Jump to content

Toyota Auris Hybrid+GPL


Post consigliati

forse conviene attendere 3-4 pieni ed avere dati piu' precisi, non mi sembra un gran risultato francamente.....

Concordo anche perchè io con la mia umilissima Bravo per fare 490 km consumo 8-9 litri in più quindi non sarebbe un gran risparmio...

 

quindi fai i 12,consumi quasi il 30% in più.

Perchè non sarebbe un gran risparmio?

perchè è ibrida e non si avvale del motore a benzina al 100%

 

Dipende. In percorsi urbani, con molte accelerazioni e decelerazioni, oltre che soste, è vero. Su extraurbano a velocità abbastanza costante o autostrada il contributo dell'elettrico (che ricordo si alimenta con recuperi energetici, quindi in decelerazione) è praticamente trascurabile

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 442
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Insisto, rilancio: la Aurisi è anche una vettura piuttosto alta di Sagoma, quasi un monovolume, con 5 posti assolutamente REALI. ottenere quei consumi è un ottimo risultato. Non è miracoloso perché anche se nessuno lo vuol dire, neanche a benzina lo è.

Ma questo è un'altro discorso!

Link to post
Share on other sites

sedici al litro a gpl con 135 sono un buon risultato..... dipende poi dai tratti di strada, sicuramante non e' un auto per percorsi autostradali.. per fare quello va piu' che bene il multiair fiat da 140 cv montato ad esempio su giulietta.

 

Se mi parlate di percorrenze cittadine o misto citta'-extra allora e' un buon consumo

Link to post
Share on other sites

Uhm, come ho scritto sono passato anche io all' ibrido elettrico dopo 2 berline gplizzate :) Poter mettere a gpl una ibrida elettrica è una soluzione che dal punto di vista dei costi carburante oggi credo sia il meglio, ovviamente non è che nei costi di gestione di una auto ci siano solo quelli, va calcolato anche il maggior prezzo di acquisto iniziale e il costo dell' impianto aggiuntivo.

Tutto ok, quindi? Non necessariamente, perché i pacchi batterie aggiuntivi portano via spazio, e se dobbiamo aggiungere anche le bombole GPL si rischia di avere capienza del baule decisamente ridotta; un altro problema poterebbe essere (ma non voglio gufare) quanto digerisca il gas un motore giapponese a ciclo Atkinson.

Personalmente, non mi sono posto la questione perché ho una auto con doppia iniezione diretta ed indiretta e sono tornato a fare il pendolare del pieno in Svizzera, per cui alla fine rispetto alla mia Sonica precedente ho dei costi kmetrici per il carburante simili avendo incrementato la cavalleria di un centinaio di equini :)

Certo, un doppio ibrido GPL-elettrico ha grandi prospettive, insieme ad una quantità di complicazioni, a partire dal fatto che il motore termico continua a accendersi e spegnersi, oltre al discorso della iniezione diretta.

Rimango curioso, anche se come ripeto non credo che nessun pazzo si metterebbe a farlo sulla mia Lexus ibrida, molto meglio a quel punto prendere una GS300 solo termica e gasare quella.

Link to post
Share on other sites

Io rimango sempre in fiduciosa attesa di un bel veicolo ibrido seriale in cui la trazione sia affidata esclusivamente a motori elettrici (magari uno per ruota, cosa che permetterebbe di avere tutti i possibili e immaginabili controlli a proposito di frenata, trazione, ripartizione, slittamento...) e la fonte di energia elettrica sia costituita da un discreto pacco batterie (diciamo 40-60km di autonomia) ricaricato da un motore termico (otto, diesel, a turbina...) adibito solo a tale scopo e magari predisposto per utilizzare vari tipi di carburante, con le conseguenti vistose conseguenze positive in termini di semplificazione meccanica (niente organi di trasmissione del moto dal motore termico alle ruote, niente cambio, niente frizione), riduzione dei pesi, della rumorosità, delle emissioni, delle spese di manutenzione e così via

 

Purtroppo, a giudicare dalle tendenze (tecnologiche ma soprattutto commerciali) del settore, ho il sempre più palpabile sospetto che non vivrò abbastanza a lungo per vedere tale attesa soddisfatta.

Link to post
Share on other sites

 

Purtroppo, a giudicare dalle tendenze (tecnologiche ma soprattutto commerciali) del settore, ho il sempre più palpabile sospetto che non vivrò abbastanza a lungo per vedere tale attesa soddisfatta.

 

Il problema non è di tendenza, ma decisamente tecnologico, perché nonostante abbiano fatto grandi miglioramenti, il collo di bottiglia della tecnologia elettrica è (e temo rimarrà fino alla comparsa di qualche innovazione rivoluzionaria) l' immagazzinamento della energia tramite batteria: già oggi, le batterie delle nostre ibride, per quanto ingombranti, hanno la funzione di un piccolo buffer nel flusso totale (ho usato analogie informatiche perché forse rendono meglio l' idea in ambiente informatizzato come un forum).

Finché non si risolve il problema di dove mettere in poco spazio e peso l' elettricità prodotta non si può andare molto oltre.

Link to post
Share on other sites

A dire il vero l'ibrido seriale non avrebbe bisogno di grandi serbatoi per l'energia elettrica; quello è un (anzi, IL) problema delle auto elettriche in senso stretto. Un "buffer" capace di garantire qualche decina di km di percorrenza (che mi pare già esista su alcune ibride recenti) potrebbe essere più che sufficiente.

 

Come ormai è ben noto (fin dai tempi in cui i motori diesel, a detta degli esperti, MAI e poi mai avrebbero potuto raggiungere livelli di prestazioni lontanamente paragonabili a quelli dei motori a benzina a causa di insormontabili intrinseci ostacoli tecnologici), la "tendenza" ha un enorme potere in queste cose, se non altro perché può avere un peso determinante nelle decisioni relative agli investimenti in ricerca e sviluppo. Se costruisco frigoriferi e la mia clientela dimostra, con i propri acquisti o non acquisti, di essere molto PIù interessata e sensibile alla spaziosità e all'estetica e alla presenza di display lcd ecc. CHE al basso consumo di energia elettrica e alla silenziosità, allora sarà ben difficile che io, dovendo scegliere la destinazione degli investimenti, decida di devolverli allo studio di cose che "non si vedono" : nuove soluzioni di risparmio energetico, di isolamento termico e acustico...

 

Al momento il reale costo di esercizio delle autovetture, a cominciare dal consumo di carburante, continua a NON essere ai primi posti nelle classifiche dei compratori, come dimostra ampiamente, ad esempio, il fatto che ancora oggi si continuino a vendere senza particolari difficoltà vetture medie e anche piccole che nell'impiego reale non riescono a superare i 12-14km con un litro di carburante (consumo che tutt'ora viene spesso giudicato normale o addirittura buono persino nelle cosiddette riviste specializzate). SE invece hanno troppo pochi psico-cavalli oppure non hanno i sensori di parcheggio o l'aria condizionata o il bluetooth o la presa usb o il navigatore con display multifunzione ALLORA diventano subito più difficili da vendere, sia da nuove che da usate. O no?

Link to post
Share on other sites

ma guarda che c'e' gia' l'auto che dici tu.... e' la chevrolet volt, opel ampera per il mercato europeo !

 

Magari non esattamente come la vorresti tu, ma ci si avvicina molto.

La trazione e' affidata solo al motore elettrico quello termico fa' da ricarica....

 

vattela a vedere e provare in concessionaria!

poi magari apri il portafoglio e sborsi 45.000 euro!

 

ti piace ancora l' auto elettrica?

Link to post
Share on other sites

 

> poi magari apri il portafoglio e sborsi 45.000 euro!

 

> ti piace ancora l' auto elettrica?

 

Infatti, quello che alla fine conta è l' apertura del portafoglio. Quando si troverà una soluzione che complessivamente è più vantaggiosa economicamente a parità di prestazioni e caratteristiche, le cose si muoveranno diversamente, ad oggi i vantaggi delle ibride elettriche (seriali o no) dal punto di vista puramente economico non ci sono, rispetto che so, ad un equivalente gasato o diesel.

Sia ben chiaro, parlo di soldi, perché altri vantaggi, fluidità, silenzio, per andare a quelli fittizi creati dai legislatori, ci sono.

E lo dico da guidatore soddisfatissimo di auto ibrida, che però non posso certo definire la mia Lexus GS economica. Del resto, si guardasse solo alla economia, si dovrebbe girare tutti con motori molto più piccoli e finiture decisamente spartane, e per piccoli spostamenti basterebbe la bici 8-).

Sicuramente già oggi alcune ibride elettriche sono competitive rispetto ad alcune soluzioni solo termiche (andando a scegliere fra le auto che vengono vendute a caro prezzo per ragioni di immagine/moda), ma obbiettivamente come è un po' difficile che un potenziale compratore di BMW vada a considerare una Toyota ibrida a pari prezzo.

Link to post
Share on other sites

Premetto che ad oggi io mi ritengo soddisfatto dei miei consumi.

Forse però tale soddisfazione deriva anche dalla mia contentezza di avere l'auto nuova, o del mio poco storico con auto a gpl e quindi ho pochi dati con cui fare i paragoni, o magari perchè ho speso ben 22 € per percorrere 500km mentre prima ne avrei spesi 5-6 in più ma con una auto più piccolina, pertanto potrei essere non abbastanza obbiettivo.

 

Mi sembra di capire che in effetti alcuni non ritengano il consumo da me rilevato un dato sufficientemente soddisfacente.

Secondo voi quindi, quali sarebbero dovuti essere i consumi per essere ritenuti buoni?

Quali sono le altre auto, magari 5 porte da 4,20m, massa da 1300kg e con circa 200nm di coppia (o anche di tutt'altra categoria), che è appurato che riescono a ottenere consumi simili senza l'ausilio del sistema ibrido, sia in urbano che statale che autostrada? Per quanto ne so io il consumo A BENZINA in autostrada della Giulietta 140cv multiair citata è circa 12km/l; perchè in quel caso andrebbe bene mentre il mio 16km/l a GPL (che sarebbero 19/20 km/l reali a benzina) vanno un pò meno bene? Però potrei sbagliarmi non avendo esperienz diretta.

 

Per quanto riguarda invece le auto elettriche, quanto vi aspettate che consumino di elettricità? E a che costi?

Link to post
Share on other sites

Premetto che ad oggi io mi ritengo soddisfatto dei miei consumi.

Forse però tale soddisfazione deriva anche dalla mia contentezza di avere l'auto nuova, o del mio poco storico con auto a gpl e quindi ho pochi dati con cui fare i paragoni, o magari perchè ho speso ben 22 € per percorrere 500km mentre prima ne avrei spesi 5-6 in più ma con una auto più piccolina, pertanto potrei essere non abbastanza obbiettivo.

 

Mi sembra di capire che in effetti alcuni non ritengano il consumo da me rilevato un dato sufficientemente soddisfacente.

Secondo voi quindi, quali sarebbero dovuti essere i consumi per essere ritenuti buoni?

Quali sono le altre auto, magari 5 porte da 4,20m, massa da 1300kg e con circa 200nm di coppia (o anche di tutt'altra categoria), che è appurato che riescono a ottenere consumi simili senza l'ausilio del sistema ibrido, sia in urbano che statale che autostrada? Per quanto ne so io il consumo A BENZINA in autostrada della Giulietta 140cv multiair citata è circa 12km/l; perchè in quel caso andrebbe bene mentre il mio 16km/l a GPL (che sarebbero 19/20 km/l reali a benzina) vanno un pò meno bene? Però potrei sbagliarmi non avendo esperienz diretta.

 

Per quanto riguarda invece le auto elettriche, quanto vi aspettate che consumino di elettricità? E a che costi?

 

in effetti come costi carburante non c'e' storia vince auris....

Link to post
Share on other sites

 

in effetti come costi carburante non c'e' storia vince auris....

 

E io mi associo, quello che si scriveva non era sul costo carburante in sè, ma sul fatto che ad oggi una ibrida elettrica costa mediamente di più di una analoga auto termica, e nemmeno di tutte, perché quelle cosiddette "premium" che io definirei modaiole costano uguale se non di più. In ogni caso, quei consui con la tua mi paiono ottimi.

Link to post
Share on other sites
...c'è già l'auto che dici tu.... è la chevrolet volt, opel ampera per il mercato europeo...

 

É vero che quell'auto esiste, ma NON è vero che si tratti di quella "che dico io".

Non si tratta infatti di un vero ibrido seriale, dal momento che il motore a benzina NON viene utilizzato solo per produrre energia elettrica ma anche, in talune circostanze (forse un pochino più rare rispetto a quanto accade in altre auto ibride), per la trazione diretta del veicolo.

Di conseguenza la vettura dispone, tra l'altro, di trasmissione e cambio (automatico).

 

Sapevo della sua esistenza e l'avevo già "studiata", scoprendo tra l'altro che a conti fatti i consumi di benzina, ricariche domestiche a parte (ma quelle non vanno conteggiate nei consumi di carburante, altrimenti si bara spudoratamente), si attestano sui 16km/l, quando la mia vecchia berlina turbodiesel si mantiene da sempre sui 19-20. Una ragione in più per non esserne attratto neanche un po', se non dal punto di vista dell'interesse per gli sviluppi della tecnologia e delle tendenze commerciali.

 

Infine c'è il prezzo, proibitivo, che dimostra ancora più chiaramente che NON si tratta dell'auto di cui parlavo io.

Tutt'al più potrà essere un passettino avanti in direzione del traguardo, tutt'ora lontano.

 

 

PS. Per quanto riguarda i costi del... carburante, al momento le auto elettriche "pure" sarebbero di gran lunga le più convenienti in assoluto, visto che per percorrere 100km servono più o meno 20kWh ovvero, alle normali tariffe domestiche, 2-4€. Però ci sono al momento alcuni "effetti collaterali" assai gravosi, non solo di carattere strettamente monetario. Oltre alla scarsa autonomia e ai prezzi di acquisto e ai costi delle batterie, infatti, ci sarebbe la necessità di rispondere con onestà ad alcune domandine, tra cui ad esempio:

  • quanta potenza assorbe la macchina durante le N ore di ricarica "da una normale presa domestica"?
  • un normale contratto domestico da 3kW è compatibile?
  • nell'ipotesi che un numero considerevole di persone adottasse tale soluzione, da quale "ecologico" cilindro verrebbe estratta la colossale aggiuntiva quantità di energia elettrica necessaria?

Link to post
Share on other sites

Sta mattina ho fatto il 3°pieno, il cdb segnava un consumo medio di 24,60km/l.

A differenza del precedente non ho fatto autostrada, ma solo statale e città e ho sempre usato una guida piuttosto tranquilla.

Faccio presente che per almeno la metà dei km percorsi sono con partenze a freddo con tragitti da 6km (casa-lavoro e piccole uscite).

 

Percorsi 481km ed ancora il pieno non era terminato.

La bella notizia è stata che ieri che costava 0,72€/l in tutti i distributori della zona e oggi è passato a 0,694€/l.

Sono entrati 23,77l per la modica cifra di €16,50 quindi il consumo è stato di 20,24km/l.

Link to post
Share on other sites

Sta mattina ho fatto il 3°pieno, il cdb segnava un consumo medio di 24,60km/l.

A differenza del precedente non ho fatto autostrada, ma solo statale e città e ho sempre usato una guida piuttosto tranquilla.

Faccio presente che per almeno la metà dei km percorsi sono con partenze a freddo con tragitti da 6km (casa-lavoro e piccole uscite).

 

Percorsi 481km ed ancora il pieno non era terminato.

La bella notizia è stata che ieri che costava 0,72€/l in tutti i distributori della zona e oggi è passato a 0,694€/l.

Sono entrati 23,77l per la modica cifra di €16,50 quindi il consumo è stato di 20,24km/l.

Non rabboccare, se vuoi fare una stima precisa dei consumi devi finire tutto il gas, fare il pieno, finirlo e rifare il pieno dallo stesso distributore. Il calcolo lo fai dividendo i km percorsi con il gas che entra nell'ultimo pieno.
Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...