Jump to content

Quali sono i metodi per fermare la pompa della benzina quando l'a


Post consigliati

Si, hai ragione, ma la tua pompa non si è rotta per usura, si è rotta per la bassa qualità dei suoi componenti...

 

Tu o ha le spazzole troppo dure o il rotore troppo morbido...

 

Sono le spazzole che si devono consumare, non il rotore...

 

Quando l'auto non frena, troverai le "pasticche" finite e i dischi integri, mica il contrario...

 

Comunque tentar non nuoce, fai una prova e vedi come reagisce quando ritorni a benzina...

 

Una soluzione per preservare pompa e pressione potrebbe essere quella di non interrompere completamente l'alimentazione della pompa, ma ridurla tramite una resistenza, facendola girare più piano....

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 51
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Confermo ciò che ha detto Numa, le spazzole di grafite si consumano, sostituirle costa pochi euro. Molte volte però il problema dell'usura spazzole dipende dal collettore rovinato che graffia le spazzole, come nel tuo caso.

Link to post
Share on other sites

Si, hai ragione, ma la tua pompa non si è rotta per usura, si è rotta per la bassa qualità dei suoi componenti...

 

mahh... e' quella originale bosch, d'altronde non mi risulta che esista alternativa

 

Sono le spazzole che si devono consumare, non il rotore...

 

... e lo so ! ..sono anni che per diletto faccio (tra le altre cose) manutenzione a motori con collettore,

....ne ho cambiate di spazzole e visto collettori usurati, ..... ma una cosa così...mai vista!

 

ho pensato anche ad una errata indicazione del livello del carburante e che la pompa abbia lavorato

a secco, ma comunque dovevano usurarsi prima le spazzole e non il collettore!

 

 

le spazzole di grafite si consumano, sostituirle costa pochi euro..

 

quelle pompe sono sigillate e non possono essere aperte per la manutenzione senza rovinarle;

io l'ho aperta per pura curiosità e per verificare quale e' la causa che ne procura il guasto:

sicuramente funzionando a secco ( .... se così e' stato), non si fondono, ma si usurano.

Link to post
Share on other sites

Prova a mettere un relais NC in serie alla pompa, alimentato con l'elettrovalvola gpl.

 

Quando si apre l'elettrovalvola gas, disattiva la pompa...

 

Sempre che il tuo impianto non apra le elettrovalvole in largo anticipo...

 

In quel caso o trovi un relais 12v temporizzato, (ho paura che costi caro, almeno che non trovi un'auto che lo usa per qualche cosa e riesci anche a recuperarlo da un demolitore), o dovrai mettere un interruttore manuale.

 

quest'ultima soluzione è pericolosa, perché in caso di retropassaggio a benzina la macchina non reagisce fino a che non riaccendi manualmente la pompa.

 

Dovresti "sviluppare" un circuito con un relais con 2 contatti, quello che in elettrotecnica si chiama teleruttore...

42263274.jpg

 

 

Devi usare il principio dell'autoritenuta.

 

Cosi premendo un pulsante, spegni la pompa, quando si spegne (chiude) l'elettrovalvola il relais perde l'eccitazione e la pompa riparte.

 

Una cosa del genere...

 

Nel tuo caso k2 è un NC, non NA (NO) come nello schema.

 

Il pulsante di stop da te è opzionale / inutile.

 

autoritenuta.JPG

 

Dove:

 

X = pompa

 

k1 = Pulsante disattivazione pompa

 

K = relais

Link to post
Share on other sites

nooooo...niente roba manuale... commutazione automatica e perfettamente funzionante!

cmq grazie lo stesso. Ho gia' trovato un relais identico a quello che comanda la pompa, ma con contatto NC,

con il relativo zoccolo che si innesta su quelli originari, senza forare nulla.

Visto che i due relais verrebbero affiancati, prevedo di spostare uno dei faston dal relais comando pompa sul relais che aggiungo,così i cavi elettrici originali non li modifico. Per i due contatti che restano faccio un ponticello.

Ovviamente e' una prova: se noto problemi al retropassaggio faccio in un attimo a ripristinare il tutto.

Cmq, appena fatto ( non a breve perchè per il momento fa freddo), vi aggiorno!

Link to post
Share on other sites

nooooo...niente roba manuale... commutazione automatica e perfettamente funzionante!

cmq grazie lo stesso. Ho gia' trovato un relais identico a quello che comanda la pompa, ma con contatto NC,

con il relativo zoccolo che si innesta su quelli originari, senza forare nulla.

Visto che i due relais verrebbero affiancati, prevedo di spostare uno dei faston dal relais comando pompa sul relais che aggiungo,così i cavi elettrici originali non li modifico. Per i due contatti che restano faccio un ponticello.

Ovviamente e' una prova: se noto problemi al retropassaggio faccio in un attimo a ripristinare il tutto.

Cmq, appena fatto ( non a breve perchè per il momento fa freddo), vi aggiorno!

Ciao.

Anche a me la pompa e' durata 50.000 km su una focus del 2010.

inspiegabilmente si e' bruciata.

Anche io vorrei smontarla per vedere cosa gli e' successo.

E' molto simile se non uguale alla tua.

Ora sto provando a staccare la pompa benzina mentre vado a gas e al momento hon ho riscontrato problemi se non quello di dimenticarmi sdi staccarla per cui quanto prima gli mettero ' un automatismo.

Credo che il collettore del motorino si sia consumato perche' lasciando invecchiare la benzina non lubrifica abbastanza il collettore e la parte di ramesi consuma precocemente.

Non c'e' altra spiegazione..

Ah, come si fa ad inserrenei post un link con le foto?

Ciao a tutti.

 

Albino.

Link to post
Share on other sites

nooooo...niente roba manuale... commutazione automatica e perfettamente funzionante!

cmq grazie lo stesso. Ho gia' trovato un relais identico a quello che comanda la pompa, ma con contatto NC,

con il relativo zoccolo che si innesta su quelli originari, senza forare nulla.

Visto che i due relais verrebbero affiancati, prevedo di spostare uno dei faston dal relais comando pompa sul relais che aggiungo,così i cavi elettrici originali non li modifico. Per i due contatti che restano faccio un ponticello.

Ovviamente e' una prova: se noto problemi al retropassaggio faccio in un attimo a ripristinare il tutto.

Cmq, appena fatto ( non a breve perchè per il momento fa freddo), vi aggiorno!

 

Questo e’ uno schema che potrebbe funzionare.

Da verificare eventualmente perche' non l'ho abcora provato.

Preleva il segnale dalla elettrovalvola del gas con questi tempi:

- Passaggio Benzina-Gas: la pompa si stacca dopo 5-10 sec

- Passaggio Gas-Benzina: La pompa si attiva quasi immediatamente alla chiusura della elettrovalvola.

Quest’ultimo passaggio e’ quello critico perche’ il momento che si chiude la EV del gas, il motore sta andando solo a benzina e, se non c’e pressione nel rail, si ha un buco temporaneo di 1-2 sec.

In realta’ ho verificato manualmente e la pressione c’e’ perche’ e’ rimasto sotto pressione e si ha una autonomia, al minimo, di 2-3 sec, sufficiente quindi a mandare a regime la pompa ma in marcia non ho idea.

Avevo pensato di collegare, come segnali di ingresso, il led della consolle di comando rosso-giallo-verde.

Questo e’ piu’ preciso e annullerebbe il tempo del retro-passaggio perche’, nel retropassaggio a benzina, si riattiverebbe la pompa della benzina mentre sta ancora andando a gas e nella transizione (arancione) la pompa sarebbe gia’ a regime.

Ma fisicamente non e’ semplice collegare due fili ai led della consolina ( io ho la brc)

Se qualcuno ha lo schema elettrici della consolina brc , posso eventualmente verificare meglio. C’e’ un chip nella pcb tonda dove c’e’ il pulsante.

Al momento, per prova, sto usando un interruttore in serie e mi sto trovando bene.

L’unica cosa e’ che si sente la necessita’ di un automatismo come sotto, per evitare di dovere intervenire sempre manualmente o in alcuni casi addirittura di dimenticarsi la pompa accesa mentre si va a gas...

 

 

schemael.jpg

Link to post
Share on other sites

Se si ferma la circolazione della benzina nel flauto mentre si va a GPL, il rischio è che si cuocia tutto: flauto, iniettori benzina, regolatore di pressione sul ritorno. Certo, non è matematico, dipende da come sono fatti quei componenti, di quale materiale, quanto sono vicini alle parti più calde, ma questo è il principale motivo per cui la pompa non viene fermata: la benzina che arriva dal serbatoio, circola nel flauto e torna nel serbatoio ha anche la funzione di raffreddare il tutto.

L'usura precoce della pompa è data dal fatto di viaggiare per lungo tempo con troppa poca benzina, che così si scalda e degrada.

I motori non sono progettati per non consumare benzina...

Link to post
Share on other sites

Se si ferma la circolazione della benzina nel flauto mentre si va a GPL, il rischio è che si cuocia tutto: flauto, iniettori benzina, regolatore di pressione sul ritorno. Certo, non è matematico, dipende da come sono fatti quei componenti, di quale materiale, quanto sono vicini alle parti più calde, ma questo è il principale motivo per cui la pompa non viene fermata: la benzina che arriva dal serbatoio, circola nel flauto e torna nel serbatoio ha anche la funzione di raffreddare il tutto.

L'usura precoce della pompa è data dal fatto di viaggiare per lungo tempo con troppa poca benzina, che così si scalda e degrada.

I motori non sono progettati per non consumare benzina...

Ciao.

Anche io avevo questo dubbio.

Ormai le ultime generazioni di euro 4 non hanno il ritorno della benzina ma sono returnless.

Questo potrebbe volere dire che anche con la pompa in funzione quando si va a gas, la benzina nel flauto non viene ricambiata.

E potrebbe essere inutile mantenerla in pressione.

Io ho notato anche che, con la pompa spenta da una trentina di minuti se passo a banzina, sempre con la pompa spenta, il motore gira ancora per qualche secondo. Questo vorrebbe dire che la pressione dopo 1/2 ora e' ancora presente.

Diverso e' il fatto che, se la centralina del gas e' programmata per fare delle extra iniettate di benzina ( avevo letto di questo proprio qui) oltre un certo numero di giri allora in questo caso mancherebbe la benzina.

Questo e' il mio dubbio anche se, dopo 1/2 ora di uso in citta' la mia che ha brc ha il flauto ancora in pressione.

Comunque la mia pompa non si e' bruciata per surriscaldamento perche' ho sempre avuto quasi 1/2 serbatoio.

Ciao.

Albino.

Link to post
Share on other sites

Vorrei dare un semplice consiglio sulla costruzione semplicissima di un relè con ritardo di azione.

Io l'ho fatto per alimentare un compressore a 12V con cui do pressione ad un circuito pneumatico che aziona il freno motore del camper, un lavoretto artigianale, è una farfalla che strozza lo scarico per aumentare il freno motore.

Ho dovuto inventarmi un sistema del genere a basso costo perchè sotto al sedile non volevo mettere pressostati complessi (costano, in primis, e poi dono ingombranti) e perchè ciò che mi interessava era di avere un tot di azionamenti del freno prima che il compressore ripartisse, non raggiungere pressioni precise :P

 

Nel caso del compressore, son bastati un relè di potenza, un microrelè (solo per evitare di mettere troppi condensatori in parallelo alla bobina del relè di potenza, che assorbe molto più di quella del micro) e alcuni condensatori.

QUI c'è la foto del sistema, il controllo viene eseguito dal circuitino inserito nella scatoletta trasparente...nulla di trascendentale...

 

Inquesto caso la questione è un filo più complessa, perchè non si tratta di allungare l'azione di un relè DOPO che gli è stata tolta potenza, ma l'opposto, cioè ritardarne lo stacco dopo che da un'altro organo arriva tensione.

 

In pèraticasi aggiunge un microrelè :P

 

 

Tra i contatti NA del relè di potenza (normale relè automotive, 10/20A bastano per la pompa benzina) colleghi la pompa.

Se invece di spegnerla preferisci farla girare al minimo, tra i contatti comandati metti delle resistenze o altri controlli per ridurne la tensione di esercizio (regolatori di tensione positiva basati su integrati 78xx+ transistor di potenza, ad esempio, tutta roba fai da te).

In quel caso va collegato il cavo che va alla pompa sul contatto comune, il + che andava alla pompa.

 

Poi ci sono i due microrelè:

Il primo va alimentato dal + della multivalvola e dall'altro capo va a massa.

Tra i contatti NC ci va un + sotto chiave da un lato, e dall'altro ci si collega alla bobina del secondo microrelè e i condensatori.

L'altro capo della bobina del microrelè va a massa, insieme ai condensatori.

Tra i capi NA di questo relè si collega da una parte un altro + sotto chiave, e dall'altra la bobina del relè di potenza.

 

In pratica, cosa succede:giri la chiave il microrelè1 tramite i contatti NC da tensione ai condensatori, che si caricano, e alla bobina del 2°, che chiude alimentando il relè di potenza, che chiude, e quindi da continuità diretta alla pompa benzina, come in configurazione originale.

 

Passando a gas, il contatto del + prelevato dalla multivalvola da tensione al primo microrelè, che apre i contatti NC, e quindi toglie alimentazione alla bobina del secondo microrelè, che rimane alimentata fintanto che non si scaricano i condensatori.

Quando si scaricano, il microrelè2 disalimenta la bobina del relè di potenza, che stacca la pompa, o se si è deciso di ridurne il funzionamento tramite sistemi di riduzione della tensione, la alimenta con il contatto NC, al quale viene data la tensione ridotta.

 

Se serve, posto schemi.

Link to post
Share on other sites

Boh, è da provare, io ho usato roba tolta da una TV, mi pare siano uno da 2200microfarad e l'altro più piccolo.

 

Ti basta prenderne una mezza dozzina da 1000microF e provi a vedere quanto tempo resta azionato il relè.

Link to post
Share on other sites
  • 6 months later...
  • 4 months later...

Mi sto appropinquando alla modifica, relé con contatto NC azionato dall'elettrovalvola GPL.

 

Il mio impianto di iniezione è returnless né ha il flauto in quanto è Jetronic, quindi dovrebbe rimanere pieno di benzina.

 

Sono indeciso su cosa far interrompere al relé: potrei agire sulla parte di potenza, ossia interrompere i 10 e più ampére assorbiti dalla pomta benzina, oppure più raffinatamente, poiché già c'è un relè pompa benzina di serie, usare il relè aggiuntivo sull'alimentazione di quest'ultimo, così mi trovo a dover comandare meno di mezzo ampére.

 

Il problema è che il relé pompa benzina di serie ha la bobina connessa direttametne alla centralina dell'auto, e temo che il mio relé aggiuntivo possa, con le sue correnti indotte, dar fastidio alla centralina. Che dite?

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...