Jump to content

Che impianto per la KE-Motronic ?


Post consigliati

Rispondo nell'ordine:

 

Per Capricorno:

Se leggevi il mio primo post vedevi che l'auto é già ASI ma nessuna regione e men che meno l'Emilia prevede deroghe salvo a manifestazioni UFFICIALI regolarmente organizzate da associazioni ASI, cioé praticamente 1 o 2 volte l'anno e guarda caso sempre in estate quando i blocchi non ci sono  (!!!!!)

Ma si sa che per i politici la colpa dell'inquinamento é sopratutto delle auto storiche...!!!!!!

 

Per Cordy:

Dal 2020 L'emilia bloccherà le auto a gas Euro 0, nessun blocco é previsto dal Piano Regionale per le gasate Euro1 (controlla bene il PAIR sul sito della regione)

 

Per Dado:

Rischiare ? si, é una possibilità ma il pericolo non sono le multe da 160 euro bensì il RITIRO DELLA PATENTE alla seconda infrazione dello stesso tipo se comminata entro 2 anni il che significa che se ne prendessi anche 1 sola all'anno alla seconda mi ritirano la patente per 1 mese...!!!

 

Neppure se avessi ammazzato qualcuno !!!!

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 38
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Posted Images

impianti specifici elettronici per quel mezzo non ci sono piu. la maggior parte ti proporrano degli aspirati. il problema serio come hai gia intuito e'  il piattello. a parte le precauzioni citate l'unica "VERA" e' un vecchio kit purtroppo non in uso in italia, ovvero il solenoide che tiene aperto il piattello quando vai a gas. se trovi quello o costruisci qualcosa del genere, vedrai che la fase di accensione sara' notevolmente migliore, e non avrai nessun problema al piattello, anche se spara. per l' impianto fatti mettere un impianto con motorino passo passo e sonda  (magari nuova e dedicata e forse anche piu moderna di quella di serie), e poi cerca di regolarlo alla perfezione.

Link to post
Share on other sites

Motorino passo-passo ?

Per quale funzione ?

Tieni conto che nella iniezione KE-Motronic il corpo farfallato é ancora tradizionale con comando meccanico col solito cavo fissato al pedale, non ci sono né potenziomentri né motorini passo passo, soluzioni che saranno anche moderne ma che io odio perché i motori così equipaggiati fanno quello che il programmatore del FW ha deciso di scriverci e non quello che VOGLIO IO !!

 

Ho posseduto una Audi 80 con motore da 85 CV e 1000 Kg di peso e oggi possiedo anche una Corsa dello stesso peso e con la stessa potenza, risultato:

 

La 80 quando "schiacciavo"  il pedale accelerava come una scheggia...

La Corsa (con potenziometro e motorino passo passo) anche seaffondi il pedale non va neanche a spingerla.....

 

Probabilmente la prima consumava ed inquinava un pò di più ma almeno i sorpassi li facevo in maggiore sicurezza.

Adesso invece quando sono in giro con la Corsa se ho davanti uno che non va, per sorpassarlo devo avere almeno 1 Km di strada libera...!!!

 

A volte mi chiedo se i costruttori delle auto odierne considerino più importante l'inquinamento o la sicurezza ?

Se poi per essere "sicuro" devo acquistare un'auto con 150 CV allora va a finire che consumo (e inquino) come con quella che 30 anni fa ne aveva 85...........!!!!

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Ciao, siamo Colleghi!!!

 

Ho una audi 100 2.0E del 92, tutto vero quel che ti hanno scritto. Monta un'iniezione meccanica a controllo elettronico, ossia ha la sonda lambda ed una centralina che, in base al rapporto lambda, regola la quantità di benzina, quindi non ha un sensore di posizione della farfalla, quindi ci va impianto aspirato.

 

Io monto un impianto BRC Just, che ha di bello un modulo aggiuntivo "K-J(etronic)" che serve apposta per controllare la benzina quando si va a gas, in particolare mette a zero la mandata di benzina evitando di spegnere la pompa.

 

Ho anche il sw di programmazione (gli installatori non ne capiscono un granché) e me lo sono ottimizzato.

 

L'unico problema è che non riesco ad avere un buon rapporto lambda al minimo, ma comunque va bene.

 

Non ho mai avuto problemi di ritorni di fiamma.

 

Rifuggi dai landirenzo che non hanno il modulo KJ e per bloccare la benzina hanno un marchingegno che solleva il piattello.

 

Aggiungo: la centralina del BRC Just ha anche un connettore di uscita per un vecchio tipo di tester che riporta informazioni analogiche su apertura dello step motor e rapporto lambda, per cui se ci colleghi due strumentini hai continuamente la situazione di carburazione della tua auto, compreso quando vai a benzina.

Mi correggo: è vero che non c'è un sensore di posizione della farfalla, se non un interruttore di "pedale rilasciato" che la centralina BRC utilizza sia per andare in cut-off sia per capire quando fare il passaggio benzina-gpl.

 

Serbatoio: ciambella da 46lt al posto della ruota di scorta.

Link to post
Share on other sites

Per Herbie,

ti ringrazio delle informazioni che comunque conoscevo già in quanto in 22 anni di auto ormai la conosco come le mie tasche.

La mia invero é un pò diversa dalla tua in quanto é la 2000 16V col motore ACE e iniezione KE-Motronic ma sostanzialmente non ci sono grosse differenze tra il tuo motore e il mio a parte le 16 valvole.

Sono comunque molto titubante a montare un impianto a gas perché tutti mi hanno confermato che i collettori sono sempre pieni di gas e nel caso di un improbabile ma non escludibile ritorno di fiamma il rischio é di danneggiare il piattello e tutta la delicata meccanica cui egli é connesso.

Come sai il piattello é una precisissima "bilancia" che pesa l'aria che entra regolando con precisione micrometrica l'afflusso di benzina ai 4 iniettori e una anche minima "botta" a questo delicato complesso rischia di "sderenare" per sempre questo delicato meccanismo che é il cuore della carburazione.

La mia auto pur coi suoi 22 anni (anche se solo con 170mila Km) quando vado alla revisione mi fanno sempre i complimenti per la qualità dei gas di scarico, Tieni conto che sonda lambda e impianto di scarico sono ancora TOTALMENTE originali (mai cambiato nulla...)

Se dovessi decidere di fare l'impianto lo farei solo per avere un lasciapassare per l'utilizzo ma continuerei ad andare a benzina visto che ormai faccio meno di 5mila km l'anno con questa auto.

 

E in effetti la mia indecisione é proprio dovuta al fatto che senso abbia fare un impianto per non usarlo.....

In compenso tutti i giorni vedo girare in città furgoni regolarmente autorizzati che emanano fiotti di fumo nero denso da far paura nonché autobus comunali ancora con le targhe...nere e con chilometraggi prossimi al milione di Km...!!!

Link to post
Share on other sites

La questione però è che alla revisione ti fanno la prova fumi di entrambi i carburanti quindi in qualche modo l'impianto deve funzionare comunque...

Link to post
Share on other sites

Sì conosco quel motore, lo aveva mio padre; al momento di scegliere presi volutamente la 8 valvole per i seguenti motivi:

 

- valvole più robuste -> minori problemi col GPL

- regime di coppia massima inferiore -> miglior tiro ai bassi regimi (traino la roulotte)

- minore rumorosità

 

Ovviamente il mio 8V a partire dai 5800rpm si 'siede' mentre il 16V sale fino a 7000; tuttavia statisticamente mi sarò trovato una o due volte con il motore a quei regimi, con utilizzo normale raramente supero i 4000.

 

L'impianto BRC è particolare, non c'è il rischio di "gonfiare" i collettori con il gas perché questo viene immesso soltanto quando c'è una depressione, anche al minimo. Sto impazzendo a cercare di capire come fa a funzionare, il riduttore è diverso da tutti quelli che ho visto, credo si chiami "con minimo a pressione positiva". In pratica se non colleghi anche il tubo dietro la membrana, quello di compensazione, il gas non esce. Per cui il pericolo di danni al piattello è scongiurato.

 

Il problema è che, per questo particolare tipo di riduttore, non si riesce a regolare correttamente la quantità di miscela al minimo per cui questo è sempre abbastanza ricco, la regolazione lambda non è molto efficace al minimo, e temo che questo a lungo andare possa danneggiare il catalizzatore, purtroppo me ne accorgerò quando il CO sarà troppo alto alla revisione.

Link to post
Share on other sites

 

 

Il problema è che, per questo particolare tipo di riduttore, non si riesce a regolare correttamente la quantità di miscela al minimo per cui questo è sempre abbastanza ricco, la regolazione lambda non è molto efficace al minimo, e temo che questo a lungo andare possa danneggiare il catalizzatore, purtroppo me ne accorgerò quando il CO sarà troppo alto alla revisione.

 

il riduttore e uguale,a tutti gli altri, e per non avvere la miscella sbalatta, basta instlare il kit dalla foto che ho postato.

Link to post
Share on other sites

 

Il problema è che, per questo particolare tipo di riduttore, non si riesce a regolare correttamente la quantità di miscela al minimo per cui questo è sempre abbastanza ricco, la regolazione lambda non è molto efficace al minimo, e temo che questo a lungo andare possa danneggiare il catalizzatore, purtroppo me ne accorgerò quando il CO sarà troppo alto alla revisione.

 

 

il riduttore e uguale,a tutti gli altri, e per non avvere la miscella sbalatta, basta instlare il kit dalla foto che ho postato.

Caro speedplus sono incuriosito. Perche dovrebbe servire l'alzapiattello?

 

Il mio problema fondamentale e' che se non collego la presa di compensazione del riduttore non esce il gas!!! Stranissimo, che spiegazione daresti? grazie

Link to post
Share on other sites

 

 

Il problema è che, per questo particolare tipo di riduttore, non si riesce a regolare correttamente la quantità di miscela al minimo per cui questo è sempre abbastanza ricco, la regolazione lambda non è molto efficace al minimo, e temo che questo a lungo andare possa danneggiare il catalizzatore, purtroppo me ne accorgerò quando il CO sarà troppo alto alla revisione.

 

il riduttore e uguale,a tutti gli altri, e per non avvere la miscella sbalatta, basta instlare il kit dalla foto che ho postato.

Caro speedplus sono incuriosito. Perche dovrebbe servire l'alzapiattello?

 

Il mio problema fondamentale e' che se non collego la presa di compensazione del riduttore non esce il gas!!! Stranissimo, che spiegazione daresti? grazie

 

Se te metti l alza piatello,non occore piu tenere il tubbo di compensazione,visto che il piatello e il colpevole per il volume variabibile del aspirazione,cio e fa dei brutti sbalzi al riduttore in modo che la miscella vienne troppo ricca in certi regimmi.Eliminando/alzando il piatello,hai un semplice aspirato,che non crea dei problemmi

Link to post
Share on other sites

Grazie, mi interessava molto una risposta alla seconda domanda. Cioe come mai se stacco la presa di compensazione, tappo lato motore, il motore si spegne ccome se non arrivasse ilgas? Anche se apro al massimo il registro di bypass.

 

Sembra come che quel cavolo di riduttore (BRC at90E) se non sente una depressione dalla presa di compensaazione inibisce l'uscita del gas.

 

Internamente dovrebbe essere come tutti gli altri, ossia il registro di bypas preleva dosandolo il gas da un forellino prima del tappo comandato dalla membrana principale. Quindi a prescindere dalla posizione della membrana (che ha un lato verso il fornelletto e l-altro verso il tubo di compensazione) il gas per il minimo dovrebbe uscire comunque.

 

Mi sto scervellando ma non riesco a capire. Forse il primo stadio di riduzione ha un altro controllo?

 

stavo pensando alle brutte di provare, a motore spento, ad alimentare le elettrovalvole e vedere se si sente il sibilo del gas che esce...

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...