Jump to content

Auto ad acqua ... E' Vero?


Post consigliati

Cristanim, ti faccio una domanda fuori topic: in cosa sei laureato e che lavoro svolgi, dato che sei abbastanza afferrato in chimica ed hai lavorato al CNR?

Io la chimica non l'ho mai digerita, anche se ormai ci convivo, pensa che all'esame presi un misero 18 :ph34r:

hemm, sono modestamente :unsure: dott in chimica (indirizzo inorganico-chimico fisico) ed ho svolto la tesi per internato al CNR ...ma sul lavoro preferisco non entrare in dettagli, sorry cicco B)

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 47
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Cristanim, ti faccio una domanda fuori topic: in cosa sei laureato e che lavoro svolgi, dato che sei abbastanza afferrato in chimica ed hai lavorato al CNR?

hemm, sono modestamente :wub: dott in chimica (indirizzo inorganico-chimico fisico) ed ho svolto la tesi per internato al CNR ...ma sul lavoro preferisco non entrare in dettagli, sorry cicco :)

:wub: :huh:

Non avrai certo fatto fatica a farti internare al Centro Nazionale Rincitru.

 

Thema.il dubbio e' nonostante il lavoro di progettisti /idealisti ,i risultanti ecologicamente vincenti vengono davvero occultati?

Link to post
Share on other sites

se davvero le soprffini tecnologie vengono tenute nascoste per scandire i tempi del mercato

sono più dell'idea che non finanziano tali tecnologie...

il privato fa solo quello che risulta più economico e vendibile....

lo vedo anche nel mio settore.... ci sono tecnologie già conosciute molto più "ecologiche", ma allo stesso tempo sono più costose.... e quindi poco vendibili...

allora se non si fa avanti lo stato, ad imporre incentivare certe soluzioni, queste non si svilupperanno...

c'è bisogno di una volontà anche politica per certi cambiamenti...

la tecnologia c'è, la si deve industrializzare, la si deve imporre....

guardiamo agli accumulatori... si dovrebbe partire con imporre uno standard dimensionale degli stessi, che renderebbe possibile la realizzazione di stazioni di rifornimento e ricambio delle batterie

si arriverebbe alla stazione e con un automatismo si andrebbe a sostituire la batteria (la Renault lo ha già proposto) sull'auto....

 

ps: sogni.....

Link to post
Share on other sites

:lol: :lol: Non avrai certo fatto fatica a farti internare al Centro Nazionale Rincitru.

:P ..ed invece nonostante la buona volontà (i.e. i parecchi mesi che ho lavorato gratis per loro), già 15anni fa, c'erano troppo pochi soldi nella ricerca pubblica, per poter sperare di trattenere i cervelli (sopraffini :lol:) come il mio :D ..che infatti è attualmente all'opera per conto di un privato ;) B) B)

 

... il dubbio e' nonostante il lavoro di progettisti /idealisti ,i risultanti ecologicamente vincenti vengono davvero occultati?

IMHO, cara Mylady, l'unico dubbio restante è, com'è possibile che tu non ti sia accorta da subito che è la solita catena di s. antonio che ti chiede di rimandare le "preziose info" a 10 o +contatti?

 

ed a parte il fatto che l'impossibilità del moto perpetuo ti coglie culturalmente impreparata, non ti ha mai sfiorato il dubbio che se l'acqua (anche quando è un po' sporca :D) fosse davvero un veicolo di energia chimica, qualcuno tra la varie et molteplici umanità che ci hanno preceduto, se ne sarebbe oramai già avveduto da un pezzo? :rolleyes: B)

Link to post
Share on other sites

per tua info thema, il mio in chimica non è semplice nozionismo :huh:

Mai detto questo, ci mancherebbe, dico solo che quello che stiamo facendo ora da circa 2 pagine è puro nozionismo, tra l'altro vagamente off-topic, tutto qui...

 

e comunque sarà presto una bella battaglia, il provare a convincere i compatrioti "zucconi" che il nucleare è una soluzione effimera e che porta mooolti+svantaggi che vantaggi!! ..quella si che è una potente lobby che è rimasta quatta e zitta per 30 anni e che adesso cavalca l'onda ecologista, senza sapere dove mettersi le scorie :)

Qui non posso che quotarti in pieno... l'hai vista la simpatica pubblicità/presa in giro sulla "partita a scacchi del nucleare", si ? Vedrai che l'acqua radioattiva ci mettono poco a farla sparire, la useranno alla fattoria di Nonno Nanni, poi altro che mozzarella blu... gli stracchini verde acido in stile "scorie nucleari dei Simpson" :wub:

 

 

 

Thema.il dubbio e' nonostante il lavoro di progettisti /idealisti ,i risultanti ecologicamente vincenti vengono davvero occultati?

Ha ri-risposto Zak ;)

Fondamentalmente la tecnologia per rendere attuabile un passaggio all'elettrico è già esistente (tanto che auto dove prima venivano montate 400-500 kg di pacchi batteria al Nichel-Cadmio (ottima per i tempi di carica molto ridotti e per la lunga vita degli elementi, ma pessima per il valore di auto-scarica e per il famoso "effetto memoria") oggi potrebbero essere alimentate con batterie da 1/5 del peso delle "vecchie" Ni-Cd, praticamente il sovrappeso di una bombola del GPL o del serbatoio di benzina con il pieno dentro...

 

Noi ad esempio avevamo pensato di utilizzare delle batterie Li-Po, cioè quelle "agli ioni di litio polimeri", che nel nostro caso avrebbero un peso MASSIMO di circa 80-90kg rispetto ai 300 e passa kg per usare le nichel-cadmio su quell'auto... l'unico difetto ? Costano come assassine, ed hanno una vita inferiore rispetto alle più pesanti Ni-Cd (ma per fortuna, nessun problema di effetto memoria)... per la formula hybrid no problem (paga la renault ;)) ma per i veicoli "comuni" ? ;)

E qui effettivamente, una buona normativa al riguardo e la conseguente economia di scala potrebbe fare molto per abbattere i prezzi...

 

... ma stiamo parlando di Topolinia, ovviamente, non dell' UE :wub:

Link to post
Share on other sites

http://www.youtube.com/watch?v=YiTglaYMkCs

forse ho sbagliato qualcosa ma l ho ritrovato su uy tube.Possibile?

 

L'auto elettrica ha senso SOLTANTO se servita da stazioni di ricarica alimentate da fonti energetiche rinnovabili, principalmente il fotovoltaico. Allora si che che avremo ridotto l'inquinamento. In tutti gli altri casi si tratta di spostare (ed aumentare) l'inquinamento dalle città alle centrali elettriche distanti qualche centinaio di km, comunque lavorino con olio combustibile, gas, carbone o nucleare. Ragazzi il futuro è l'energia solare. Abbiate pazienza e tra qualche anno vedrete un proliferare di stazioni di ricarica con pannelli fotovoltaici al posto di alcune pompe di benzina o diesel. Il processo però è lento e ancora siamo all'inizio. Nel frattempo le case stanno affinando la tecnologia delle auto elettriche, non è tempo perso ne mera pubblicità per averle pronte quando sarà conveniente la ricarica con il fotovoltaico.

Saluti

Link to post
Share on other sites

Quindi mi pare di capire che e' una delle tante mail bufale e che le tecnologie non sono così a buon punto come dimostrato.Ma chiesto chiaro chiaro sono proprio notizie false?io non ho mai fatto circolare mail ma questa mi incuriosiva visto il mio passato proposito di prendere touareg hybrid

Link to post
Share on other sites

:wub: :wub: Non avrai certo fatto fatica a farti internare al Centro Nazionale Rincitru.

:P ..ed invece nonostante la buona volontà (i.e. i parecchi mesi che ho lavorato gratis per loro), già 15anni fa, c'erano troppo pochi soldi nella ricerca pubblica, per poter sperare di trattenere i cervelli (sopraffini :huh: ) come io mio ;) ..che infatti è attualmente all'opera per conto di un privato ;) :) ;)

 

 

 

 

cancellato - offensivo

 

Ultimo avvertimento.

Link to post
Share on other sites

se davvero le soprffini tecnologie vengono tenute nascoste per scandire i tempi del mercato

sono più dell'idea che non finanziano tali tecnologie...

il privato fa solo quello che risulta più economico e vendibile....

lo vedo anche nel mio settore.... ci sono tecnologie già conosciute molto più "ecologiche", ma allo stesso tempo sono più costose.... e quindi poco vendibili...

allora se non si fa avanti lo stato, ad imporre incentivare certe soluzioni, queste non si svilupperanno...

c'è bisogno di una volontà anche politica per certi cambiamenti...

la tecnologia c'è, la si deve industrializzare, la si deve imporre....

guardiamo agli accumulatori... si dovrebbe partire con imporre uno standard dimensionale degli stessi, che renderebbe possibile la realizzazione di stazioni di rifornimento e ricambio delle batterie

si arriverebbe alla stazione e con un automatismo si andrebbe a sostituire la batteria (la Renault lo ha già proposto) sull'auto....

 

ps: sogni.....

 

 

Daccordissimo, anche nel mio settore, potremmo offrire prodotti e soluzioni altamente ecologiche o derivanti da prodotti di riciclo, tutte funzionali come i prodotti "tradizionali" ma per ora i costi sono più elevati e, costruttori e clienti, se ne fregano, a loro basta spendere meno pensando, mica sono io che devo salvare il pianeta"...Come tutte le cose, se non cè la domanda, sparisce l'offerta.

 

Un articolo proprio su Omnia, giorni fa, parlava del flop recente, negli USA, di prenotazioni di autoelettriche, certo ora cosatano molto, ma come tutte le tecnologie appena nate, se poi cè la domanda il prezzo scende, perchè aumenta la produzione e si ammortizzano i costi.

 

Nel video di Youtube, la auto furono dismesse per la scarsità di commesse, succede spesso con modelli di auto o moto tradizionali, o prodotti di altra natura, solo che non ci facciamo caso. Commercialmente poi, ad una casa di produzione non conviene vendere i veicoli a noleggio, meglio distruggerli e proporre contratti vantaggiosi per il noleggio di nuovi mezzi da loro prodotti (in questo caso non più elettrici, come detto prima, perchè infruttuosi).

Provate a pensare cosa voglia dire riconvertire tutti gli impianti da motori termici a elettrici, in un momento, tra l'altro, di crisi pazzesca del settore auto.

 

Quando poi la produzione di auto elettriche diventasse "di massa"...E dove li troviamo tutto il litio e piombo per le batterie??? e il loro smaltimento poi? Tonnellate di acido e metalli pesanti pericolosissimi!!!

 

Certo che poi i governi e le lobbi petrolifere ci mettano del loro, tutti d'accordo!

 

l'unico futuro prossimo, possibile e sostenibile sono motori termici a bassissimi consumi, gia ora con la moderna tecnologia, basterebbe ridurre le potenze, per avere incrementi di autonomie di oltre il 50/70%...lo disse il gruppo Wv poco tempo fa, solo che sia loro, BMW e FIAT, notaro che mettendo in listino, modelli a potenze diverse, i meno potenti non vanno venduti...E si torna al discorso dei clienti!

Link to post
Share on other sites

 

 


 


...
c'è bisogno di una volontà anche politica per certi cambiamenti...
la tecnologia c'è, la si deve industrializzare, la si deve imporre....

....
l'unico futuro prossimo, possibile e sostenibile sono motori termici a bassissimi consumi, gia ora con la moderna tecnologia, basterebbe ridurre le potenze, per avere incrementi di autonomie di oltre il 50/70%...lo disse il gruppo Wv poco tempo fa, solo che sia loro, BMW e FIAT, notaro che mettendo in listino, modelli a potenze diverse, i meno potenti non vanno venduti...E si torna al discorso dei clienti!

;) quotissimo entrambi :) ed aggiungo che le auto ibride, costi al pubblico a parte che vanno inquadrati nel contesto industriale che avete già ben delineato, sono IMHO sicuramente il futuro prossimo venturo della mobilità personale B) proprio perchè abbinando motori termici piccoli ed efficienti, a motori elettrici coadiuvati da sistemi di recupero dell'energia in frenata, permettono già oggi risultati incoraggianti che saranno ultriormente migliorati nei prossimi anni...

..da parte mia, mi godrò le sublimi performances dell'attuale polmonazzo, sprecone ma pulito, per +o- un lustro ancora, dopodiche son sicuro che la mia beneamata FHI Japan non mi deluderà ed avrà a listino una cucciolotta ibrida degna erede dell'attuale ;) B) B)

 


cancellato - offensivo

:( ..mooolto (poco)gentile Mylady, non ti rispondo per le rime per rispettare l'invito dello staff a mantener pacati i toni :rolleyes: ..ma ti suggerisco cordialmente di occuparti in primis delle tue "piccole lacune" ;) invece che ostinarti a dar addosso a l'unico che si è degnato di provare a darti qualche info utile :P :P
Link to post
Share on other sites

:lol: mi cadono le braccia e poi che storia è:le emissioni di CO2 per ogni modello sono calcolate sulla media di tutti i modelli di quel marchio :lol: ?

quindi quando mi accusate di inquinare con pachierma posso mandarvi !

http://www.circusf1.com/2011/01/motori-e-a...-piu-verita.php

Link to post
Share on other sites

quindi quando mi accusate di inquinare con pachierma posso mandarvi !

Hanno dato il Tiguan a mio cugino carnale come auto aziendale, l'ho visto nuovo nuovo quando ci siamo incontrati ad un matrimonio... sinceramente -e dal mio modesto punto di vista- vederlo imbottigliato nel traffico di Roma è abbastanza ridicolo, così com'è ridicolo vederci supersportive e macchinoni da 6km/l... già con la mia mi sento totalmente fuori posto se la dovessi usare in città (dove "circolo" regolarmente con la yaris 70cv, che basta e avanza... :P)

 

Che inquini è vero, inutile girarci intorno :lol:

Se hai la versione a benzina convertila a GPL, o se non devi andare spesso sullo sconnesso, cambia auto... io personalmente, i SUV non li ho mai capiti :blink:

Serve andare fuori strada? Jeep-style (vecchi modelli, si sono "suvvizzati" anche loro purtroppo) e via...

Altrimenti auto normale, meno inquinante, più scattante a parità di potenza, e più economica... oppure berlina o SW per chi viaggia, anche carico, in autostrada e pretende un minimo di brio e di stabilità in più (magari a gpl, perchè no...)

Poi ovviamente, c'è modo e modo di usare l'auto... di sicuro non andrei a farmi un giro a Vallelunga con la Yaris, ma nemmeno oserei pensare di fare strade carrarecce con una ultra-ribassata :lol:

Comunque sia, de gustibus non est disputandum, se si dice da migliaia di anni, forse un po' di vero c'è :P

 

...

Ragazzi il futuro è l'energia solare. Abbiate pazienza e tra qualche anno vedrete un proliferare di stazioni di ricarica con pannelli fotovoltaici al posto di alcune pompe di benzina o diesel. Il processo però è lento e ancora siamo all'inizio.

Saluti

Sai che, almeno per il fotovoltaico, l'Italia era all'avanguardia MONDIALE, si? ;)

Nel 1981 l' ENEL (che a suo tempo era unica, non spezzetata come oggi...) realizzò la prima centrale elettrica ad accumulo fotovoltaico al mondo, con un' efficienza, già allora, in grado di far risparmiare migliaia di tonnellate di CO2 altrimenti sfruttate per produrre energia elettrica...

Era un progetto spettacolare (tra l'altro finanziato niente di meno che dai fondi europei, tanto era considerato interessante), furono installati 182 eliostati, con una superficie -ora non ricordo bene- ma di gran lunga superiore ai 5mila metri quadrati, occupante uno spazio a terra 5-6 volte tanto...

Non fu mai fatta funzionare a pieno regime ;)

Lo so bene perchè al progetto prese parte mio padre, che curava l'ambito della sostenibilità economica per l'Enel, ed era talmente avvelenato quando bloccarono gli studi che mi fece una testa tale con il progetto e con tutte le carte che ancora girano nei contenitori per casa che ne ho la nausea :P

 

Poi, come al solito, si preferì vendere tutto, brevetti inclusi, ai vicini tedeschi, che offrirono - con il loro occhio lungo- fior fior di quattrini per potersi accaparrare tutti gli studi al riguardo...

Guarda caso, dopo pochi anni loro sono diventati i primi produttori al mondo di energia solare, e noi il solito fanalino di coda dei nostri stessi progetti...

Ora vogliamo ricominciare (è notizia proprio attuale, ne parlava qualche giorno il Sole24ore), a distanza di 30 anni precisi, ed ecco che la nuova Green Power SPA tenta di ri-abilitare e aggiornare la centrale di Adrano... io sinceramente, visti i precedenti, sono come S.Tommaso :D

 

 

Tutto questo per dire: sarei felicissimo, entusiasta di vedere ciò che prospetti tu "fra qualche anno", ma dubito seriamente avverrà, almeno nella nostra "terra dei cachi" -_-

Link to post
Share on other sites

quindi quando mi accusate di inquinare con pachierma posso mandarvi !

Hanno dato il Tiguan a mio cugino carnale come auto aziendale, l'ho visto nuovo nuovo quando ci siamo incontrati ad un matrimonio... sinceramente -e dal mio modesto punto di vista- vederlo imbottigliato nel traffico di Roma è abbastanza ridicolo, così com'è ridicolo vederci supersportive e macchinoni da 6km/l... già con la mia mi sento totalmente fuori posto se la dovessi usare in città (dove "circolo" regolarmente con la yaris 70cv, che basta e avanza... :P)

 

Che inquini è vero, inutile girarci intorno :lol:

Se hai la versione a benzina convertila a GPL, o se non devi andare spesso sullo sconnesso, cambia auto... io personalmente, i SUV non li ho mai capiti :blink:

Serve andare fuori strada? Jeep-style (vecchi modelli, si sono "suvvizzati" anche loro purtroppo) e via...

Altrimenti auto normale, meno inquinante, più scattante a parità di potenza, e più economica... oppure berlina o SW per chi viaggia, anche carico, in autostrada e pretende un minimo di brio e di stabilità in più (magari a gpl, perchè no...)

Poi ovviamente, c'è modo e modo di usare l'auto... di sicuro non andrei a farmi un giro a Vallelunga con la Yaris, ma nemmeno oserei pensare di fare strade carrarecce con una ultra-ribassata :lol:

Comunque sia, de gustibus non est disputandum, se si dice da migliaia di anni, forse un po' di vero c'è :P

 

...

Ragazzi il futuro è l'energia solare. Abbiate pazienza e tra qualche anno vedrete un proliferare di stazioni di ricarica con pannelli fotovoltaici al posto di alcune pompe di benzina o diesel. Il processo però è lento e ancora siamo all'inizio.

Saluti

Sai che, almeno per il fotovoltaico, l'Italia era all'avanguardia MONDIALE, si? ;)

Nel 1981 l' ENEL (che a suo tempo era unica, non spezzetata come oggi...) realizzò la prima centrale elettrica ad accumulo fotovoltaico al mondo, con un' efficienza, già allora, in grado di far risparmiare migliaia di tonnellate di CO2 altrimenti sfruttate per produrre energia elettrica...

Era un progetto spettacolare (tra l'altro finanziato niente di meno che dai fondi europei, tanto era considerato interessante), furono installati 182 eliostati, con una superficie -ora non ricordo bene- ma di gran lunga superiore ai 5mila metri quadrati, occupante uno spazio a terra 5-6 volte tanto...

Non fu mai fatta funzionare a pieno regime ;)

Lo so bene perchè al progetto prese parte mio padre, che curava l'ambito della sostenibilità economica per l'Enel, ed era talmente avvelenato quando bloccarono gli studi che mi fece una testa tale con il progetto e con tutte le carte che ancora girano nei contenitori per casa che ne ho la nausea :P

 

Poi, come al solito, si preferì vendere tutto, brevetti inclusi, ai vicini tedeschi, che offrirono - con il loro occhio lungo- fior fior di quattrini per potersi accaparrare tutti gli studi al riguardo...

Guarda caso, dopo pochi anni loro sono diventati i primi produttori al mondo di energia solare, e noi il solito fanalino di coda dei nostri stessi progetti...

Ora vogliamo ricominciare (è notizia proprio attuale, ne parlava qualche giorno il Sole24ore), a distanza di 30 anni precisi, ed ecco che la nuova Green Power SPA tenta di ri-abilitare e aggiornare la centrale di Adrano... io sinceramente, visti i precedenti, sono come S.Tommaso :D

 

 

Tutto questo per dire: sarei felicissimo, entusiasta di vedere ciò che prospetti tu "fra qualche anno", ma dubito seriamente avverrà, almeno nella nostra "terra dei cachi" -_-

 

Ciao Thema 89,

ti capisco per il tuo scetticismo ma ti posso dire di essere ottimista. L'Italia ha recuperato fortemente con il solare negli ultimi anni e adesso credo che siamo 4° al mondo per quota percentuale prodotta con fotovoltaico. Saprai che a Catania è nata la 3Sun tra Enel Green Power, Sharp e STMicroelectronics per la produzione di pannelli fotovoltaico di 3° generazione con alto rendimento. Ormai l'era dell'energia solare è nata e nessuno potrà fermarla.

Link to post
Share on other sites

quindi quando mi accusate di inquinare con pachierma posso mandarvi !

Hanno dato il Tiguan a mio cugino carnale come auto aziendale, l'ho visto nuovo nuovo quando ci siamo incontrati ad un matrimonio... sinceramente -e dal mio modesto punto di vista- vederlo imbottigliato nel traffico di Roma è abbastanza ridicolo, così com'è ridicolo vederci supersportive e macchinoni da 6km/l... già con la mia mi sento totalmente fuori posto se la dovessi usare in città (dove "circolo" regolarmente con la yaris 70cv, che basta e avanza... :P)

 

Che inquini è vero, inutile girarci intorno :D

Se hai la versione a benzina convertila a GPL, o se non devi andare spesso sullo sconnesso, cambia auto... io personalmente, i SUV non li ho mai capiti :(

Serve andare fuori strada? Jeep-style (vecchi modelli, si sono "suvvizzati" anche loro purtroppo) e via...

Altrimenti auto normale, meno inquinante, più scattante a parità di potenza, e più economica... oppure berlina o SW per chi viaggia, anche carico, in autostrada e pretende un minimo di brio e di stabilità in più (magari a gpl, perchè no...)

Poi ovviamente, c'è modo e modo di usare l'auto... di sicuro non andrei a farmi un giro a Vallelunga con la Yaris, ma nemmeno oserei pensare di fare strade carrarecce con una ultra-ribassata :P

Comunque sia, de gustibus non est disputandum, se si dice da migliaia di anni, forse un po' di vero c'è :P

i cachi" :P

a dir la verita non vedo differenze inquinanti cosi significative:con xmod percorro circa 15 e ytouareg circa 11.Poi vedo i mezzi pubblici vuoti e penso a cosa consuma un bus per trasportare due corpicini nel trafficio cittadino.A poche centinaia di metri da casa mia hanno attivato una linea ferroviaria locale per limitare il traffico lagod iseo-paesielli.La sbarra si abbassa ogni 3 quarti d ora per circa 7 minuti.Il vagone passa quasi sempre scarico(a volte1-1 anime)e le auto in coda a motore acceso.

 

c è chi rimane fermo in sosta con il motore acceso per il clima.Io no.Per cui in tutti questi controsensi credo che alla fine le auto inquinano uguali.Fra i vari motori e pesi variano solo sfumature

 

quale marchio ha presentato il modello con i pannelli solari sul tetto? e poi che fine ha fatto?

io aspetto quella eolica e al momento opportuno magari si decolla anche.Solo che qui in val padana piu che motore a vento bisognerebbe progettare un motore a "nebbia/smog" :(

Link to post
Share on other sites

...Solo che qui in val padana piu che motore a vento bisognerebbe progettare un motore a "nebbia/smog" :(

:D ..nella nebbia c'è parecchia H2O, puoi sempre coltivare le tue speranze :P ..prova con i gonzi di scientology :rolleyes: magari loro ti convincono che è veramente possibile o addirittura che l'hanno già fatto :lol: oppure ti trovi una di quelle belle sette di ufologi esoterici che magari curano anche il cancro con la sola imposizione delle mani :lol: :lol: ..per costoro dev'essere invero una bazzecola progettare un "efficientissimo" motore a nebbia per il tuo futile pachiderma... :rolleyes:

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...