e ottimo olio....

Gli unici dati confrontabili sono le certificazioni o la scheda tecnica, ricordo.

 

 

Be effettivamente da nuovi hanno consumi osceni paragonati ai nostri standard . Pensa che nel manuale d'officina ufficiale segnalano come eccessivo se consuma più' di un litro ogni 3000 km .Secondo loro fino ad un litro ogni 3000km è normale . Io metto quello che è in offerta solo perchè tanto lo brucia lo stesso . Il suo 5w30 che ha specifiche difficili da trovare costa quasi 20 euro al litro . Se non mi consumava così tanto olio mettevo il suo , ma così è uno spreco di denaro 

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...