Jump to content

Sensore pressione su impianto sequenziale


Enzo1

Post consigliati

 

 

E' molto semplice.

La benzina da iniettare dev'essere sempre in un rapporto fisso rispetto alla massa aria aspirata 814,7 parti di aria ed una di benzina, con una tolleranza di qualche punto percentuale).

 

Mica male, sapevo che in alcuni motori iniezione diretta carica stratificata erano arrivati ad avvicinare uno stechiometrico di 1/30

per alcune *rare* situazioni di carico, ma questa non me l'aspettavo :D

A parte scherzi andre, correggi subito il refuso prima che se ne accorga lo ******etto (10 lettere comincia con la esse), quello per una cosa come questa è capace di metterti in croce per il resto dei ruoi giorni:(

Link to comment
Share on other sites

  • Risposte 145
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Posted Images

 

Mica male, sapevo che in alcuni motori iniezione diretta carica stratificata erano arrivati ad avvicinare uno stechiometrico di 1/30

per alcune *rare* situazioni di carico, ma questa non me l'aspettavo :P

 

Acc! Forse l'ultima volta avevo smagrito un po' troppo la carburazione!!! Ecco perchè ogni tanto il motore perdeva qualche colpo ;)

Comunque ho corretto :)

Link to comment
Share on other sites

No parlo per partito preso ma come ti ho già detto la e-g@s se ne infischia letteralmente della pressione assoluta GPL ed ha un algoritmo studiato in maniera ottimale che approssima si ma l'errore che compie è uguale agli altri impianti che invece considerano la pressione assoluta del GPL...

Non lo dico io ma lo dice chi ha progettato l'impianto, difficilmente è confutabile visto che il suo impianto va benissimo...

Se poi ci sono impianti che invece funzionano molto bene con la sola pressione assoluta del GPL questo fa capire che le vie del signore sono infinite ed ognun costruttore prende quella che preferisce..

Beh caro Grana, ti stimo, ma se in un forum tecnico mi dici che la pressione map non serve perchè egas se ne infischia, perchè ha un misterioso algoritmo studiato da inconfutabili progettisti, senza spiegare il benchè minimo motivo tecnico, per me parli per partito preso.

 

Diverso se dai una possibile spiegazione, come ho fatto io sopra, affermando che FORSE la centralina gpl fa una STIMA GROSSOLANA del map attraverso la valutazione dei tempi di iniezione, e basandosi sulla bontà della mappa; ecco io affermando questo ho dato una spiegazione tecnica.

Link to comment
Share on other sites

Quindi alla fine di tutto, tu dici che anche gli impianti che misurano solo una pressione, utilizzano un meccanismo di stima della pressione assoluta del gas, attraverso il tempo di iniezione benzina?

Non è mica un'idea stupida!

Però è imprecisa:

la pressione MAP è strettamente legata al tempo di iniezione ma ci sono altre variabili:

-) La temperatura dell'aria;

-) Il regime di giri, visto che il sistema aspirazione/scarico ha un rendimento "a campana", che varia con la velocità di rotazione del motore.

 

Però, a pensarci bene, i due punti sopra sono ampiamente compensabili dall'adattatività: l'andamento dei tempi con il regime di giri è uno ed uno solo, dato il motore. Quindi l'errore che ne deriva sarà sempre quello, riproducibile ed uguale a sè stesso: la ECU benzina sarà quindi in grado di riassorbirlo;

L'effetto della temperatura è più che altro un fenomeno stagionale, quindi un fenomeno molto lento e facilmente compensabile, anche perchè le fluttuazioni non dovrebbero essere maggiori di un 10 % ( supponendo temperature medie tra 0 e 30 gradi centigradi).

Boh... tutto sommato sembra un'idea pratica e senza grandi talloni d'Achille, IMHO.

Beh non è proprio io che lo dico, ma è quello che deduco dopo queste 5 pagine.

Secondo me non è un gran che come strategia, perchè ci sono troppe approssimazioni, e perchè la propagazione di un errore verrebbe amplificata dalla forte non linearità del legame tra tinjbenz e densità del gpl. Le approssimazioni sono tantissime e non vengono considerate molte strategie della centralina benzina per modificare il tinj. Ad esempio la mia auto (una vestusa €2) effettua uno smagrimento (non parlo del cut-off) in rallentamento ed un ingrassamento in accellerazione, un ingrassamento con farfalla >70, i tempi di iniezione sono legati alla temperatura refrigerante, e chissà quanti altri parametri. Chissà che succede con un'auto €5 e con doppio variatore di fase. Quindi in molti casi il tinj può variare anche senza variazioni del map, ed in questo caso la centralina gpl sbaglia sicuramente.

 

per alcune *rare* situazioni di carico, ma questa non me l'aspettavo ;)

A parte scherzi andre, correggi subito il refuso prima che se ne accorga lo ******etto (10 lettere comincia con la esse), quello per una cosa come questa è capace di metterti in croce per il resto dei ruoi giorni:(

Ma che ce l'hai con me? sono l'unico con nik da 10 lettere, e non mi pare di essermi mai comportato da ######, ne con te ne con altri. Se ti fa piacere però posso pure cominciare ora.

Link to comment
Share on other sites

La pressione assoluta può servire o non servire. Se non serve, il problema non si pone (ma andrebbe dimostrato); Quindi la discussione potrebbe terminare con tre righe in cui si chiarisce per quali motivi la pressione assoluta del gas sia un parametro ininfluente oppure trascurabile o che altro.

Se tutti la pensassero come te la discussione sarebbe già terminata da un pò visto che io ho contattato il produttore della e-g@s (marchio che utilizza un sensore differenziale e che non calcola la pressione assoluta del GPL) che mi ha spiegato a chiare lettere che alla loro centralina non frega nulla di sapere la quantità di gas che passa nell'iniettore, loro hanno un algoritmo che converte il il tempo di iniezione benz. in tempo iniezione GPL e questo algoritmo non è fisso ma varia al variare dei tempi di iniezione benzina, della pressione DIFFERENZIALE, della temperatura del riduttore.

Quindi la pressione assoluta viene approssimata con degli algoritmi studiati a tavolino...

Naturalmente ogni macchina deve montare il giusto diametro di ugelli sui Matrix...

Come vedi è dimostrato che la pressione assoluta non serve... :)

 

per alcune *rare* situazioni di carico, ma questa non me l'aspettavo :P

A parte scherzi andre, correggi subito il refuso prima che se ne accorga lo ******etto (10 lettere comincia con la esse), quello per una cosa come questa è capace di metterti in croce per il resto dei ruoi giorni:(

Ma che ce l'hai con me? sono l'unico con nik da 10 lettere, e non mi pare di essermi mai comportato da ######, ne con te ne con altri. Se ti fa piacere però posso pure cominciare ora.

No, ha detto che la parola è di 10 lettere (s*****etto) non il nik :) :) :)

Penso si riferisca a quello che ha dato a tutti degli "imbranati" e che non ha accettato una piccola correzione di Signo perchè questa genera "confusione" :lol: :D :rolleyes:

 

No parlo per partito preso ma come ti ho già detto la e-g@s se ne infischia letteralmente della pressione assoluta GPL ed ha un algoritmo studiato in maniera ottimale che approssima si ma l'errore che compie è uguale agli altri impianti che invece considerano la pressione assoluta del GPL...

Non lo dico io ma lo dice chi ha progettato l'impianto, difficilmente è confutabile visto che il suo impianto va benissimo...

Se poi ci sono impianti che invece funzionano molto bene con la sola pressione assoluta del GPL questo fa capire che le vie del signore sono infinite ed ognun costruttore prende quella che preferisce..

Beh caro Grana, ti stimo, ma se in un forum tecnico mi dici che la pressione map non serve perchè egas se ne infischia, perchè ha un misterioso algoritmo studiato da inconfutabili progettisti, senza spiegare il benchè minimo motivo tecnico, per me parli per partito preso.

 

Diverso se dai una possibile spiegazione, come ho fatto io sopra, affermando che FORSE la centralina gpl fa una STIMA GROSSOLANA del map attraverso la valutazione dei tempi di iniezione, e basandosi sulla bontà della mappa; ecco io affermando questo ho dato una spiegazione tecnica.

La possibile spiegazione è quella che ho appena dato ad andre79ge e cioè che l'algoritmo di conversione è dinamico e varia al variare di t.ing benzina, pressione differenziale e temperatura...

Io aggiungo anche giri motore, poi non sò che altro...

Link to comment
Share on other sites

 

Se tutti la pensassero come te la discussione sarebbe già terminata da un pò visto che io ho contattato il produttore della e-g@s (marchio che utilizza un sensore differenziale e che non calcola la pressione assoluta del GPL) che mi ha spiegato a chiare lettere che alla loro centralina non frega nulla di sapere la quantità di gas che passa nell'iniettore, loro hanno un algoritmo che converte il il tempo di iniezione benz. in tempo iniezione GPL e questo algoritmo non è fisso ma varia al variare dei tempi di iniezione benzina, della pressione DIFFERENZIALE, della temperatura del riduttore.

Quindi la pressione assoluta viene approssimata con degli algoritmi studiati a tavolino...

Naturalmente ogni macchina deve montare il giusto diametro di ugelli sui Matrix...

Come vedi è dimostrato che la pressione assoluta non serve... :D

 

:rolleyes:

Mumble mumble.

Se l'algoritmo approssima la pressione assoluta, vuol dire che dal punto di vista fisico essa serve!

Poi, che la si misuri o no è un altro paio di maniche e dipende dall'implementazione del sistema.

Ma dal punto di vista fisico, concettuale, serve eccome (o non sei d'accordo?).

Se poi l'algoritmo la stimi da questo o quell'altro parametro, è un altro discorso, mi pare.

 

Voglio dire...

a Dicembre quando iniziò la discussione, la domanda originale posta da Enzo fu:

"La pressione assoluta serve per davvero o la dinamica di iniezione non dipende da essa?" dove la domanda era implicitamente concettuale, non funzionale. Così, mi pare, fu l'impostazione di Enzo.

 

Un altro esempio calzante con il mondo delle auto: motore a benzina stechiometrico: la massa aria aspirata serve o non serve?

Potremmo dire che serve solo se la vettura utilizza il debimetro (che E' il sensore che misura la massa di aria aspirata), mentre sui motori speed-density (con sensore di pressione aria, ma non di massa aria) o sugli alpha-N (quelli veloci da gara, con solo potenziometro sulla farfalla, oppure come sui vecchi mono iniettore tipo Bosch Mono Jetronic) non serva a nulla. Ma sarebbe sbagliato, perchè invece la misura della massa di aria che entra nel cilindro serve sempre.

Semplicemente, se hai il debimetro, la misuri direttamente.

Se hai il map o il potenziometro sulla farfalla, la calcoli; o meglio, la mappi in funzione di altre variabili cui la massa aria è proporzionalmente legata da una relazione univoca (entro un accettabile errore).

 

 

Per il gas il discorso è analogo e per quel che ho capito di questa discussione, possiamo riassumerlo così:

 

La pressione assoluta del gas, fisicamente, è una variabile che influisce sulla dinamica del sistema oppure no? Si, influisce.

Se influisce, è indispensabile misurarla direttamente o la si può calcolare con altri dati? No, non è obbligatorio misurarla e, per il teorema di Tascappane ( :lol: ) la si può calcolare a partire da TInjBenz.

 

Detto questo, non litighiamo :)

Link to comment
Share on other sites

 

Se tutti la pensassero come te la discussione sarebbe già terminata da un pò visto che io ho contattato il produttore della e-g@s (marchio che utilizza un sensore differenziale e che non calcola la pressione assoluta del GPL) che mi ha spiegato a chiare lettere che alla loro centralina non frega nulla di sapere la quantità di gas che passa nell'iniettore, loro hanno un algoritmo che converte il il tempo di iniezione benz. in tempo iniezione GPL e questo algoritmo non è fisso ma varia al variare dei tempi di iniezione benzina, della pressione DIFFERENZIALE, della temperatura del riduttore.

Quindi la pressione assoluta viene approssimata con degli algoritmi studiati a tavolino...

Naturalmente ogni macchina deve montare il giusto diametro di ugelli sui Matrix...

Come vedi è dimostrato che la pressione assoluta non serve... :D

 

:rolleyes:

Mumble mumble.

Se l'algoritmo approssima la pressione assoluta, vuol dire che dal punto di vista fisico essa serve!

Poi, che la si misuri o no è un altro paio di maniche e dipende dall'implementazione del sistema.

Ma dal punto di vista fisico, concettuale, serve eccome (o non sei d'accordo?).

Se poi l'algoritmo la stimi da questo o quell'altro parametro, è un altro discorso, mi pare.

 

Voglio dire...

a Dicembre quando iniziò la discussione, la domanda originale posta da Enzo fu:

"La pressione assoluta serve per davvero o la dinamica di iniezione non dipende da essa?" dove la domanda era implicitamente concettuale, non funzionale. Così, mi pare, fu l'impostazione di Enzo.

 

Un altro esempio calzante con il mondo delle auto: motore a benzina stechiometrico: la massa aria aspirata serve o non serve?

Potremmo dire che serve solo se la vettura utilizza il debimetro (che E' il sensore che misura la massa di aria aspirata), mentre sui motori speed-density (con sensore di pressione aria, ma non di massa aria) o sugli alpha-N (quelli veloci da gara, con solo potenziometro sulla farfalla, oppure come sui vecchi mono iniettore tipo Bosch Mono Jetronic) non serva a nulla. Ma sarebbe sbagliato, perchè invece la misura della massa di aria che entra nel cilindro serve sempre.

Semplicemente, se hai il debimetro, la misuri direttamente.

Se hai il map o il potenziometro sulla farfalla, la calcoli; o meglio, la mappi in funzione di altre variabili cui la massa aria è proporzionalmente legata da una relazione univoca (entro un accettabile errore).

 

 

Per il gas il discorso è analogo e per quel che ho capito di questa discussione, possiamo riassumerlo così:

 

La pressione assoluta del gas, fisicamente, è una variabile che influisce sulla dinamica del sistema oppure no? Si, influisce.

Se influisce, è indispensabile misurarla direttamente o la si può calcolare con altri dati? No, non è obbligatorio misurarla e, per il teorema di Tascappane ( :lol: ) la si può calcolare a partire da TInjBenz.

 

Detto questo, non litighiamo :)

Discorso filante...

Però:

Il discorso sul debimetro è un pò diverso perchè se non lo si ha non serve un algoritmo che approssimi la massa d'aria entrante ma servono 2 sensori (temperatura e pressione) ed un coefficiente moltiplicativo ed andremo a ricavarci la massa d'aria entrante in maniera esatta (a meno dei decimali ininfluenti)...

Però non si può stimare la massa d'aria da altre variabili od approssimarla ma va sempre e comunque calcolata perchè questa varia nel tempo e non col regime di carico...

 

La pressione assoluta invece non serve conoscerla perchè non serve conoscere la quantità di GPL che passa dall'iniettore...

Serve solo un algoritmo che sappia calcolare il giusto rapporto che intercorre tra Tinj benzina e Tinj GPL nelle possibili configurazioni in cui si trova tutto il complesso dell'impianto e del motore...

Per esempio se ad un tempo "x" sono a 3000rpm, con Tinj (benzina) 8.5ms, deltaTinj 10ms/s, temp. riduttore 85°C e deltaP 1250mBar allora il mio algoritmo calcola un certo coefficiente che sarà lo stesso che verrà calcolato ad un tempo "y" nella stessa configurazione appena descritta ...

In poche parole il metodo di calcolo del rapporto di iniezione tra benzina e GPL ingloba tutte le variabili "tempo invarianti" (come la pressione assoluta)...

Invece la misurazione della massa d'aria non può essere approssimata con variabili tempo invarianti ma ha bisogno di conoscere la pressione e la temperatura ogni istante perchè a pari condizioni di carico questa è diversa in un momento "x" rispettto ad un momento successivo "y"...

Link to comment
Share on other sites

 

Ma che ce l'hai con me? sono l'unico con nik da 10 lettere, e non mi pare di essermi mai comportato da ######, ne con te ne con altri. Se ti fa piacere però posso pure cominciare ora.

 

Mi dispiace ma non ce l'ho con te, e cmq ora non ho tempo per cominciare niente, mettiti pure in coda insisti e non disperare:D :lol: :lol: :lol: :lol:

Link to comment
Share on other sites

 

Discorso filante...

Però:

Il discorso sul debimetro è un pò diverso perchè se non lo si ha non serve un algoritmo che approssimi la massa d'aria entrante ma servono 2 sensori (temperatura e pressione) ed un coefficiente moltiplicativo ed andremo a ricavarci la massa d'aria entrante in maniera esatta

 

(...)

 

La pressione assoluta invece non serve conoscerla perchè non serve conoscere la quantità di GPL che passa dall'iniettore...

Serve solo un algoritmo che sappia calcolare il giusto rapporto che intercorre tra Tinj benzina e Tinj GPL nelle possibili configurazioni in cui si trova tutto il complesso dell'impianto e del motore...

 

(...)

 

In poche parole il metodo di calcolo del rapporto di iniezione tra benzina e GPL ingloba tutte le variabili "tempo invarianti" (come la pressione assoluta)...

Invece la misurazione della massa d'aria non può essere approssimata con variabili tempo invarianti ma ha bisogno di conoscere la pressione e la temperatura ogni istante perchè a pari condizioni di carico questa è diversa in un momento "x" rispettto ad un momento successivo "y"...

 

Ok.

Però resta una questione, che a questo punto hai chiarito:

Per quale motivo dici che non serve conoscere direttamente la pressione assoluta, ovvero la densità, ovvero la quantità di gas che passa per davvero dall'iniettore?

Se ho capito quel che intendi, dici ciò perchè l'impianto a gas in questione non vuole individuare una quantità di gas da iniettare, vuole solo un tempo di iniezione che compete al quadro dei parametri che non sono invarianti nel tempo.

Sono d'accordo con te e, in ultima analisi, è sostanzialmente quello che pensavo nel post precedente e, credo, quello che intendesse dire Tascappane (a meno di invarianza per rototraslazioni dello spaziotempo).

 

Se capisco, dici che la pressione assoluta del gas è tempo invariante (aggiungerei in prima approssimazione) e, assumendo per buona quest'ipotesi, il quadro delle variabili utili può esser limitato alle variabili x y z (ad esempio le da te citate regime, tempo d'iniezione e sua variazione etc), che non includono la pressione assoluta.

 

Boh, forse ho complicato il discorso, però il tutto mi convince :D .

Link to comment
Share on other sites

Ok.

Però resta una questione, che a questo punto hai chiarito:

Per quale motivo dici che non serve conoscere direttamente la pressione assoluta, ovvero la densità, ovvero la quantità di gas che passa per davvero dall'iniettore?

Se ho capito quel che intendi, dici ciò perchè l'impianto a gas in questione non vuole individuare una quantità di gas da iniettare, vuole solo un tempo di iniezione che compete al quadro dei parametri che non sono invarianti nel tempo.

Se capisco, dici che la pressione assoluta del gas è tempo invariante (aggiungerei in prima approssimazione) e, assumendo per buona quest'ipotesi, il quadro delle variabili utili può esser limitato alle variabili x y z (ad esempio le da te citate regime, tempo d'iniezione e sua variazione etc), che non includono la pressione assoluta.

 

Boh, forse ho complicato il discorso, però il tutto mi convince :lol: .

 

Esatto

Diciamo che tutti i parametri menzionati (giri motore, Tinj, pressione differenziale, temperatura, ecc...) variano nel tempo e non sono direttamente concatenati tra loro...

La pressione assoluta invece varia (sempre in prima approssimazione) solo rispetto ai parametri precedenti e non rispetto al tempo.

Ingegneristicamente parlando i primi sono parametri linearmente indipendenti fra loro e di conseguenza serve conoscerli in ogni istante invece il parametro "press. assoluta" non è linearmente indipendente ma bensì è una combinazione lineare dei precedenti e di conseguenza viene inglobato assieme agli altri parametri con un algoritmo :lol:

 

Naturalmente tutto questo vale per la e-g@s...

Ogni impianto ha una sua logica...

Link to comment
Share on other sites

Discorso filante...

Però:

Il discorso sul debimetro è un pò diverso perchè se non lo si ha non serve un algoritmo che approssimi la massa d'aria entrante ma servono 2 sensori (temperatura e pressione) ed un coefficiente moltiplicativo ed andremo a ricavarci la massa d'aria entrante in maniera esatta (a meno dei decimali ininfluenti)...

Però non si può stimare la massa d'aria da altre variabili od approssimarla ma va sempre e comunque calcolata perchè questa varia nel tempo e non col regime di carico...

 

La pressione assoluta invece non serve conoscerla perchè non serve conoscere la quantità di GPL che passa dall'iniettore...

Serve solo un algoritmo che sappia calcolare il giusto rapporto che intercorre tra Tinj benzina e Tinj GPL nelle possibili configurazioni in cui si trova tutto il complesso dell'impianto e del motore...

Per esempio se ad un tempo "x" sono a 3000rpm, con Tinj (benzina) 8.5ms, deltaTinj 10ms/s, temp. riduttore 85°C e deltaP 1250mBar allora il mio algoritmo calcola un certo coefficiente che sarà lo stesso che verrà calcolato ad un tempo "y" nella stessa configurazione appena descritta ...

In poche parole il metodo di calcolo del rapporto di iniezione tra benzina e GPL ingloba tutte le variabili "tempo invarianti" (come la pressione assoluta)...

Invece la misurazione della massa d'aria non può essere approssimata con variabili tempo invarianti ma ha bisogno di conoscere la pressione e la temperatura ogni istante perchè a pari condizioni di carico questa è diversa in un momento "x" rispettto ad un momento successivo "y"...

Il discorso invece è molto simile a quello del debimetro, ed i valori p e t: tramite p e t si effettua una stima della massa d'aria, e non un calcolo od una misura. Mica viene moltiplicato p*t per ottenere la massa aria, ma tramite un agoritmo (che potrebbe essere anche un coefficiente moltiplicativo, come potrebbe contenere altri parametri) ne viene effettuata una stima. Le stime però non sono mai perfette, infatti anche il debimetro effettua una stima della massa di aria, solo che questa stima è molto più accurata di quella offerta dai sensori p t.

 

 

Il parametro che serve alla centralina benzina per calcolare tinj è proprio la massa aria, per cui occorre cercare di valutare la migliore stima, ed ecco che i costruttori stanno abbandonando i semplici sensori p t optando per i ben più costosi e fragili debimetri.

 

Il compito "concettuale" di una centralina gpl è quello di inettare LA STESSA quantità di combustibile che inietterebbe la centralina benzina. Come farà e con quali parametri lo vediamo tra un attimo.

Per valutare la quantità di benzina iniettata basta moltiplicare il tinjb per la portata dell'iniettore (ovviamente a parità di pressione rail benzina tenuta costante dal regolatore) per la "densità del combustibile" che per la benza è costante.

 

Una volta valutata la quantità di carburante dovrebbe iniettarne la stessa di gas. Quindi dovrebbe sapere la quantità di gpl che passa.

Ogni errore che commetterà nel valutare la quantità di gas che va ad iniettare, andrà ad attivare i correttori, che altereranno (anche se di poco) l'erogazione ed i consumi sia a gpl sia, insomma non un malfunzionamento, ma un funzionamento migliorabile.

 

Vediamo cosa fa Egas partendo dall'esempio:

Per esempio se ad un tempo "x" sono a 3000rpm, con Tinj (benzina) 8.5ms, deltaTinj 10ms/s, temp. riduttore 85°C e deltaP 1250mBar allora il mio algoritmo calcola un certo coefficiente che sarà lo stesso che verrà calcolato ad un tempo "y" nella stessa configurazione appena descritta

 

Egas partendo da una mappa (che andrà costruita scrupolosamente) legge x a benzina ed inietta y considerando i suoi parametri e tralasciando la pressione assoluta.

 

Dopo un po' mi si sporca il filtro aria, significa che a parità di tempi di iniezione, delta tinj, temp riduttore, deltaP, Egas inietterà sempre per un tempo Y, ma non sapendo che c'è il filtro aria sporco, e che quindi la pressione del map è più bassa, Egas (come Stargas) inietteranno un gpl più rarefatto, quindi leggermente magri, i correttori veloci benza correggeranno tutto e dopo un po' andranno a modificare i correttori lenti. (Sarà per questo che il mio istallatore affermava che il filtro aria va cambiato ogni 20k km... andai a prendere il libretto uso e manutenzione della dedra e gli feci leggere che fiat lo prescrive a 40k... lui leggendo diceva che lì sopra c'erano scritte chiacchiere)

 

Ritrovandosi nelle stesse medesime condizioni l'auto si troverà grassa a benzina e dovrà modificare di nuovo i correttori.

 

L'economico impianto Stag (mai sentito prima di questa discussione), disponendo anche di un sensore di pressione assoluta, potrebbe autonomamente aumentare il tinjgas per compensare la variazione di densità.

Link to comment
Share on other sites

Per quello che ho provato io in varie occasioni vi posso dire che e-gas e stargas prima serie variando la pressione del riduttore dall'apposito registro varia di conseguenza anche la carburazione, alzando si ingrassa, abbassando smagrisce, a differenza di un Landi Omegas che alzando o abbassando la pressione compensa modificando i tempi d'iniezione gas e quindi non cambia la carburazione, funzionano uguali al Landi anche tutti i prodotti della famiglia Aeb e pure Brc.

 

Questo può fare differenza tra un prodotto ed un altro per quanto riguarda la stabilità del sistema.

Link to comment
Share on other sites

Dal registro sul riduttore si varia la pressione differenziale, correggetemi se sbaglio.

Aumentando la pressione diffle aumenta il volume (e quindi la quantità) di gas che passa durante il tinj, però è strano in quanto avendo il sensore Pdiffle dovrebbe esser facile per i due impianti correggere. Beh certo se poi a loro non interessa la quantità di gas che iniettano, ma si limitano a fare da calcolatrice associando a tinjb il corrispondente tinjg allora è la stessa cosa che dico io: funzionano lo stesso ma potrebbero funzionare ancora meglio, oltre il discorso che occorrerebbe più laboriosa la costruzione della mappa

Link to comment
Share on other sites

Dal registro sul riduttore si varia la pressione differenziale, correggetemi se sbaglio.

Aumentando la pressione diffle aumenta il volume (e quindi la quantità) di gas che passa durante il tinj, però è strano in quanto avendo il sensore Pdiffle dovrebbe esser facile per i due impianti correggere. Beh certo se poi a loro non interessa la quantità di gas che iniettano, ma si limitano a fare da calcolatrice associando a tinjb il corrispondente tinjg allora è la stessa cosa che dico io: funzionano lo stesso ma potrebbero funzionare ancora meglio, oltre il discorso che occorrerebbe più laboriosa la costruzione della mappa

 

Aumemtando la pressione non aumenta il volume bensì la densità.

 

Non sono d'accordo sia star gas che egas correggono in funzione della pressione,

 

gli unici impianti che non avevano correzioni in tal senso erano i primi con elettroiniettori anni dal 2001 al 2003 ma nonavevano questa logica di funzionamento.

 

Essi avevano una centralna autonoma in tutto e per tutto.

 

Gli odierni si possono usare solo su vetture con elettroiniettori perchè la logica di funzionamento è basata solo sul calcolo del coefficiente per la variazione del tempo di iniezione convertito da benzina a gas.

 

Ribadisco che in questo trend è stata fatta troppa confusione.

 

Gli odierni impianti hanno notevolmente semplificato la taratura del sitema perchè una volta ben capito la logica di funzionamento la loro taratura diventa molto semplice .

Purtroppo da questa discussione emerge una scarsa informazione tecnica, una scarsa conoscienza del sistema di ragionamento utilizzato dalle varie centraline, una grande difficoltà alla persuasione che determinate informazioni non sono necessarie al calcolo del coefficiente di conversione.

 

La pressione collettore aspirazione serve per abilitare o meno le Correzioni in determinate aree di funzionamento.

 

Tipica zona nella quale non si deve abilitare la correzione OBD durante tratti di strada in discesa percorribile a buona velocità

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Non sono d'accordo sia star gas che egas correggono in funzione della pressione,

 

Non sei d'accordo ...beh la prima volta che ti capita un'auto con un e-gas porta la pressione da 1 a 1,3 e poi guarda la carburazione ...provare per credere!

 

Magari non cambia come in un vecchio etagas però cambia fidati! :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...