Jump to content

Vedita delle vetture diesel in aumento.


Post consigliati

Visto che l'altro mio post sulla diminuzione dei consumi

di GPL è stato apprezzato continuo riportando uno stralcio

di un articolo apparso sul sole 24 ore di oggi relativo

all'incremento delle vendite di vetture a gasolio nei

primi 6 mesi del 2005.

 

Corre il diesel, nonostante i rincari del gasolio e la ormai prossima equiparazione del prezzo a livello della benzina. È quanto risulta dai dati dell'Unrae sulla struttura del mercato italiano, secondo cui nei primi sei mesi del 2005 la quota di penetrazione di vetture diesel, che rispetto al primo semestre dello scorso anno hanno guadagnato un ulteriore 2,6% di quota, portandosi al 59,06%, contro il 56,42% del semestre 2004. È un segno delle non ancora esaurite potenzialità delle motorizzazioni a gasolio, che pur non crescendo più in modo così marcato, confermano lo spiccato gradimento da parte del consumatore italiano. Secondo gli analisti dell'associazione che rappresenta le case estere, è probabile che a fine anno la quota diesel rappresenterà, in Italia, il 60% di tutte le immatricolazioni.

 

Penso che per la nostra categoria sia una buona notizia questa.

Saluti.

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 44
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Penso che per la nostra categoria sia una buona notizia questa.

Saluti.

57842[/snapback]

 

Ottima direi.

Basta vedere a cosa e' successo al prezzo della nafta per immaginarsi cosa succederebbe al prezzo del GPL in caso di boom...

E soprattutto, finche' siamo pochi, giriamo anche con i blocchi del traffico alla faccia dell' italiota naftaro e teutonicofilo :mellow:

 

cia'

Max

Link to post
Share on other sites
Visto che l'altro mio post sulla diminuzione dei consumi

di GPL è stato apprezzato continuo riportando uno stralcio

di un articolo apparso sul sole 24 ore di oggi relativo

all'incremento delle vendite di vetture a gasolio nei

primi 6 mesi del 2005.

 

Corre il diesel, nonostante i rincari del gasolio e la ormai prossima equiparazione del prezzo a livello della benzina. È quanto risulta dai dati dell'Unrae sulla struttura del mercato italiano, secondo cui nei primi sei mesi del 2005 la quota di penetrazione di vetture diesel, che rispetto al primo semestre dello scorso anno hanno guadagnato un ulteriore 2,6% di quota, portandosi al 59,06%, contro il 56,42% del semestre 2004. È un segno delle non ancora esaurite potenzialità delle motorizzazioni a gasolio, che pur non crescendo più in modo così marcato, confermano lo spiccato gradimento da parte del consumatore italiano. Secondo gli analisti dell'associazione che rappresenta le case estere, è probabile che a fine anno la quota diesel rappresenterà, in Italia, il 60% di tutte le immatricolazioni.

 

Penso che per la nostra categoria sia una buona notizia questa.

Saluti.

57842[/snapback]

 

purtroppo anke la nostra categoria però dovrà respirarsi le polveri sottili e puzzolenti di tutti quei diesel

:unsure:

Link to post
Share on other sites

Io ho tutta una mia teoria in proposito , che dovrebbe mettere noi gasati un po' tranquilli per i prossimi anni.

Gli americani hanno deciso di tenersi per loro la benzina, e di conseguenza devono rifilare il resto dei prodotti di raffinazione a qualcuno (che poi inquini o non non gliene frega una cippa): ora, gli altri prodotti della raffinazione sono gasolio e GPL, ecco quindi che l'Europa diventa naftalandia, mentre il discorso GPL al grande pubblico non è proponibile essendo solo una piccola percentuale del petrolio raffinato a diventare tale.

D'altronde, mentre svuotare una petroliera di greggio e riempirla di benzina è una cosa facilmente fattibile, fare lo stesso con del GAS è più complicato, quindi il GPL lo devono vendere "in loco" ai pochi che lo utilizzano (e mi raccomando non si faccia troppa pubblicità, visto che i petrolieri puntano per il futuro all' idrogeno, sempre derivato dal petrolio , sia chiaro..)

Quindi, il GPL sarà sempre snobbato dalla grande massa di utenti perché un aumento di richiesta non converrebbe a nessuno.

Più o meno la stessa ragione per cui non viene promosso il metano, visto che tale gas non è in mano alle compagnie petrolifere in modo così assoluto come l'oro nero.

Link to post
Share on other sites
Io ho tutta una mia teoria in proposito , che dovrebbe mettere noi gasati un po' tranquilli per i prossimi anni.

Gli americani hanno deciso di tenersi per loro la benzina, e di conseguenza devono rifilare il resto dei prodotti di raffinazione a qualcuno (che poi inquini o non non gliene frega una cippa): ora, gli altri prodotti della raffinazione sono gasolio e GPL, ecco quindi che l'Europa diventa naftalandia, mentre il discorso GPL al grande pubblico non è proponibile essendo solo una piccola percentuale del petrolio raffinato  a diventare tale.

D'altronde, mentre svuotare una petroliera di greggio e riempirla di benzina è una cosa facilmente fattibile, fare lo stesso con del GAS è più complicato, quindi il GPL lo devono vendere "in loco" ai pochi che lo utilizzano (e mi raccomando non si faccia troppa pubblicità, visto che i petrolieri puntano per il futuro all' idrogeno, sempre derivato dal petrolio , sia chiaro..)

Quindi, il GPL sarà sempre snobbato dalla grande massa di utenti perché un aumento di richiesta non converrebbe a nessuno.

Più o meno la stessa ragione per cui non viene promosso il metano, visto che tale gas non è in mano alle compagnie petrolifere in modo così assoluto come l'oro nero.

57969[/snapback]

 

Ciao, sara' pero' purtroppo io vedo che il prezzo del metano e' in costante crescita, qualcuno da qualche parte ha fatto la cronistoria del prezzo medio del metano negli anni, qualcuno e' in grado di farlo per il gpl, cosi' ci si fa un'idea?

 

ciao

 

P.S.

ovviamente, a dispetto del buonsenso, quello che c'e' scritto nell'articolo del 24 e' deprecabile perche' vede come negativo che il prezzo del gasolio sia quasi come la benzina, mentre sanno tutti che sono i carburanti piu' inquinanti a dover essere tassati di piu'.

Link to post
Share on other sites
Io ho tutta una mia teoria in proposito , che dovrebbe mettere noi gasati un po' tranquilli per i prossimi anni.

Gli americani hanno deciso di tenersi per loro la benzina, e di conseguenza devono rifilare il resto dei prodotti di raffinazione a qualcuno (che poi inquini o non non gliene frega una cippa): ora, gli altri prodotti della raffinazione sono gasolio e GPL, ecco quindi che l'Europa diventa naftalandia, mentre il discorso GPL al grande pubblico non è proponibile essendo solo una piccola percentuale del petrolio raffinato  a diventare tale.

D'altronde, mentre svuotare una petroliera di greggio e riempirla di benzina è una cosa facilmente fattibile, fare lo stesso con del GAS è più complicato, quindi il GPL lo devono vendere "in loco" ai pochi che lo utilizzano (e mi raccomando non si faccia troppa pubblicità, visto che i petrolieri puntano per il futuro all' idrogeno, sempre derivato dal petrolio , sia chiaro..)

Quindi, il GPL sarà sempre snobbato dalla grande massa di utenti perché un aumento di richiesta non converrebbe a nessuno.

Più o meno la stessa ragione per cui non viene promosso il metano, visto che tale gas non è in mano alle compagnie petrolifere in modo così assoluto come l'oro nero.

57969[/snapback]

 

Ciao, sara' pero' purtroppo io vedo che il prezzo del metano e' in costante crescita, qualcuno da qualche parte ha fatto la cronistoria del prezzo medio del metano negli anni, qualcuno e' in grado di farlo per il gpl, cosi' ci si fa un'idea?

 

ciao

 

P.S.

ovviamente, a dispetto del buonsenso, quello che c'e' scritto nell'articolo del 24 e' deprecabile perche' vede come negativo che il prezzo del gasolio sia quasi come la benzina, mentre sanno tutti che sono i carburanti piu' inquinanti a dover essere tassati di piu'.

57987[/snapback]

 

 

 

bè, il gpl oggi è a pari col prezzo che aveva durante la crisi petrolifera del '99 :wacko:

Link to post
Share on other sites

Per non parlare dell'affidabilità degli ultimi motori diesel......vorrei proprio vedere se arrivano alle percorrenze kilometriche dei vecchi motori di qualche anno fa ma soprattutto ai motori benzina di pari cilindrata.....ho proprio i miei dubbi!!!

Link to post
Share on other sites
Per non parlare dell'affidabilità degli ultimi motori diesel......vorrei proprio vedere se arrivano alle percorrenze kilometriche dei vecchi motori di qualche anno fa ma soprattutto ai motori benzina di pari cilindrata.....ho proprio i miei dubbi!!!

58010[/snapback]

 

 

la mia focus tdci a 130.000 era scoppiata

Link to post
Share on other sites

I disel di una volta ... erano trattori non auto ... ormai ce li sogneremo ! ! !

Io vengo da una famiglia di disellisti (anche perchè la ditta di famiglia e di autotrasporti) poi io mi sono staccato per il GPL (sono sincero causa blocchi del traffico che per qualche oscura morale) ...

Avevo una vecchia Opel Kadett 1.6 Ds del 1986 l'ho cambiata a circa 380.000km perchè erano partiti 2 iniettori e non si trovavano per sostituirli! ! ! Ho cambiato tutto il motore (ho fatto un affare auto del 95 65000km), consumava un pelino di meno, le prestazioni erano migliori ma a 198000km si e spenta ... ... ... ne abbiamo fatti di passi avanti è ... ... ...

Ora non lascerò più il GPL

Link to post
Share on other sites

Non e' del tutto vero che i nuovi diesel durano meno vi porto l'esempio di un mio conosciente taxista:

mercedes e 250 diesel aspirato del 1996 sostituita a 420000km per cedimento della testata

mercedes e 220 cdi del 2000 sostituita a 400000 km senza alcun problema

 

Comunque in ogni caso sappiate che la normativa europea impone che tutti i motori automobilistici vengano testati al banco dinamometrico e sentite per quanti kilometri:

-160000km per motori a benzina.

-250000km per motori diesel.

Link to post
Share on other sites
Non e' del tutto vero che i nuovi diesel durano meno vi porto l'esempio di un mio conosciente taxista:

mercedes e 250 diesel aspirato del 1996 sostituita a 420000km per cedimento della testata

mercedes e 220 cdi del 2000 sostituita a 400000 km senza alcun problema

 

Comunque in ogni caso sappiate che la normativa europea impone che tutti i motori automobilistici vengano testati al banco dinamometrico e sentite per quanti kilometri:

-160000km per motori a benzina.

-250000km per motori diesel.

58048[/snapback]

 

 

 

esempio lampante, lo squalo del mio papà cambiato ancora funzionante a 540.000 km....

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...