Jump to content

Volskwagen truffa gli USA sui gas di scarico.


Post consigliati

Vw crolla in Borsa (-18,6%) dopo il «trucco» sulle emissioni diesel. Negli Usa indagine e test estesi ad altre case

 

VOLKSWAGEN E AUDI: TRUFFA EMISSIONI DA 18 MILIARDI DI DOLLARi
 

Ma se i tedeschi sono capaci di questo, noi italiani di cosa potremmo essere capaci o siamo rimasti indietro anche sulle truffe....

 

Ci rendiamo conto di quanto sia SLEALE tutto ciò?

 

TUTTI gli altri produttori del mondo investono in ricerca per cercare di avere motori potenti ed ecologici, da proporre sul mercato e LORO, la prima casa produttrice al mondo, quindi anche quella con maggiore potenzialità di investimento, invece che mettere a frutto la propria supremazia tecnica ed economica BARA.

 

Bara rendendo vani tutti gli sforzi dei concorrenti....



 

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 54
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Io, fin qui e in 5 sintetici punti, la vedo cosi:

 

1) Gli italiani hanno messo in campo le migliori tecnologie (MultiAir e MultiJet II, e si apprestano a far debuttare il MultiAir ID con buona probabilità proprio sulla Giulia) oggi presenti sul mercato in termini di efficienza e conseguente riduzione di consumi ed emissioni e soprattutto con queste hanno ottenuto il gruppo Chrysler praticamente a gratis.

 

2) Come cavolo hanno fatto e fanno gli altri - e in particolare i tedeschi - a stargli dietro, se non (troppo) spesso perfino davanti proprio nel caso dei tedeschi, in termini di riduzione dei consumi e quindi di emissioni, pur dichiarando (troppo) spesso potenze superiori? Senza tralasciare che dichiarare meno emissioni in media per un marchio europeo significa anche pagare molto meno il costo di quelle emissioni all'Europa stessa.

 

3) I miracoli non esistono!

 

4) Qualcuno, probabilmente molto e direttamente interessato, si è rotto le scatole a causa di questo andazzo, perpetrato liberamente, allegramente e impunemente ormai da troppo tempo. E direi che ha reagito, indagando... A partire dagli Stati Uniti: dove forse ha attualmente più voce in capitolo in quel mondo dell'automotive rispetto a quello sotterraneamente consociativo della nostra vecchia Europa.

 

5) Il prossimo step di queste truffe automobilistiche in salsa tedesca riguarderà le altre disidratate - e grosse - teutoniche o cominceremo a vedere repentini e sostanziali cambiamenti (spintaneamente al ribasso) nei dati dichiarati da queste? Vedremo...

Link to post
Share on other sites

Senza tralasciare che le coreane - Hyundai e Kia, prive di ogni "avveniristica" soluzione tecnologica e/o ecologica -  non gli sono state da meno. Infatti: solo 100 milioni di multa ciascuno sostanzialmente per lo stesso motivo proprio qualche mese fa, visto che le loro auto vendute negli USA non fanno grandi numeri.

 

Vedremo...

Link to post
Share on other sites

Ma se i tedeschi sono capaci di questo, noi italiani di cosa potremmo essere capaci o siamo rimasti indietro anche sulle truffe....

Noi italiani ci freghiamo tra di noi, altro che rimasti indietro, basta guardarsi un po' in giro e si ha un'idea della nostra fessagine. Giocando in casa non ci si sporca l'immagine al di fuori dei confini.

Link to post
Share on other sites

In vw si preoccupano per il danno all'immagine, dopo il caso ADAC ( dove la golf primeggiava previa falsificazione dei dati ) adesso questo....

 

Ma dove hanno la sede a Palermo???

 sempre i soliti luoghi comuni  -_-  -_-  comunque è inutile che gli americani si scandalizzino perché sono loro i primi a permettere la circolazione di auto vecchie che fanno i 2 al litro e poi parlano di tutela ambientale

Link to post
Share on other sites

 

Ma se i tedeschi sono capaci di questo, noi italiani di cosa potremmo essere capaci o siamo rimasti indietro anche sulle truffe....

Noi italiani ci freghiamo tra di noi, altro che rimasti indietro, basta guardarsi un po' in giro e si ha un'idea della nostra fessagine. Giocando in casa non ci si sporca l'immagine al di fuori dei confini.

 

 

Non sono d'accordo, o meglio, secondo me il punto è un altro:

1. tutti pensano (noi compresi) che siamo noi i truffatori e i furbetti, mentre tedeschi e nordici vari fanno parte degli integerrimi. Non so se avete mai avuto a che farci veramente (parlo per lavoro), ma la realtà è diversa. Anche loro tirano delle belle sole, ma... e qui si va al punto 2

2. loro sono bravissimi a fare squadra, e quando succede un casino fanno gruppo e i panni sporchi se li lavano in casa senza (auto)sputtanarsi urbi et orbi. Noi al contrario riusciamo a farci cattiva pubblicità da soli, anche quando non necessario, a che pro non l'ho mai capito (come fosse bello remare contro)

Link to post
Share on other sites

 

In vw si preoccupano per il danno all'immagine, dopo il caso ADAC ( dove la golf primeggiava previa falsificazione dei dati ) adesso questo....

 

Ma dove hanno la sede a Palermo???

 sempre i soliti luoghi comuni  -_-  -_-  comunque è inutile che gli americani si scandalizzino perché sono loro i primi a permettere la circolazione di auto vecchie che fanno i 2 al litro e poi parlano di tutela ambientale

 

 

...beh, gli americani non ne fanno una questione di maggiore o minore inquinamento: loro sono pragmatici. Per loro conta solo il - libero - mercato. Infatti, loro ne fanno una questione se tenti di truffare il loro tanto amato e libero mercato. Se in quel mercato vendi un prodotto e riguardo a quel prodotto divulghi determinate caratteristiche che poi risultano false sono cavoli tuoi. Mica siamo nell'Europa cosi tanto accomodante sempre e solo con i potenti.

 

A ben vedere, a proposito del loro tanto amato libero mercato, da veri campioni del capitalismo quali sono ne fanno molto meno una questione se quel mercato tenti di accaparrartelo oltre misura, perfino quando si tratta di misura legale. Vedi la Microsoft, per esempio... Ma mentire al mercato per fregarlo, questo no! Questo non lo accettano. E secondo me qualcuno (nel mondo dell'automotive americano) consapevole di questa loro particolarità ne ha fatto buon uso, almeno dal suo punto di vista.

 

A questo punto, sembra che anche la Francia, per bocca di un suo ministro, propone che sia fatta una indagine approfondita su questi temi anche in Europa.

Vedremo...

Link to post
Share on other sites

Senza tralasciare che le coreane - Hyundai e Kia, prive di ogni "avveniristica" soluzione tecnologica e/o ecologica -  non gli sono state da meno. Infatti: solo 100 milioni di multa ciascuno sostanzialmente per lo stesso motivo proprio qualche mese fa, visto che le loro auto vendute negli USA non fanno grandi numeri.

 

Vedremo...

 

non mi sembra fosse così: nel caso delle coreane era per i dati dichiarati di consumo troppo ottimistici rispetto a quelli reali,mentre nel caso,molto più grave vw si tratta di un software illegale che modifica i parametri della centralina per far risultare decine di volte inferiori gli inquinanti nel ciclo di omologazione.

 

mi sembra un po' diverso....non per nulla winkerton si è scusato pubblicamente ammettendo tutto e oggi ho visto al tg un altro capoccia krukko in conferenza che disceva testualmente che hanno truffato....parele testuali,ripeto: questa volta è pesa un bel po' la storia

Link to post
Share on other sites

 

Senza tralasciare che le coreane - Hyundai e Kia, prive di ogni "avveniristica" soluzione tecnologica e/o ecologica -  non gli sono state da meno. Infatti: solo 100 milioni di multa ciascuno sostanzialmente per lo stesso motivo proprio qualche mese fa, visto che le loro auto vendute negli USA non fanno grandi numeri.

 

Vedremo...

 

non mi sembra fosse così: nel caso delle coreane era per i dati dichiarati di consumo troppo ottimistici rispetto a quelli reali,mentre nel caso,molto più grave vw si tratta di un software illegale che modifica i parametri della centralina per far risultare decine di volte inferiori gli inquinanti nel ciclo di omologazione.

 

Infatti, con la frase "sostanzialmente per lo stesso motivo" mi riferivo alla scorrettezza - per essere buoni - sullo stesso tema (consumi e conseguenti emissioni), non allo stesso modo di attuare quella scorrettezza (il metodo di aggiramento).

Insomma, in entrambi i casi mentitori - e truffatori - sono...  <_<

 

In ogni caso, non ci si sta ancora rendendo conto di quale spaventosa crisi causerà questo cosi detto Dieselgate, soprattutto in salsa tedesca, nel mondo dell'automobile e che a mio avviso si estenderà anche al giornalismo di settore. Perché tra un po' a ognuno di noi nascerà spontanea la domanda non solo se tedeschi e coreani siano gli unici a barare ma anche su che cavolo controlla in continuazione la stampa specializzata, di cui poi si fregia senza soluzione di continuità (come fa in particolare Quattroruote, ad esempio).

Ovviamente questo, seppur in misura minore, varrà anche per la stessa OmniAuto.

 

La politica invece si è già mossa:

 

"La politica chiede chiarimenti

Oggi ha cominciato a far sentire la propria voce la politica: il ministro delle finanze francese Michel Sapin ha chiesto un'inchiesta a livello europeo per accertare che tutti i costruttori - francesi compresi - rispettino i limiti imposti dalle regole comunitarie, mentre il ministro dell'ambiente italiano Gian Luca Galletti ha chiesto a Volkswagen di garantire che le sue auto vendute in Italia rispettano le normative antinquinamento. Il ministro tedesco dei trasporti Alexander Dobrindt ha invece dichiarato al quotidiano Bild di avere ordinato test sulle emissioni dei modelli Volkswagen. Anche la Corea del Sud ha comunicato che verificherà se i modelli del costruttore tedesco rispettano le sue normative antinquinamento."

 

"Cosa chiede il Ministro Delrio

Il Ministero, in una nota ufficiale, afferma di voler "conoscere se il medesimo illecito, avvenuto negli USA dove vigono però regole differenti per la omologazione, risulti essere praticato su omologazioni della stessa autorità tedesca per l’Europa e se i veicoli sono stati commercializzati in Italia". Nella lettera rivolta al KBA si esprime "preoccupazione in merito all’accaduto, in relazione alla protezione dell’ambiente ed alle possibili ripercussioni sul sistema di omologazione dei veicoli, vigente nell’Unione europea”. Si chiede quindi conto “se le anomalie riscontrate possano riguardare anche veicoli omologati e commercializzati nel territorio dell’Unione”. In questo caso si chiede, come Ministero, di “acquisire i risultati dei controlli di conformità che il KBA vorrà effettuare, a tutela dell’ambiente e della qualità dei prodotti omologati per il mercato dell’Unione”."

 

(Passaggi tratti dalle pagine di OmniAuto)

Link to post
Share on other sites

a me preoccupa più il silenzio assordante delle altre case sulla vicenda...il chè mi fa capire che gli altri sapevano del trucchetto eo lo usavano e dicono meno male non hanno beccato a me!

 

Se un minkionne di turno fosse con la coscienza limpida, di fronte ad una vicenda del genere si incazzerebbe di brutto e lo direbbe ai 4 venti...visto che cosi si sono drogate le vendite per anni...e invece...silenzio sconcertante...

 

qui io vedo solo la sconfitta dei consumatori finali, che di fronte a queste truffe dovrebbero fare del mega class action e riavere i soldi spesi...

Link to post
Share on other sites

ma forse non si è capito bene cosa è successo e da quello riportato sopra e che ho letto in giro,probabilmente non lo hanno capito nemmeno (come al solito) i vari politicanti...

 

premesso che secondo me i diesel rientrano nei limiti quando sono nuovi e tutto funziona alla perfezione,qui il problema non è se rispettano le normative E5 o E6 o quelle americane per poter essere omologati,ma il fatto che i krukki della VW hanno dichiarato(è volontaria la cosa) che i loro motori erano CLEAN DIESEL,ovvero che rispettassero alcune severe normative USA sulle emissioni oltre che di CO2 e particolato,anche e soprattutto di NOX....e per rispettare questi limiti hanno inserito un programmino che riparametrizzava la centralina quando la stessa si "accorgeva" che il veicolo stava funzionando nelle condizioni di test,ovvero con gas superparzializzato e carico ridottissimo(poi non so come facesse nello specifico,rimane il fatto che secondo me è una buffonata anche il ciclo di test perchè NESSUN guidatore usa l'auto in quelle condizioni!)

 

praticamente il problema non è che la VW faccia motori più inquinanti degli altri,ma il fatto che loro abbiano DICHIARATO che fossero MOLTO MENO inquinanti di quello che sono e per farlo abbiano TRUFFATO

Link to post
Share on other sites

a me preoccupa più il silenzio assordante delle altre case sulla vicenda...il chè mi fa capire che gli altri sapevano del trucchetto eo lo usavano e dicono meno male non hanno beccato a me!

 

Se un minkionne di turno fosse con la coscienza limpida, di fronte ad una vicenda del genere si incazzerebbe di brutto e lo direbbe ai 4 venti...visto che cosi si sono drogate le vendite per anni...e invece...silenzio sconcertante...

 

qui io vedo solo la sconfitta dei consumatori finali, che di fronte a queste truffe dovrebbero fare del mega class action e riavere i soldi spesi...

 

Dal Corriere della Sera di ieri:

 

Fca Usa, su nostre auto nessun dispositivo simile

 

In merito ai dubbi avanzati dal dipartimento di giustizia americano, l’unità Usa di Fiat Chrysler Automobiles fa sapere che le sue auto non sono dotate degli stessi dispositivi adottati da Volkswagen cioè del software, presente in 482 mila vetture diesel, che faceva apparire le automobili molto meno inquinanti di quanto fossero in realtà. «Fca Usa - si legge in un comunicato e-mail della compagnia - non usa dispositivi simili». Inoltre Fca Usa fa sapere che sta lavorando in modo ravvicinato con l’Epa e la California Air Resources Board per «assicurare che le sue vetture siano in regola con tutti i requisiti riguardanti le emissioni inquinanti».

 

...e di oggi:

 

Die Welt: «Il governo tedesco sapeva»

 

Secondo «Die Welt», la manipolazione dei controlli dei gas di scarico da parte della Volkswagen negli Usa era conosciuta dal Governo tedesco. Una notizia che pesa come un macigno sulle commissioni di inchiesta e che si evincerebbe da una risposta del ministro dei Trasporti tedesco ad una interrogazione dei Verdi del 28 luglio scorso. Nella risposta il Governo tedesco sostiene che è «in corso il lavoro sull’ulteriore sviluppo del quadro normativo comunitario» con l’obiettivo di ridurre «le reali emissioni» dei veicoli. Sempre secondo «Die Welt» il dispositivo che consente di ridurre le emissioni durante i test era conosciuto al Governo tedesco e il dispositivo non sarebbe specificamente legato ai motori a benzina o diesel.

 

Quindi questo potrebbe voler dire che non solo è coinvolto perfino lo stesso Governo tedesco ma anche che non si è ancora sicuri se siano coinvolte solo le vetture con motorizzazione Diesel.

Incredibile!

 

Tutto questo, potete star certi, avrà ripercussioni su tutta l'economia europea, compresa la nostra e che rischia di farci ripiombare in un'altra recessione. Criminali!

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...