Jump to content

Punto 55 a metano singhiozza sempre!


Post consigliati

Salve, amici. Ho deciso di parlare qui del mio problema dopo che due eletttrauti ed un meccanico si sono prodigati per riparare la mia Punto inutilmente :rolleyes: . Adesso spero che qualche elettrauto che abbia una certa esperienza con la mia auto si sintonizzi su questa emittente e possa darmi la dritta risolutiva. Il problema, principalmente, si manifesta così: dopo qualche chilometro di percorrenza, a freddo, cominchia a singhiozzare, sia se vado a benzina che a metano. A metano il problema si rende ancora più evidente, al punto che quando comincio il percorso in salita (per tornare al mio paese, situato a 650m s.l.m.) devo andare per forza a benzina, in seconda a 30-40 all'ora (in alcuni tratti posso mettere addirittura la terza!!!), rischiando ogni volta una crisi di nervi e l'ulcera gastrica.

Abbiamo sostituito i seguenti pezzi: sensore del numero di giri; le due bobine; il sensore di pressione dell'aria, lla centralina (usando quella di una Y10, sempre 1100 fire), il motorino passo-passo (e adesso il motore tende ad avere il minimo un po' alto quando vado a benzina); i fili delle candele; la pompa della benzina perché si era rovinata; le candele sono OK; il filtro dell'aria anche.

Per adesso devo interrompermi qui. Spero di poter riprendere stasera. Ciao

Link to post
Share on other sites

Magari agigungendo il tipo di impianto montato, i km totali, ed i km a metano. Hai cambiato quasi tutto strano che manchi la sonda lambda.

Chiedo scusa, ma ho interrotto il "notiziario" precocemente perché ero impegnato telefonicamente col cardinale Milingo, ma anche lui mi ha detto che la situazione è critica, molto critica...

La sonda lambda? Bella domanda. il gasaro, circa un anno fa, mi disse che era morta, allorquando gli portai la Punto perché non mi reggeva più il minimo (l'unica cosa che poté fare, al momento, fu regolarlo manualmente agendo su una manopola girevole situata sul polmone, mi sembra). Poi, l'ultimo eletttrauto interpellato dice di averla sostituita con un'altra già usata ma funzionante (mah...).

L'impianto è un Landi Renzo installa nel marzo del 2003 al km 135000 circa. Oggi la macchina di chilomteri ne ha quasi 270000, la cui stragrande maggioranza, naturalmente, è stata percorsa a metano.

Nell'agosto del 2004 feci fare il primo intervento serio sul motore, al km 200000, perché ero arrivato al punto di dovermi fermare per strada a rabboccare fiumi di acqua nel radiatore... con l'occasione vennero sostituiti, oltre alla pompa dell'acqua, anche le bronzine di banco e le fasce (i cilindri non erano da rettificare). L'intervento non fu effettuato dallo stesso meccanico che mi ha installato l'impanto a metano. Da allora ha cominciato ad evidenziarsi un curioso fenomeno. Oltre ad un certo calo delle prestazioni in generale, tutt'ora succede che partendo lentamente, quando il contagiri segna circa 1500 rpm e il piede destro continua regolamente e gradualmente a premere sull'acceleratore, all'improvviso la macchina inizia a decelerare, per un istante, poi seghetta fortemente e solo dopo, improvvisamente e in modo secco riprende ad accelerare come è normale che sia. E qui non posso fare a meno di constatare l'inquietante coincidenza: Da tre mesi a questa parte, quando si verifica il problema principale per il quale ho deciso di scrivere su questo forum, il contagiri si inchioda "nervosamente" proprio sui 1500 giri, anche se il rantolante motore sta effettivamente (ma penosamente) incedendo a 70 all'ora in quarta. Non è che si inchioda proprio, ma scatta come un contatore Geiger oscillando tra i 1500 e i 3000 rpm circa. Quando resta per un po' "fermo" sui 1500 rpm (sempre procedendo su tratto rettilineo di superstrada) accade spesso che per un istante il motore si comporta come se qualcuno avesse spento il medesimo tramite la chiave di accensione e nell'istante successivo è come se la stessa chiave fosse stata riportata in posizione di motore acceso e di conseguenza si accende anche la spia rossa del "difetto di iniezione" (quella che si accende normalmente all'atto della normale messa in moto), sulla destra del cruscotto, e il motore allunga rapidamente fino a circa 3000 rpm per poi riprendere subito a rantolare col contagiri innervosito sui 1500 rpm. Spesso accade pure che si accenda in modo persistente la spia dell'allarme del codice di sicurezza della chiave di accensione (spia arancione alla sinistra del cruscotto, a forma di... chiave, appunto) e un paio di volte la Punto mi lasciato anche a piedi perché dopo una sosta non ne ha più voluto saperne di ripartire, nonostante il motorino di avviamento girasse bello allegro. Quando l'auto va sotto sforzo, specie in salita, mentre singhiozza da scombussolare gli organi interni si sente anche spesso scattare la valvola che dovrebbe sentirsi scattare soltanto una volta quando il motore passa da benzina a metano dopo la prima accelerata che supera i 2000 rpm (quel tìnnn metallico soffocato in atmosfera gassosa...?).

Altri fenomeni inquietanti: normalmente, quando metto in moto, giro la chiave in modo da accendere solo il quadro, per alcuni secondi, e dopo che si è spenta la spia "difetto di iniezione" giro ulteriormente la chiave per avviare il motore. Per un paio di secondi dopo aver acceso il quadro, fino a tre mesi fa, sentivo il motorino della pompa della benzina azionarsi con "tono" regolare e deciso per un paio di secondi dopo i quali regolarmente si fermava e così restava indipendentemente da ciò che avrei fatto dopo (spegnere il quadro o procedere alla messa in moto). Adesso, invece, detto motorino si sente comunque avviarsi all'atto del mezzo giro di chiave, ma il suo suono è piuttosto sinistro, irregolare e continuativo, quindi non si spegne mai per tutto il tempo che il quadro rimane acceso. Molte volte, mi pare comunque a motore già caldo, quando accendo il quadro, si sente per alcuni secondi provenire distintamente dal cofano un certo "tatìc-tatìc-tatìc-tatìc-tatic" che ho scoperto provenire da uno dei relé che sta sotto il coperchio di plastica nero posto poco sotto il cofano dalla parte del lato guida verso il parabrezza.

Altro aspetto da casa dei fantasmi è che entrmbi gli elettrauti (il primo è stato veloce a capire l'antifona è mi ha invitato premurosamente a riprendermi l'auto e andare a far impazzire qualcun altro... anche se lo ha fatto con signorile cordialità) una volta collegato il computer per fare la diagnosi, hanno trovato TUTTI i sensori, iniettore, bobine, sonda lambda, motorino passo-passo, tensione batteria (nuova, quasi 14V misurati col tester) fuori range, IN ERRORE!!! Non so più dove sbattere la testa, perché sono convinto che in fondo si deve trattare di qualcosa di risolvibile senza troppe difficoltà da una persona davvero competente e perché se non fosse per questo problema la Punto andrebbe alla grande e avrebbe ancora un bel po' di chilometri da percorrere.

Chissà se qualcuno sarà riuscito a leggere fin qui?!?...

Link to post
Share on other sites

esperti per punto 55??? per un single point anni 80???? direi piuttosto cani quelli a cui ti sei rivolto!!!

ma da come lo dici sembra un difetto elettrico/elettronico...hanno controllato il cablaggio, la parte elettrica?I relè, i capicorda,i connettori?

la centralina y 10 magari è identica come piedinatura ma la mappa non so mica...non è che si può intercambiare centraline ad minchiam!e il fatto che ci siano tutti quegli errori non credo sia casuale.se sulla y10 il sensore tal dei tali è diverso da quello della punto gia non si capisce piu nulla.

la sonda lambda potrebbe essere morta ma anche fosse se dai un pestone a tavoletta questa viene esclusa e la carburazione arricchita da mappa,e il motore dovrebbe andare bene se il guasto è solo quello.

ovviamente se la mappa non è adatta (centralina presa a caso??) il motore non va bene.

sistemala a benzina poi dopo si sistema a metano.

250k km sono tanti ma non proibitivi per quel mulo di motore

Link to post
Share on other sites

Caro Dado, innanzitutto ti ringrazio per la risposta. Sono d'accordo con te per quanto riguarda il primo commento... neanche si trattasse di una 8 cilidri a V prodotta l'anno scorso!!!

Sono d'accordo anche sul trattarsi di un difetto elettrico/elettronico. Dicono di aver controllato le parti di cui mi chiedi... dicono.......

La centralina era quella di una Lancia Y, non di una Y10 (anche se non so quanto ciò possa cambiare le carte in tavola). Certo che non si possono sostituire le centraline così, a membro di segugio. Infatti mi sembra strano come, pur essendo un ricambio perfettamente identico, il codice di sicurezza della mia chiave di accensione abbia permesso al motore di avviarsi. Infatti, sostituita la centralina, la Punto non sembra essersene proprio accorta, quindi sono andato a fare il solito giro di prova. Anche in quel frangente le cose non sono purtroppo cambiate... singhiozzo a go go!

Per quanto riguarda la sonda lambda, il fatto che i "fantasmi" diano segni evidenti di presenza già soltanto accendendo il quadro, mi lascia presumere che non c'entri un fico secco con il mio problema motoristico.

La cosa sembra essere confermata dal fatto che ho provato a scollegare la sonda stessa e facendo il solito giro di prova i sintomi sono rimasti sempre gli stessi.

Pestoni a tavoletta, almeno nel senso di fuorigiri/marce tirate a morte non ne ho mai fatti perché rispetto molto la meccanica. Mi limito ad una guida brillante, quando le condizioni lo permettono (compreso il motore da 55 Hp).

Per quanto riguarda il tuo ultimo suggerimento, sono convinto che se arriverà il momento della soluzione dell'enigma/dramma, andranno simultaneamente a posto sia il funzionamento a benza che a metano.

Ciao e grazie ancora :)

Link to post
Share on other sites

Se la lambda non funziona la centralina esclude il valore misurato sulla lambda ed accende la spia di iniezione.

Purtroppo devi cercare un buon elettrauto che sia anche istallatore. Non ti invidio.

 

Scusate un pò tutti quanti...Ma perchè invece non ha controllato al pc la macchina per la diagnosi? e perchè non è stata sostituita la sonda lambda se questa non da segni di vita?

Quest'ultima operazione la può fare quasi qualsiasi asinaccio.

 

Corolla

Link to post
Share on other sites

la diagnosi la hanno collegata, sta scritto sopra, ma avendo cambiato ecu da tutti i parametri sbagliati.

la lambda è stata sostituita con una usata sta scritto sopra.

l'utente diceva che scollegando la lambda i sintomi non cambiavano, ma ciò non esclude un guasto allla lambda.

 

secondo me deve risostituire la ecu, lambda, rivedere i cablaggi dell'impianto ed incrociare le dita. su un'auto di 270k km (non sappiamo come stanno le valvole) non so quanto ne valga la pena.

Link to post
Share on other sites

la diagnosi la hanno collegata, sta scritto sopra, ma avendo cambiato ecu da tutti i parametri sbagliati.

la lambda è stata sostituita con una usata sta scritto sopra.

l'utente diceva che scollegando la lambda i sintomi non cambiavano, ma ciò non esclude un guasto allla lambda.

 

secondo me deve risostituire la ecu, lambda, rivedere i cablaggi dell'impianto ed incrociare le dita. su un'auto di 270k km (non sappiamo come stanno le valvole) non so quanto ne valga la pena.

 

scusa dado ma è stato talmente prolisso che non me ne ero reso conto...sembrava più la guida galattica degli autostoppisti anzichè un topi.

Comunque credo che a 270mila km, e dopo certi pasticci fatti, a meno che non siano stati fatti deliberatamente e senza spender una lira, certe auto siano da mandar in pensione quando arrivano a tali punti di uso... non sono le vecchie mercedes di una volta.

 

Corolla

Link to post
Share on other sites

si 270k km sono molti per il piccolo fire, le valvole potrebbero benissimo essere ma non si spiega perchè a tratti il motore va benissimo e tira.magari non sarà piu un gioiello ma potrebbe andare avanti dinitosamente,se non mangia olio e ha prestazioni dignitosi la semplice meccanica è ok.

se la chiave è rimasta quella originale allora la centralia in questione è stata aperta e disattivato l'immobilizer,...non è che hanno combinato qualche caz.zata in questa operazione. ti ripeto per prima cosa sostituire quel porcile di centralina piena di errori con una di una punto 55 come la tua, cioè versione di sw possibilmente uguale; scusa ma se ha iniziato a fare le bizze dalla sostituzione centralina tutto parte da li...la pompa benzina è sempre collegata alla centralina e le elettrovalvole del metano scattano quando il motore si spegne(segnale giri)

Link to post
Share on other sites

si 270k km sono molti per il piccolo fire, le valvole potrebbero benissimo essere ma non si spiega perchè a tratti il motore va benissimo e tira.magari non sarà piu un gioiello ma potrebbe andare avanti dinitosamente,se non mangia olio e ha prestazioni dignitosi la semplice meccanica è ok.

se la chiave è rimasta quella originale allora la centralia in questione è stata aperta e disattivato l'immobilizer,...non è che hanno combinato qualche caz.zata in questa operazione. ti ripeto per prima cosa sostituire quel porcile di centralina piena di errori con una di una punto 55 come la tua, cioè versione di sw possibilmente uguale; scusa ma se ha iniziato a fare le bizze dalla sostituzione centralina tutto parte da li...la pompa benzina è sempre collegata alla centralina e le elettrovalvole del metano scattano quando il motore si spegne(segnale giri)

Chiedo scusa se sono stato talmente prolisso, ma ho cercato di descrivere il "fenomeno" nella sua complessità ed interezza, proprio per evitare consigli ridondanti e quindi inutili.

Il quadro delle anomalie è quello che psicoticamente ho descritto: ci sono tante diagnosi "pronte all'uso" che si possono escludere a priori, appena pronunciate. Una di queste è stata la seguente: "hai circolato con la guarnizione della testata completamente KO e dovendoti fermare spesso a rabboccare acqua nel radiatore hai provocato la spaccatura della testata perché era rovente buttandogli addosso acqua fredda; quindi a freddo non succede niente, ma quando il motore si scalda i metalli si dilatano e ricompare la spaccatura con tutti i sintomi che si porta appresso". Penso che questa tesi venga smentita abbastanza bene dai fenomeni sinistri che si verificano già solo accendendo il quadro. non trovate anche voi?

Il motore, da quando ho messo il motorsil alla guarnizione del coperchio delle punterie non consuma più una goccia di olio (meno male, visto che si tratta sempre di costosi 0W-40 totalmente sintetici e sono certo matematicamente che il grado termico "sbagliato" dell'olio non ci azzecca una fava con i problemi che lamento); le valvole sono state rifatte a 200000 km e non credo che diano problemi, anche perché so che se non avesse problemi "neurologici", il propulsore sarebbe un infaticabile atleta olimpionico.

Le bizze non ha iniziato a farle dalla sostituzione della centralina!!! La faceva già. Ha continuato a farle allo stesso identico modo anche quando era montata la centralina della Lancia Y... e continua imperterrita a farle adesso che ha la sua centralina originale, quella di sempre.

 

Ora che ci penso, due o tre anni or sono, ho avuto problemi da falsi contatti della slot di collegamento tra la centraline e il bus che da lei parte che comunicare col suo mondo. Chissà che non ci sia qualche contatto falsato a quel livello? Già, ma la roba davvero decide da sola di rompersi in questo modo? In fondo la slot non voleva tanto restare al suo posto, ma poi sembra che fossi riuscito a bloccarla al suo posto...

Link to post
Share on other sites

OK,allora i guai sono iniziati prima della sostituzione centralina...

per la prima verifica da fare ti sei risposto da solo...contatti ballerini sulla slot centralina....spero tu non debba sostituire il cablaggio...

Link to post
Share on other sites

OK,allora i guai sono iniziati prima della sostituzione centralina...

per la prima verifica da fare ti sei risposto da solo...contatti ballerini sulla slot centralina....spero tu non debba sostituire il cablaggio...

Caro dado, temo proprio che alla fine dei conti la realtà dei fatti sia proprio questa.

Sostituiti tutti i pezzi (credo) che fosse possibile sostituire, non mi resta che prendermela col cablaggio.

Già da qualche giorno sto osservando i cavi per capire come sia più opportuno procedere. Prima di tutto cercherò di togliere le guaine di corrugato dai fasci di fili e prima di questo dovrò eliminare qualche organo, tipo il filtro dell'aria, per lavorare meglio. Se all'ispezione visiva non troverò nessuna anomalia evidente, temo che dovrò davvero sostituire in toto il "sistema nervoso periferico".

Credo di avere già un "donatore sano" sotto mano... comunque sarà un lavoraccio, anche se ammesso che avrò la fortuna di risolvere il problema, la soddisfazione sarà perssoché immensa.

Link to post
Share on other sites

non sei obbligato a sistemare il cablaggio nei posti originali, anche se le lunghezze sono un po giuste diciamo.

e fortuna che la punto 55 ha 4 cose

sensore giri

sensore farfalla

sensore o capsula pressione/temperatura aria collettore asp

attuatore iniettore

attuatore minimo

comando bobine

comando pompa bz

lambda

temperatura acqua

immobilizer

eventuale contagiri e spia iniezione

canister vapori benzina

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

non sei obbligato a sistemare il cablaggio nei posti originali, anche se le lunghezze sono un po giuste diciamo.

e fortuna che la punto 55 ha 4 cose

sensore giri

sensore farfalla

sensore o capsula pressione/temperatura aria collettore asp

attuatore iniettore

attuatore minimo

comando bobine

comando pompa bz

lambda

temperatura acqua

immobilizer

eventuale contagiri e spia iniezione

canister vapori benzina

Ciao dado, scusami se non mi sono fatto vivo per un po'.

Il problema sembra proprio essere risolto, da ormai una quindicina di giorni. L'inghippo sta nella slot di collegamento della centralina con il "resto del mondo".

La cosa strana è che avevo già innaffiato sia i contatti della centralina che quelli della slot col WD-40, ma solo quando ci ho rismanettato e l'ho rimessa al posto suo le cose sono cambiate.

A quanto pare, i problema del falso contatto non è "chimico" (ossidazione) ma piuttosto meccanico, in quanto qualche contatto deve essersi un po' spostato dalla sede o deformato.

Nel frattempo ho sostituito la valvola temostatica e il normale riscaldamento avviene, adesso, in tempi normali, però il problema del surriscaldamento, specie nei lunghi tratti in salita, è rimasto. Nonostante i due litri di paraflu (in acqua demineralizzata), il liquido arriva all'ebollizione e ad uscire dalla valvola del tappo del radiatore. Quindi restano due potenziali colpevoli: il radiatore, che è stato sostituito l'anno scorso con uno già vecchio (è quindi irrimediabilemte incrostato all'interno?) e la pompa dell'acqua, sostituita nel 2004, che potrebbe avere qualche problema a far circolare regolarmente il liquido (anche se il meccanico ha detto di averla trovata in ottime condizioni).

Dal cofano, parte destra (proprio dove sta la pompa dell'acqua), proviene un rumore strano, da qualche mese (cròcòcrò... crò crò...cròcròcrò...), anche se il motore si surriscaldava anche prima dell'insorgere di questo rumore.

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...