Jump to content

Alternanza benzina / gpl


Post consigliati

Ciao Ale ti ringrazio per aver risposto in dettaglio a ogni mio punto :)


 

 

Imho, scaldare il motore da fermo non da molti benefici, il motore non si scalda in modo uniforme, il cambio resta freddo, tutte cose già dette giustamente da altri.
Per 5Km al giorno io sinceramente valuterei uno scooter e utilizzerei l'auto solo in caso di maltempo.

 

 

 

Scusami se insisto ma è solo per capire.... ok che da fermo il motore non si scalda in modo iniforme, ma se io parto subito, arrivo a lavoro che a malapena l'acqua è arrivata a 90° quindi l'olio, che si scalda con molta + lentezza, sarà ancora + freddo.
Se io la faccio saldare, l'acqua già da un po' è arrivata a 90 e l'olio almeno a 50° ci arriva, di conseguenza (visto che sia l'acqua che l'olio vengono saldati dal motore) deduco che quando arrivo a lavoro il motore sarà + caldo !  O sbaglio ? Questo perchè dovrebbe essere dannoso per il motore ? Perchè dovrebbe essere meglio arrivare a lavoro con il motore "tiepido" piuttosto che "caldo" anche se non a  temperatura ?

Per il discorso bici/scooter, beh io sono un ciclista e se potessi, utilizzerei sempre la bici ! Ma io vivo in campagna e in zone collinare, questo vuol dire, soprattutto nei periodo tra aprile-settembre tornare a casa completamente sudato, mangiare, farmi la doccia per poi ripartire ed arrivare al negozio (ho uno studio fotografico) di nuovo sudato ! A questo devi aggiungere anche che mi scarrozzo dietro la borsa con tutta l'attrezzatura fotografica che non lascio in negozio e sono circa 8kg che in bici non potrei portare. Tralasciando poi che, tornare a casa alle 20..20.30 di notte con la bici in campagna, con strade completamente al buio, non è il massimo della sicurezza :)

Allo scooter avevo già pensato, la mia ragazza ha uno scooter fermo da forse 10 anni che potrei riattivare ... ma sinceramente "accollarmi" altre 200 euro annue di assicurazione per lo scooter non è che sia molto propenso, visti i tempi ! Purtroppo ogni mese è una lotta ! 
 

 

Gran motore e particolarmente adatto alla trasformazione, saresti arrivato anche a 300.000 km e oltre

 

 
si purtroppo mi sono fermato a 245k km perchè un muro mi è venuto contro :) la macchina era del '99 e quindi non valeva la pena ripararla purtroppo.

 

Non ha tutti i torti, sulla mia non mi sono mai posto il problema, visto che, specialmente in inverno, prima di commutare qualche km a benzina, a motore freddo, lo faccio sempre.
Ad ogni tagliando poi metto sempre un additivo nel serbatoio per gli iniettori benzina, magari non serve a nulla, ma visto il costo esiguo da affrontare (per me ogni 20.000km) diciamo che ci può stare.

 

 

 
Ogni tanto, gli additivi alla benzina li metto anche io, ma non regolarmente, diciamo quando mi ricordo :D I tagliandi però li faccio da me ogni 13/15mila km !

 

 

 

 

Scusa se vado un secondo O.T. ma visto che hai nominato il 1.4 Tjet, una curiosità, ma è a iniezione diretta questo motore ?

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 85
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

 

Scusami se insisto ma è solo per capire.... ok che da fermo il motore non si scalda in modo iniforme, ma se io parto subito, arrivo a lavoro che a malapena l'acqua è arrivata a 90° quindi l'olio, che si scalda con molta + lentezza, sarà ancora + freddo.

Se io la faccio saldare, l'acqua già da un po' è arrivata a 90 e l'olio almeno a 50° ci arriva, di conseguenza (visto che sia l'acqua che l'olio vengono saldati dal motore) deduco che quando arrivo a lavoro il motore sarà + caldo !  O sbaglio ? Questo perchè dovrebbe essere dannoso per il motore ? Perchè dovrebbe essere meglio arrivare a lavoro con il motore "tiepido" piuttosto che "caldo" anche se non a  temperatura ?

 

L'auto non è solo motore. Ci son anche il cambio, la frizione ed i cuscinetti delle ruote. Conviene partire subito, per far scaldare tutte le parti in movimento, SENZA CHIEDERE AL TUTTO LE MASSIME PRESTAZIONI. Quando il motore è caldo, lo saranno anche freni, frizione, cambio e si potranno tirare le marce come forsennati, fare scalate da rally ed inchiodare. Prima, meglio di no.

Scaldare il motore da fermo ha anche molte conseguenze per l'inquinamento del posto in cui siamo.

Anche lasciare l'auto in sosta con il motore acceso non è una grande idea. Sempre per l'inquinamento (fra l'altro si rischiano da 3 a 6 punti patente!) e per la salute del motore. Mi spiegava un amico che il motore al minimo non è mai molto "in equilibrio". Non ho ben capito il ragionamento, ma secondo lui il motore fermo, al minimo, si rovina. Ha senso solo come procedura di cool down nei turbo. Ed anche lì... i primi turbo diesel non soffrivano NIENTE. Adesso... mah, è il progresso, bellezza!

Link to post
Share on other sites

 

 

Scusami se insisto ma è solo per capire.... ok che da fermo il motore non si scalda in modo iniforme, ma se io parto subito, arrivo a lavoro che a malapena l'acqua è arrivata a 90° quindi l'olio, che si scalda con molta + lentezza, sarà ancora + freddo.

Se io la faccio saldare, l'acqua già da un po' è arrivata a 90 e l'olio almeno a 50° ci arriva, di conseguenza (visto che sia l'acqua che l'olio vengono saldati dal motore) deduco che quando arrivo a lavoro il motore sarà + caldo !  O sbaglio ? Questo perchè dovrebbe essere dannoso per il motore ? Perchè dovrebbe essere meglio arrivare a lavoro con il motore "tiepido" piuttosto che "caldo" anche se non a  temperatura ?

 

L'auto non è solo motore. Ci son anche il cambio, la frizione ed i cuscinetti delle ruote. Conviene partire subito, per far scaldare tutte le parti in movimento, SENZA CHIEDERE AL TUTTO LE MASSIME PRESTAZIONI. Quando il motore è caldo, lo saranno anche freni, frizione, cambio e si potranno tirare le marce come forsennati, fare scalate da rally ed inchiodare. Prima, meglio di no.

Scaldare il motore da fermo ha anche molte conseguenze per l'inquinamento del posto in cui siamo.

Anche lasciare l'auto in sosta con il motore acceso non è una grande idea. Sempre per l'inquinamento (fra l'altro si rischiano da 3 a 6 punti patente!) e per la salute del motore. Mi spiegava un amico che il motore al minimo non è mai molto "in equilibrio". Non ho ben capito il ragionamento, ma secondo lui il motore fermo, al minimo, si rovina. Ha senso solo come procedura di cool down nei turbo. Ed anche lì... i primi turbo diesel non soffrivano NIENTE. Adesso... mah, è il progresso, bellezza!

 

Si Cordy ma chi ha detto che dopo aver scaldato l'acqua del motore io tiro come in forsennato (per fare 4 km poi) :D 

Io me li faccio ugualmente con tranquillità, proprio perchè, come ho spiegato, l'olio rimane ugualmente freddo. 

Quindi non scaldo il motore prima di partire per tirare le marce, ma solo per farlo lavorare a temperature + idonee (almeno penso).

 

 

tmik

 

giustissimo ! eheheh ho corretto :-p

Link to post
Share on other sites

Complessivamente lavorerà di più (per più tempo) a temperature non idonee, mentre se ti muovi subito il transitorio dura di meno. Fare scaldare il motore da fermo è inutile e deleterio: inutile perché gli oli attuali (tutti multigradi e quasi tutti sintetici) iniziano a lavorare decentemente anche a temperature basse, deleterio perché prolunghi i transitori termici. 

 

Inoltre consumi di più (per non muoverti) e inquini.

 

3 motivi, uno tecnico, uno economico e uno ambientale, che dicono che riscaldare il motore da fermo è, come direbbe Fantozzi, "una cagata pazzesca" (cit.)

 

L'unico consiglio è magari non partire a razzo da freddo, come peraltro fanno in molti, tra i quali quasi tutti i miei colleghi, che in ogni caso non lamentano scarsa durata del propulsore (alcuni sono arrivati anche a 200mila km) nonostante un trattamento non proprio con i guanti.

 

Il cool-down a mio giudizio è l'unico scrupolo utile, per chi ha il turbo, a meno di non avere un'auto dotata di sistema di raffreddamento autonomo, anche in caso di spegnimento motore (però anche li... l'olio comunque non circola, ed è quello il problema principale)

Link to post
Share on other sites

Il cool down sui turbo può avere senso su un turbo dopo una sgroppata da autobahn dove chiedi quasi tutto al motore, se giri in autostrada a 120 130 un una media turbodiesel non credo la meccanica sia sollecitata molto...comunque un motore ORIGINALE non elaborato supera tranquillamente tutti i maltrattamenti più comuni, dal partire a razzo a freddo allo spegnimento dopo la tirata,. o meglio magari non dura 500k km ma solo 300k km. E probabilmente patisce solo il turbo, perchè il resto del motore è praticamente eterno; è più facile rompere un td usandolo in punta di piedi in città che scannandolo ad andature autobahn.

come ti hanno detto l'ideale è avviare, partire subito andando tranquillamente,senza tirare le marce ma neanche andare agli 80 al massimo poi quando l'acqua è in temperatura da qualche minuto puoi fare cosa vuoi.

Link to post
Share on other sites

va bene :) ho ricevuto ! Quindi niente riscaldamento la mattina prima di partire e a benzina ogni tanto... ricevuto :) e grazie a tutti per l'interessamento ! 

Lasciando perdere tutte le tue osservazioni sulle temperature, se tu al mattino accendi la macchina e vai, dopo quanta strada si commuta a gpl ?

Link to post
Share on other sites

Fantastico.

Facciamo questa analisi: se uno compra un'auto che va a GPL significa che vuole andare a GPL.

 

Non penso che sul tuo manuale di uso e manutenzione ci sia scritto di andare a benzina, quindi

perchè il rito del riscaldamento ed altre considerazioni sulla temperatura olio e quant'altro ?

 

L'utente deve girare la chiave e partire. Punto.

L'unica raccomandazione è di tenere la benzina ad almeno un terzo del serbatoio.

Non ascoltare quelli che dicono che la benzina diventa vecchia e "marcisce".

Non marcisce proprio nulla e la benzina è sempre buona.

 

Se proprio ti senti in colpa ad andare a GPL fai una ventina di km. a benzina ogni tre pieni di gas.

Niente altro.

Link to post
Share on other sites

ma guarda... il discorsi di far scaldare la macchina, io lo avrei fatto a prescindere ... gpl,metano,benzina o diesel e lo facevo solo quando sapevo di dover accendere la macchina per pochi minuti/km. Se sapevo di dover percorrere diversi km, partivo/parto subito, andando ovviamente piano.

Link to post
Share on other sites

Fantastico.

Facciamo questa analisi: se uno compra un'auto che va a GPL significa che vuole andare a GPL.

 

Non penso che sul tuo manuale di uso e manutenzione ci sia scritto di andare a benzina, quindi

perchè il rito del riscaldamento ed altre considerazioni sulla temperatura olio e quant'altro ?

 

L'utente deve girare la chiave e partire. Punto.

L'unica raccomandazione è di tenere la benzina ad almeno un terzo del serbatoio.

Non ascoltare quelli che dicono che la benzina diventa vecchia e "marcisce".

Non marcisce proprio nulla e la benzina è sempre buona.

 

Se proprio ti senti in colpa ad andare a GPL fai una ventina di km. a benzina ogni tre pieni di gas.

Niente altro.

Non so se la benzina invecchia o ammuffisce, ma da quando metto quelle quattro gocce di olio non ho più cambiato pompe della benzina. Non ho altri accorgimenti e tiro parecchio. Se poi avete una spiegazione scientifica sul perché si bloccano le pompe, sono interessato a conoscerla!
Link to post
Share on other sites

2 ipotesi (mie, basate su conoscenze d'altro tipo e buon senso, non sono una certezza), non necessariamente alternative:

 

1. la pompa è ad immersione: il liquido pompato (la benzina, gasolio, ecc.) deve sempre essere presente (se lavora a secco si rovina) e funge anche da vettore di raffreddamento. Tipicamente chi va a gas tende a lasciare poca benzina nel serbatoio, dunque la pompa lavora quasi sempre in condizioni sfavorevoli, rispetto a chi magari in riserva ci va, ma è una condizione temporanea.

 

2. la pompa "classica" è returnless, gira sempre ed è pilotata in tensione (quella della 500/panda/punto/ecc sembrava fatta così), roba molto semplice insomma. Quando si va a benzina a valle vede una perdita di carico (pressione) che dipende da quanto sono aperti gli iniettori, ma mano che gli iniettori si chiudono la pressione sale e la portata scende. Chiaramente c'è una valvola che limita la pressione a valle della pompa (non ci fosse la pompa e relativo motore andrebbe in stallo), facendo ritornare la benzina direttamente nel cestello, ma durante il funzionamento a gpl mi sa che la pompa lavora nella situazione più gravosa, dunque con pressione a valle massima (alta corrente assorbita) e velocità di rotazione minima, in sostanza penso tenda a scaldare di più rispetto all'uso medio per la quale è progettata.

Link to post
Share on other sites

Appena presa la patente andavo a benzina perennemente in riserva e spesso rimanevo a secco, eppure non ho mai bruciato le pompe. Quindi scarterei l'ipotesi 1. Sulla 2 si può indagare meglio.

 

Il fatto che non sia successo niente in un caso non dimostra di per se nulla, per evidenti ragioni statistiche (e poi c'è pompa e pompa). In ogni caso da sempre sento sconsigliare di andare costantemente in riserva, e indipendentemente dal discorso gpl, che seguo da un tempo relativamente recente. Parlo proprio di chi va a benzina o gasolio, e questo proprio per non rovinare la pompa.

 

Anche perché ai 2 punti sopra mi sono dimenticato di aggiungere il terzo, cioè il discorso sporco (melma) che rimane nel serbatoio, che a parte il rischio di rovinare il sistema di iniezione, ho il dubbio che possa portare a usura precoce della pompa. E' evidente che più il livello è basso più la pompa lavora con una percentuale di sporco elevata

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...