Jump to content

Montato Icom Jtg Hp su Bmw 320 diretta


Post consigliati

Ma se il motore è a iniezione diretta di benzina non c'è nessuna vaporizzazione che raffredda le valvole.
Ti sbagli, la benzina nell'incendiarsi passa da liquida a gassosa. Con le spruzzate del'impianto misti avverrebbe lo stesso.
Link to post
Share on other sites
  • Risposte 194
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Posted Images

Non voglio insistere, ma il fenomeno dell'asportazione di calore, o più semplicemente raffreddamento, non c'entra nulla ne con la direzione degli spruzzi, ne con la combustione.

Il calore latente di evaporazione è il calore che ogni gas assorbe dall'ambiente circostante, (anche il piattello delle valvole, ma non solo...) durante il passaggio da liquido a gassoso. Non a caso ho fatto l'esempio dei frigoriferi. Il freon è una miscela di gas che passa da liquido a gassoso variando la sua pressione di poche atmosfere. Il frigorifero è fatto da una pompa che comprime questo gas, poi un riduttore di pressione o ugello, poi subito dopo, un radiatore che si raffredda.......... perchè? perche il freon passa da liquido a gassoso. Punto. Non brucia e non fa altro.

E' un fenomeno fisico non chimico.

la combustione invece è una reazione chimica ed è un argomento separato.

Detto questo parliamo della benzina, che invece poi brucia...... se la benzina restasse liquida nel cilindro, vaporizzata in microgocce, o via così, succederebbe quello che accade nella mia splendida 750 four del 72....... ogni volta che tento di accenderla, si bagna almeno una candela e parte una volta a 3 cilindri, una volta 2 ecc. ecc. il resto si ingolfa e bisogna smontare tutto e ripulire.

Questo per dire che la benzina non deve restare liquida.

La benzina vaporizzata da un iniettore in microgocce, non resta liquida!! Vaporizza anche lei in buona parte a GAS, per il calore del cilindro (asportando calore) e nella parte gassosa si innesca un fronte di fiamma......la parte liquida in genere crea gli incombusti !!!

Finisco parlando del TFSI Audi... è a miscela magra.

Tanto magra che la combustione addirittura non ce la fa ad innescarsi.

Per far funzionare il motore con questa miscela magra, il getto è localizzato sugli elettrodi della candela (e non su pistone), dove si crea una microarea di miscela ricca a sufficienza da innescare la combustione.

A voi ora coprirmi di critiche.

Saluti

Link to post
Share on other sites

La querelle era nata sul fatto che usando il GPL in maniera "indiretta" si scaldano le valvole ..... mentre con un impianto gpl che usi gli iniettori benzina questo fenomeno non c'è. Poi lo so anche io che il getto è direzionato (In alcuni casi) più verso candela (In questo caso la candela è particolare), mentre per esempio il JTS Alfa Romeo aveva una "nicchia" sul pistone dove il getto "vorticava" !

 

Dato che io sostengo (specialmente in questo caso sulle valvole aspirazione) che è il GPL caldo a facilitare il fenomeno, non di usura ma di "cedimento plastico" del materiale dovuto alle temperature più alte di lavoro.

Link to post
Share on other sites

E comunque sempre un problema di combustione più lenta, che implica che le valvole di scarico possano essere investite da gas esausti ancora troppo caldi rispetto a quanto avverrebbe a benzina.

 

Questo prescinde dall'iniezione diretta o indiretta di gpl, è un problema di combustione di questo gas rispetto alla benzina

 

Il fatto che vaporizzando sottragga calore, è vero, ma lo fa prima della combustione, dunque non influisce in modo rilevante sulla temperatura dei gas di scarico nel momento che investono le valvole, ma al limite incide sul rendimento termodinamico (che dipende dal rapporto tra la temperatura finale e iniziale del fluido di lavoro)

 

In sostanza l'evaporazione del gpl in camera di combustione, purtroppo, non aiuta in modo sostanziale a ridurre il problema della recessione valvole, indipendentemente da quanto venga dichiarato dal produttore dell'impianto (oltretutto non esattamente disinteressato...)

Link to post
Share on other sites

Se il gpl ha potere calorifero inferiore a benzina, di solito il 20% o anche più, si deve ingrassare anche un diretto di almeno il 20%.

Quindi, ingrassando la miscela è idonea se non pari a quella che il motore si aspetta a benzina, ergo la combustione successiva all'espandersi del gpl da liquido a gassoso (che sottrae parecchie decine di gradi centigradi di calore istantaneamente) è pari a quella benzina.

Concludendo, le sedi valvole non lavorano a temperature alte, e la miscela sicche' ingrassata è parimenti uguale a quella che avverrebbe a benzina.

Niente usura valvole o retrocessioni varie.

 

Smagrendo, come nel caso del collega Audi (credo sia il minimo a caldo leggermente magro), è vero che avremmo migliorie in termini di consumo, ma avremmo niente più niente niente meno il problema di una carburazione magra, a tal punto da udire battiti in testa, e a lungo andare retrocessioni valvole per la non corretta centratura del valore stechiometrico. Una carburazione magra porta calore (l'ossigeno brucia), mentre una carburazione più grassa non dovrebbe. Sempre in teoria.

 

P.s. Per Signo: nel tempo ho capito cosa mi faceva dedurre, sbagliando, che la pompa sopra la flangia girasse di più spingendo, questi era per lo più il turbo, ed in particolari momenti la smax forniva più tensione di alternatore, ovviamente facendo girare di più la pompa. Testato con multimetro digitale, e facendo caso meglio al tutto. erano i primi tempi, adesso dopo alcuni mesi di guida ho imparato a riconoscere qualcosina in più. Da' delle soddisfazioni questo sistema. Ed è la prima volta che vedo una gestione elettronica della tensione di alternatore modulata e non istantanea. sarà che ero abituato ad altri generi di auto..

Link to post
Share on other sites

E comunque sempre un problema di combustione più lenta, che implica che le valvole di scarico possano essere investite da gas esausti ancora troppo caldi rispetto a quanto avverrebbe a benzina.

 

Questo prescinde dall'iniezione diretta o indiretta di gpl, è un problema di combustione di questo gas rispetto alla benzina

Mi sembra di capire che ci sono scuole di pensiero diverse su questo tema.

Se la combustione è lenta, non escono fiamme dalla valvola di scarico, sarebeb un DRAGSTER ..... escono semmai incombusti, e anche li sai i botti in marmitta!!! credo che l'anticipo serve a questo..... si modifica per iniziare a bruciare prima, per uscire con gas combusti.

 

Il fatto che vaporizzando sottragga calore, è vero, ma lo fa prima della combustione, dunque non influisce in modo rilevante sulla temperatura dei gas di scarico nel momento che investono le valvole, ma al limite incide sul rendimento termodinamico (che dipende dal rapporto tra la temperatura finale e iniziale del fluido di lavoro)

Certo, si sottrae calore prima. Certo, il gas ha sempre la stessa temperatura. Ma se con lo stesso gas caldo scaldi una valvola più fredda alla fine avrai una valvola un pò meno calda..... o no?

 

In sostanza l'evaporazione del gpl in camera di combustione, purtroppo, non aiuta in modo sostanziale a ridurre il problema della recessione valvole, indipendentemente da quanto venga dichiarato dal produttore dell'impianto (oltretutto non esattamente disinteressato...)

è proprio perchè so bene che queste informazioni vengono date dai costruttori in modo "interessato" che ne discuto in un forum che ritengo neutro.

Link to post
Share on other sites

Dato che io sostengo (specialmente in questo caso sulle valvole aspirazione) che è il GPL caldo a facilitare il fenomeno, non di usura ma di "cedimento plastico" del materiale dovuto alle temperature più alte di lavoro.

cedimento plastico......... sicuramente se un costruttore deve risparmiare usa materiale nobile per lo scarico e meno nobile per l'aspirazione..

Ma parlare di cedimento plastico.... non è eccessivo?

Anche la recessione, che è usura della matrice metallica, avviene per ossidazione !! roba chimica, agevolata dall'alta temperatura...... le teste, dentro, diventano rosa per i sali di ferro....

 

La deformazione plastica avviene a temp vicine alla fusione del metallo. SONO 1500 GRADI raga' !!!Che io sappia avviene solo nelle palette delle turbine degli aerei... che vengono sostituite perchè diventano molli, si allungano per forza centrifuga e vanno a raschiare il tubo contenitore.....

Link to post
Share on other sites

Se il gpl ha potere calorifero inferiore a benzina, di solito il 20% o anche più, si deve ingrassare anche un diretto di almeno il 20%.

..............

Niente usura valvole o retrocessioni varie.

Come vedete Giupippo è di diverso parere, e sulla "recessione valvole" concorda coi costruttori di impianti "diretti".

Che il GPL abbia 20% meno di "potere calorico" e assodato e siamo tutti daccordo. Però.......

Ho sentito dire che coi diretti puoi scegliere entro certi range se:

tenere stessa potenza, col 20% in più di consumo, oppure

tenere la iniezione di gas uguale alla benza e avere 20% meno di potenza.

Mi piacerebbe sapere in quale dei 2 modi devasto di più le valvole........ secondo voi?

 

 

Smagrendo, come nel caso del collega Audi (credo sia il minimo a caldo leggermente magro), è vero che avremmo migliorie in termini di consumo, ma avremmo niente più niente niente meno il problema di una carburazione magra, a tal punto da udire battiti in testa,

i battiti sono esplosioni anzichè combustioni con fronte di fiamma progressivo. Non so se avvengono oanche nei TFSI che sono già a miscela magra in origine........

 

Una carburazione magra porta calore (l'ossigeno brucia), mentre una carburazione più grassa non dovrebbe. Sempre in teoria.

Risulta anche a me, ma no riesco a capire bene il motivo.

L'ossigeno non brucia. Fa bruciare. Se non c'è nulla di combustibile lui da solo non brucia....

Link to post
Share on other sites

Kuorenero, se batte anche a benzina, allora è la miscela del TFSI magra che ci mette di suo, non mi preoccuperei.

 

Ziopedro, dipende da come la centralina della auto si comporta, se accetta range di tolleranza ampi sulla miscela combustibile/aria, o abbastanza stretti come il 2.0 ecoboost, che a quanto pare fra sensori di anticipo in camera di scoppio, sensori di pressione H e L, ritorni di feedback fra sensori posti qua e la', ci ha il range piccolo.... ogni motore ha una storia a se', sulla tua a4 non aspetteri oltre, è una di quelle che "beve" quanto basta le storielle dei range di tolleranza, cioè va e basta.

 

L'ossigeno è il comburente, il gpl è il combustibile, più comburente c'è, più il valore di fiamma è elevato, quindi il calore prodotto.

Vicecersa meno comburente c'è, meno valore di fiamma c'è, ma in questo caso maggiore valore di esplosione, con una quantità di combusti più elevata.

 

Le sedi valvole o sono rinforzate, o sono in lega ultraleggera deformabile.

 

Il migliore rimedio futuribile e non ci pensiamo più ? motore a propulsione magnetica, una sorta di accelleratore di magnetoni, fra cento anni forse. Ma qui siamo clamorosamente OT.

Link to post
Share on other sites

Se il gpl ha potere calorifero inferiore a benzina, di solito il 20% o anche più, si deve ingrassare anche un diretto di almeno il 20%.

Quindi, ingrassando la miscela è idonea se non pari a quella che il motore si aspetta a benzina, ergo la combustione successiva all'espandersi del gpl da liquido a gassoso (che sottrae parecchie decine di gradi centigradi di calore istantaneamente) è pari a quella benzina.

Concludendo, le sedi valvole non lavorano a temperature alte, e la miscela sicche' ingrassata è parimenti uguale a quella che avverrebbe a benzina.

Niente usura valvole o retrocessioni varie.

Proprio per questo ragionamento, l'impianto misto gpl indiretto (quindi gassoso) + spruzzate di benzina, dovrebbe comunque essere esente dal problema in quanto le spruzzate di benzina necessarie per salvaguardare gli iniettori consentirebbero comunque la sottrazione di calore di cui sopra!
Link to post
Share on other sites

Giupippo: ok! vera la storia dei sensori e dell'autoregistrazione mediante centralina degli anticipi !!...... Curiosa la questione miscela magra. Secondo te l'eccesso di "aria" (quindi ossigeno - che si ottiene oggi facilmente con i turbo), crea un fronte di combustione (che tu chiami valore di fiamma) più veloce e capace di aumentare la temperatura a fine combustione?

Quindi ricapitolo per mia chiarezza...... combustione più rapida, tutto il potere calorico liberato in un tempo più breve ...... TEMPERATURA FINALE PIU' ALTA a parità di potere calorico. CI STA ! Grazie ! è una spiegazione valida.

 

In teoria i TFSI devono avere sedi rinforzatecome standard, perchè anche a benzina lavorano a miscela magra e temperature alte come standard ..... o no??

 

Per ROLLO: sei fuori strada.

Negli impianti misti, l'iniezione liquida del gas è nei collettori quindi raffredda i collettori (senza alcun giovamento valvole) mentre l'iniezione liquida di benzina è si nei cilindri, ma in quella proporzione (15%) è irrilevante ai fini dell'usura valvole e delle temperature. Infatti PRINS raccomanda il valve care con l'impianto VSI misto.

Queste microiniezioni di benzina servono soltanto a tenere liberi da depositi carboniosi (quelli sulle candele per internderci) ed incrostazioni, i forellini degli iniettori;

questa è la reale problematica degli iniettori inattivi in camera di scoppio........ mica bruciano o fondono !!! .....

Tho, magari si rovina qualcosa di elettrico (bobine, comandi, ecc.) perchè salgono di temperatura, oppure si riempiono di bolle gassose se la benzina ristagnante si scalda troppo ed evapora.......

 

A riprova di questa cosa, sta il fatto che le alfa ad iniezione diretta, male sopportano gli impianti misti....Dopo un pò di tappano gli iniettori.

Forse perchè non essendo a miscela magra, hanno sedi valvole "normalmente deboli"

Forse perchè hanno un fronte di fiamma normalmente stechiometrico e carbonioso.......

RAGA', .... son rimasto di stucco quando in Audi mi hanno detto che le mie candele, del 2000 FSI (tre elettrodi al platino) si cambiano dopo 90.000 km !!!!!! credevo di essere stato pres in giro da Norauto.... !!!! Il TFSI brucia meglio. Evidente !

 

Ciao.

Link to post
Share on other sites

Per ROLLO: sei fuori strada.

Negli impianti misti, l'iniezione liquida del gas è nei collettori quindi raffredda i collettori (senza alcun giovamento valvole) mentre l'iniezione liquida di benzina è si nei cilindri, ma in quella proporzione (15%) è irrilevante ai fini dell'usura valvole e delle temperature. Infatti PRINS raccomanda il valve care con l'impianto VSI misto

Che il gas non c'entra nulla non devi spiegarmelo, NON L'HO MAI SCRITTO, NON HO PARLATO DEL GAS.

Che quelle iniettate di benzina non siano sufficenti, siano irrilevanti lo sostieni in base a quale preparazione tecnica che non sia una supposizione tua personale?

Se in un impianto tradizionale su vetture ad iniezione INderetta in caso di sedi valvole cagionevoli si aggiungono le iniettate di benzinai (considerate unanimamente più efficaci di flashlube e valvecare vari), perché le iniettate di cui sopra nell'impianto misto su iniezione diretta non dovrebbero avere lo stesso effetto? (lo so che servono per gli iniettori non ripeterlo per favore.)

Non portare come riferimento i consigli di Prins. Consigliano il valvecare per qualsiasi auto.

A riprova di questa cosa, sta il fatto che le alfa ad iniezione diretta, male sopportano gli impianti misti....Dopo un pò di tappano gli iniettori.

Forse perchè non essendo a miscela magra, hanno sedi valvole "normalmente deboli"

Quelle alfa non hanno particolari problemi alle sedi valvole, sono gli iniettori che valgono ben poco come tenuta materiali Se ne è parlato molto nel forum.
Link to post
Share on other sites

Che quelle iniettate di benzina non siano sufficenti, siano irrilevanti lo sostieni in base a quale preparazione tecnica che non sia una supposizione tua personale?

:D ..questa tua "perla di presunzione" l'ho già quotata altrove, ma ne approfitto per ribadire il concetto lapalissiano che qui son tutte "supposizioni personali", anche le mie ovviamente ;) e solo quelle che provengono da mecca\installa, hanno un pelino di peso in più... B)

 

Se ... in caso di sedi valvole cagionevoli si aggiungono le iniettate di benzina (considerate unanimamente più efficaci di flashlube e valvecare vari)

..non per quanto mi riguarda, poichè dalle info che avevo raccolto 4 anni fai quando ho deciso il da farsi con la mia cucciolotta, tra il vialle 2-fuel ed il prins +VC ho avuto maggiori "riscontri di efficacia" della seconda soluzione, anche e soprattutto dalla casistica riportata da alcuni subaristi d'oltralpe dove han cominciato a gassarsi gli H6 mooolto prima che qui da noi... ;)

 

Non portare come riferimento i consigli di Prins. Consigliano il valvecare per qualsiasi auto.

:rolleyes: ..ancora una volta devo far notare alla pregiata community che NON è affatto come dici tu :wacko: ed a dimostrazione di quanto affermo, per l'ennesima volta posto queste 2 liste oramai un po' vecchiotte di auto dal valvolame cagionevole, una da prins e l'altra dal vecchio sito borel, che sebbene provenienti da fonti BEN diverse, sono sostanzialmente identiche! -_-

 

e come avresti già dovuto notare qualche anno fa :P non si tratta affatto di "qualsiasi auto"!! ^_^

cars having problems with GPL by Borel.pdf

ValveCare recommended by Prins.pdf

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...