Jump to content

Prezzi auto USA/Europa, la TRUFFA OLTRAGGIOSA CONTINUA!


Post consigliati

Che c'entra tutta sta pappardella adesso ? Io non devo convincere proprio nessuno !

 

Ma che dici?? Mi sa che hai sbagliato persona......

sono intervenuto in una discussione già aperta .....

e non da me......ma da "ascoltate in silenzio" e sin dal il 27 luglio......

siete voi che la menate da giorni e te la prendi con me?.....

 

Ieri (5 agosto) sono intervenuto solo e semplicemente per farti notare cosa avevi scritto sulla crisi dei mutui che secondo me e "qualche altro" era imputabile ad "altre cause".

 

 

PUNTO

 

Che c'entra tutta sta pappardella adesso ? Io non devo convincere proprio nessuno !

 

Ma che dici?? Mi sa che hai sbagliato persona......

sono intervenuto in una discussione già aperta .....

e non da me......ma da "ascoltate in silenzio" e sin dal il 27 luglio......

siete voi che la menate da giorni e te la prendi con me?.....

 

Ieri (5 agosto) sono intervenuto solo e semplicemente per farti notare cosa avevi scritto sulla crisi dei mutui che secondo me e "qualche altro" era imputabile ad "altre cause".

 

 

PUNTO

 

VUOI CHE NE SCRIVA UN'ALTRA ?

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 36
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Calmiamoci tutti...personalmente ritego che fare un raffronto tra due paesi che sia serio non è cosa faciel, non è faciel farlo tra due città tra due zone, non è facile farlo tra nord italia e sud italia figuariamoci tra paesi di continenti diversi. E' chiaro che l'italia ha del buono ma ha anche del marcio e così l'america....qui si paral di vita comune ...di possibilità dei cittadini id campare dignitosamente ma soprautto si parla di OPPORTUNITà....è vero che in America devi pagarti tutto, sanità, assitenza, istruzione.....ma in America non hai la mediocrità....qui per dare tutto a tutti si deve per forza essere mediocri...mediocre la sanità, mediocre l'istruzione...in America sei tu, in base al tuo reddito e alla tua forza che ti costruisci il futuro.....c'è un mio parente che abita a newyork, ha una "sala" praticametne una sorta di sala ricevimenti che fitta per bancehtti e matrimoni...mettendo a disposizione il solo tovagliato e i camerieri al catering pensano gli sposi...bhe ti posso assicurare che è un gran bel business...se lo avesse fatto in Italia sarebbe morto di fame dopo un anno...bhe lui stesso dice che le spese sono tante, che anche li si boccheggia...ma sono felici, le tasse le pagano perchè SANNO CHE QUELLO PER CUI PAGANO SARà EFFICIENTE...efficiente la viabilità, efficiente l'istruzione di base, efficiente i trasporti, efficiente i corpi di polizia....certo per efficineza si intede sempre eficienza al 60% il 100% è impossibile perchè siamo uomini...ma da noi? scuole che fnno schifo...vi ricordate su che banchi e sedie abbiamo studiato? un telaio di ferro con due fogli di compensato pressato....a morire di freddo o di caldo perchè per legge i termosifoni si accendevano dal 15 novembre quindi con il sole al 15 aprile quindi con la neve, dove se dovevi fare una fotocopia ti dicevano che nn avevano carta, dove se ti senti male t danno acqua e zucchero.....dove ti insegna latino l'archeologa e informatica la laureata in matematica che al massimo sa accendere il televisore........o l'università italiana che aiuta solo i 110 e lode e gli altri? ma se dovevamo fare laboratorio e siamo andati alle 8 di sera perchè ce ne era solo uno per 300 studenti da venti postazioni e tre corsi e dovevamo fare a turno? oppure dove lo studente deve fare avanti e inditetro tra la segreteria studenti e quella di facoltà perchè fa l'estratto degli esami e scopri che il professore non lo ha registrato.....oppure ti devi larueare e deiv andarti ap rendere la tesi a casa del prof che non ha avuto il tempo di guardarla e tu la devi mandare in stampa la notte...perchè? perchè il prof è andato a spese tue al congresso di....con il furgoncino dell'università a farsi lo splendido con la ricerca fatta d qualche topo di laboratorio che sta li a schiumare per far prendere i meriti al professore.......E' meglio questo? certo se si guarda il mondo dai redditi bassissimi è ovvio che è meglio questo ma chi ha un reddito medio, e fortunatamente in italia è la media, a avrebbe la possibilità di spendere qualche euro per l'itstruzione del proprio figlio, ma non ha la possibilità delle grandi univeristà che deve fare? si deve accontentare della mediocrità...Ecco questo è il paese del nichilismo...è un paese che ha sempre pensato al ceto basso e bassissimo e nn si è mai occupato del ceto medio...fguriamoci poi dell'alto...il ceto alto ha sempre pagato quindi non se ne frega niente.....questo è un paese che è cresciuto 40 anni fa passando da una media di ceto basso ad una media di ceto medio...e ora? è possibile crescere? No siamo fermi impantanati........è vero in America paghi 300 dollari di assicurazione sanitaria.....ma almeno non ti senti dire che non hanno le bustine di ghiaccio sintetico che costano a me farmacia 10 centesimi.....la mia ragazza tre anni fa era con un'amica in macchina ebbero un incidente e sbattè il ginocchio stette 3 ore nella sala d'asetto del prnto soccorso dell'Ospedale Riuniti di Reggio Calabria e quando chiese altro ghiaccio le risposero che non avevano...il giorno dopo per spreggio feci un ordine ad un agente di prodotti sanitari combinazione di reggio calabria, mi arrivò il pacco con il ghiaccio sintetico ci misi un fiocco e lo mandai al primario con su scritto gentile omaggio della farmacia..... ma vi rendete conto?

Link to post
Share on other sites

Calmiamoci tutti...personalmente ritego che fare un raffronto tra due paesi che sia serio non è cosa faciel, non è faciel farlo tra due città tra due zone, non è facile farlo tra nord italia e sud italia figuariamoci tra paesi di continenti diversi. E' chiaro che l'italia ha del buono ma ha anche del marcio e così l'america....qui si paral di vita comune ...di possibilità dei cittadini id campare dignitosamente ma soprautto si parla di OPPORTUNITà....è vero che in America devi pagarti tutto, sanità, assitenza, istruzione.....ma in America non hai la mediocrità....qui per dare tutto a tutti si deve per forza essere mediocri...mediocre la sanità, mediocre l'istruzione...in America sei tu, in base al tuo reddito e alla tua forza che ti costruisci il futuro.....c'è un mio parente che abita a newyork, ha una "sala" praticametne una sorta di sala ricevimenti che fitta per bancehtti e matrimoni...mettendo a disposizione il solo tovagliato e i camerieri al catering pensano gli sposi...bhe ti posso assicurare che è un gran bel business...se lo avesse fatto in Italia sarebbe morto di fame dopo un anno...bhe lui stesso dice che le spese sono tante, che anche li si boccheggia...ma sono felici, le tasse le pagano perchè SANNO CHE QUELLO PER CUI PAGANO SARà EFFICIENTE...efficiente la viabilità, efficiente l'istruzione di base, efficiente i trasporti, efficiente i corpi di polizia....certo per efficineza si intede sempre eficienza al 60% il 100% è impossibile perchè siamo uomini...ma da noi? scuole che fnno schifo...vi ricordate su che banchi e sedie abbiamo studiato? un telaio di ferro con due fogli di compensato pressato....a morire di freddo o di caldo perchè per legge i termosifoni si accendevano dal 15 novembre quindi con il sole al 15 aprile quindi con la neve, dove se dovevi fare una fotocopia ti dicevano che nn avevano carta, dove se ti senti male t danno acqua e zucchero.....dove ti insegna latino l'archeologa e informatica la laureata in matematica che al massimo sa accendere il televisore........o l'università italiana che aiuta solo i 110 e lode e gli altri? ma se dovevamo fare laboratorio e siamo andati alle 8 di sera perchè ce ne era solo uno per 300 studenti da venti postazioni e tre corsi e dovevamo fare a turno? oppure dove lo studente deve fare avanti e inditetro tra la segreteria studenti e quella di facoltà perchè fa l'estratto degli esami e scopri che il professore non lo ha registrato.....oppure ti devi larueare e deiv andarti ap rendere la tesi a casa del prof che non ha avuto il tempo di guardarla e tu la devi mandare in stampa la notte...perchè? perchè il prof è andato a spese tue al congresso di....con il furgoncino dell'università a farsi lo splendido con la ricerca fatta d qualche topo di laboratorio che sta li a schiumare per far prendere i meriti al professore.......E' meglio questo? certo se si guarda il mondo dai redditi bassissimi è ovvio che è meglio questo ma chi ha un reddito medio, e fortunatamente in italia è la media, a avrebbe la possibilità di spendere qualche euro per l'itstruzione del proprio figlio, ma non ha la possibilità delle grandi univeristà che deve fare? si deve accontentare della mediocrità...Ecco questo è il paese del nichilismo...è un paese che ha sempre pensato al ceto basso e bassissimo e nn si è mai occupato del ceto medio...fguriamoci poi dell'alto...il ceto alto ha sempre pagato quindi non se ne frega niente.....questo è un paese che è cresciuto 40 anni fa passando da una media di ceto basso ad una media di ceto medio...e ora? è possibile crescere? No siamo fermi impantanati........è vero in America paghi 300 dollari di assicurazione sanitaria.....ma almeno non ti senti dire che non hanno le bustine di ghiaccio sintetico che costano a me farmacia 10 centesimi.....la mia ragazza tre anni fa era con un'amica in macchina ebbero un incidente e sbattè il ginocchio stette 3 ore nella sala d'asetto del prnto soccorso dell'Ospedale Riuniti di Reggio Calabria e quando chiese altro ghiaccio le risposero che non avevano...il giorno dopo per spreggio feci un ordine ad un agente di prodotti sanitari combinazione di reggio calabria, mi arrivò il pacco con il ghiaccio sintetico ci misi un fiocco e lo mandai al primario con su scritto gentile omaggio della farmacia..... ma vi rendete conto?

 

 

guarda che, semplice esempio, l'istruzione italiana è infinitamente superiore a quella americana.

ed è gratuita.

sarà un caso che in america vedono sempre di buon occhio i laureati italiani?

e non è vero che aiuta solo i 110 e lode.

anzi.

il diritto allo studio è assicurato in primis a chi non riesce a permettersi il pagamento delle tasse universitarie.

la riduzione per merito scolastico è nella misura di 150 euro, su un monte tasse annuale (università di padova) che al massimo arriva a 1900 euro, nel caso in cui sei nella massima fascia di reddito.

 

ah, se preferisci pagare 20mila euro l'anno di università, fai pure.

vai in america.

è possibile, basta volerlo.

come già detto, io mi sono preoccupato di farmi il piano di studi in america, prendendo contatto con l'università, è molto semplce, più di quanto ci si possa aspettare.

però, ripeto, paga pure 20mila euro l'anno (vitto, alloggio, libri, insomma TUTTO escluso)

 

il fatto che ci sia da aspettare in pronto soccorso a seconda della gravità della situazione del paziente, cosa di cui ci si sincera, direi che è normale.

anch'io dopo un incidente ho aspettoato 6 ore prima di essere visitato al pronto soccorso.

ma dio buono non pretendevo di certo che chi stava morendo d'infarto venisse messo da parte per visitare me.

 

questo accade perché la sanità è gratuita e perché l'assistenza è per tutti.

ripeto, sputate tanto nel piatto dove mangiate, ma alla fine di come va l'italia, la responsabilità è anche e soprattutto di chi vi abita.

Link to post
Share on other sites

Mah, io con l'america c'ho lavorato, tramite l'azienda di famiglia, ho visto due volte Manhattan e una Chicago, con una veloce fuga a Venice beach, sempre per i suddetti rapporti di lavoro, tranne che a Venice Beach

Ho anche frequentato una ragazza americana trasferitasi qui in italia, in quanto suo padre è un ufficiale dell'esercito, stanziato a Vicenza.

 

Quindi sicuramente non ho tutta sta esperienza, ma nel mio piccolo, preferisco la cara vecchia Europa, che sarà pure uno sfascio, ma sempre meglio di quella baraonda di paese che cono gli Stati Uniti, Per me poi i confronti sono davvero improponibili, qui da noi una Costata da un kilo, mica tutti se la possono permettere ogni giorno, li la "bistecca" costa pochissimo, un quinto, a volte meno di due pennette all'amatriciana, in ristorante italiano, dove ladrano sui prezzi da paura! Vestirsi da mentecatti, con i jeans, con le mutande di fuori e le scarpe slacciate, li ti costa nulla, anche comprando marche ben note, spendi solo se vuoi abiti di sartoria. Qui da noi al contrario per vestirti come un ritardato (la moda del momento) lasci giu 100€ solo per la cintura.

Al contrario li paghi tutto quello che da noi è "quasi" gratis, gli affitti se non vuoi stare in una cantina o in un quartiere assurdo, paghi cifre folli, nell'isola di M. si arrivano, almeno allora e quelli che vidi io, anche a 50000 dollari mensili!!!

Se non sei più che benestante, prega di non aver mai bisogno di interventi chirurgici importanti, perchè poche assicurazioni li coprono, Il traffico nelle strade è qualcosa, che Roma e Milano, a confronto sono dei dilettanti!

Il divario tra scuole pubbliche e private e abissale e lo si riflette anche nelle opportunità di lavoro dopo, negli usa il senso del risparmio non esiste proprio, si usano le rate quasi per tutto, ma non solo da adesso, non esiste, o solo per pochi, il concetto di spese inpreviste, al massimo si aumenta il finanziamento di turno.

Nei quartieri residenziali vedi case, che a noi sembrano ville e per loro sono casette, ma in effetti vengono costruite alla vai che vai bene, altro che gli standar qualitativi nostri, almeno qui in Veneto, costano poco, ma valgono altrettanto poco.

 

Le auto costano meno che da noi, perchè è una politica dei loro prodttori, ford, gm ecc...Se infatti fate caso Ford, Opel ecc, europee, devono mantenere le politiche delle case madri, con prezzi comunque molto appetibili rispetto alle tedesche o italiane, sono gli importatori europei, che sono dei figli d'androcchia e ci speculano, come iniziò a fare il buon Talamo con le Harley e, come fanno ora quelli che importano veicoli, che non hanno una rete ufficiale.

 

Poi negli usa ci sono anche grandi cose, da lasciarti a bocca aperta, un paese che in effetti offre tutto, ma con delle diversità e dei contrasti, difficili da credere. Dove se sei povero la tua vita è appesa ad un filo, non ce stato che ti aiuti!

 

La cosa che mi spaventa, avendolo visto, opinione personale e opinabile, è che l'Europa, inebriata dalla "facciata" del benessere statunitense, ci sta portando allo stesso stile di vita.

 

L'Euro anziche diventare il rivale alla pari del dollaro (inteso come identità, non come moneta) lo sta emulando, gli corre appresso, come un bravo e fedele cagnolino!

Si potrebbe parlare per ore, mq mi fermo.

 

Rimane solo la mia opinione, come ognuno ha la propria, ma io preferisco l'Italia, anche se siamo in un periodaccio un po nero!

 

Ps, se andate nelle spiaggie della west coast...Scordatevi Pamela Anderson o bellezze del genere...Li sono per metà, manzi all'ingrasso!

Link to post
Share on other sites

Mah, io con l'america c'ho lavorato, tramite l'azienda di famiglia, ho visto due volte Manhattan e una Chicago, con una veloce fuga a Venice beach, sempre per i suddetti rapporti di lavoro, tranne che a Venice Beach

Ho anche frequentato una ragazza americana trasferitasi qui in italia, in quanto suo padre è un ufficiale dell'esercito, stanziato a Vicenza.

 

Quindi sicuramente non ho tutta sta esperienza, ma nel mio piccolo, preferisco la cara vecchia Europa, che sarà pure uno sfascio, ma sempre meglio di quella baraonda di paese che cono gli Stati Uniti, Per me poi i confronti sono davvero improponibili, qui da noi una Costata da un kilo, mica tutti se la possono permettere ogni giorno, li la "bistecca" costa pochissimo, un quinto, a volte meno di due pennette all'amatriciana, in ristorante italiano, dove ladrano sui prezzi da paura! Vestirsi da mentecatti, con i jeans, con le mutande di fuori e le scarpe slacciate, li ti costa nulla, anche comprando marche ben note, spendi solo se vuoi abiti di sartoria. Qui da noi al contrario per vestirti come un ritardato (la moda del momento) lasci giu 100€ solo per la cintura.

Al contrario li paghi tutto quello che da noi è "quasi" gratis, gli affitti se non vuoi stare in una cantina o in un quartiere assurdo, paghi cifre folli, nell'isola di M. si arrivano, almeno allora e quelli che vidi io, anche a 50000 dollari mensili!!!

Se non sei più che benestante, prega di non aver mai bisogno di interventi chirurgici importanti, perchè poche assicurazioni li coprono, Il traffico nelle strade è qualcosa, che Roma e Milano, a confronto sono dei dilettanti!

Il divario tra scuole pubbliche e private e abissale e lo si riflette anche nelle opportunità di lavoro dopo, negli usa il senso del risparmio non esiste proprio, si usano le rate quasi per tutto, ma non solo da adesso, non esiste, o solo per pochi, il concetto di spese inpreviste, al massimo si aumenta il finanziamento di turno.

Nei quartieri residenziali vedi case, che a noi sembrano ville e per loro sono casette, ma in effetti vengono costruite alla vai che vai bene, altro che gli standar qualitativi nostri, almeno qui in Veneto, costano poco, ma valgono altrettanto poco.

 

Le auto costano meno che da noi, perchè è una politica dei loro prodttori, ford, gm ecc...Se infatti fate caso Ford, Opel ecc, europee, devono mantenere le politiche delle case madri, con prezzi comunque molto appetibili rispetto alle tedesche o italiane, sono gli importatori europei, che sono dei figli d'androcchia e ci speculano, come iniziò a fare il buon Talamo con le Harley e, come fanno ora quelli che importano veicoli, che non hanno una rete ufficiale.

 

Poi negli usa ci sono anche grandi cose, da lasciarti a bocca aperta, un paese che in effetti offre tutto, ma con delle diversità e dei contrasti, difficili da credere. Dove se sei povero la tua vita è appesa ad un filo, non ce stato che ti aiuti!

 

La cosa che mi spaventa, avendolo visto, opinione personale e opinabile, è che l'Europa, inebriata dalla "facciata" del benessere statunitense, ci sta portando allo stesso stile di vita.

 

L'Euro anziche diventare il rivale alla pari del dollaro (inteso come identità, non come moneta) lo sta emulando, gli corre appresso, come un bravo e fedele cagnolino!

Si potrebbe parlare per ore, mq mi fermo.

 

Rimane solo la mia opinione, come ognuno ha la propria, ma io preferisco l'Italia, anche se siamo in un periodaccio un po nero!

 

Ps, se andate nelle spiaggie della west coast...Scordatevi Pamela Anderson o bellezze del genere...Li sono per metà, manzi all'ingrasso!

 

 

finalmente qualcuno parla con cognizione di causa :)

Link to post
Share on other sites

Bhe la bistecca in america costa la metà che in europa......

.....con i steroidi (o cmq integratori di dubbia origine) e mangimi OGM che usano mi sembra il minimo.

Non posso cmq fare commenti, si dovrebbe andare a vivere in america per capire.

Conosco parecchi amercani che dopo aver lavorato alla base USA di Vicenza hanno deciso di rimanere in italia, perchè alloro avviso migliore degli states, ma sono cose soggettive.

Io sono di vicenza e vedo già differenza di vita rispetto a padova (dove ho studiato), figuriamoci fra due paesi di concessione e cultura completamente differente.

Link to post
Share on other sites

Bhe la bistecca in america costa la metà che in europa......

.....con i steroidi (o cmq integratori di dubbia origine) e mangimi OGM che usano mi sembra il minimo.

Non posso cmq fare commenti, si dovrebbe andare a vivere in america per capire.

Conosco parecchi amercani che dopo aver lavorato alla base USA di Vicenza hanno deciso di rimanere in italia, perchè alloro avviso migliore degli states, ma sono cose soggettive.

Io sono di vicenza e vedo già differenza di vita rispetto a padova (dove ho studiato), figuriamoci fra due paesi di concessione e cultura completamente differente.

 

ragazzi ognuno ha il suo background...signori miei evidentemente voi vivete meglio che da noi e quindi non sentite la necessità di rinengare la vostra terra...vi faccio presente che in Calabria se non sia mai sei un poveretto e ti prende un cancro sei gia bello e morto....già a metà degli anni ottanta mia madre gli diagnosticarono un cancro alla mammella...vista a Cosenza non era nulla solo un noduletto...andati a Milano l'hanno operata d'urgenza e ha tirato altri 6 anni...se l'avessimo presa prima forse e dico forse campava qualche altro anno.....bhe in quegli anni io ero piccolino....ma i miei dovettero vendersi una casa in costruzione per far fronte alle spese di viaggio e di medici.....se ne partirono 120 milioni e parlo del 1985.....stessa cosa è successa ad alcuni miei zii oppure alla seconda moglie di mio padre che per dei semplicissimi papillomi uterini a Cosenza hanno detto che era da perar d'urgenza...sono 4 anni anni e sta ancora bene perchè siamo andati a Torino...e tra viaggio e spese di controlli se ne sono partiti 2000 euro.....Mio padre stesso a ottobre 2007 ha avuto uno svenimento protato al ps hanno parlato di stress...dopo 15 giorni che è stato ricoverato siamo andati a Milano gli hanno messo uno stancyl al cuore 3 giorni è durato tutto e 5000 euro di spese tra viaggio albergo per mia madre(la sua seconda moglie...)) e sostituto per la farmacia.....e questo è il campo della sanità...per la quale paghiamo le tasse e che è garantita a tutti..almeno in America ti fai un assicurazione a seconda dei premi versati hai servizi richiesti tranne alta chirurgia...ma se fate i vostri bei conti vedete che almeno noi in calabria per curarci dobbiamo emigrare...se poi per sanità parliamo dell'appendicite o del tirare a campare...bhe ben venga tutto! Proprio statattina una mia cliente mi ha raccontato che per un ingessatura di polso fatta da cani qui nel mio paese è dovuta stare 20 giorni al traumatologico di Torino....in albergo, viaggio per due persone e visita privata.......se ne sranno partiti 1000 euro ad occhi chiusi......

 

le scuole.....mia madre (la seconda moglie...) insegna alle scuole medie disegno.....di quale qualità parlate? con l'autonomia quest'anno ha avuto i registri fotocopiati...nel senso che nn potevano comrpare i registri nuovi hanno fatto le fotocopie di un registro pulito e hanno spillato le pagine.....gli alunni DEVONO munirsi loro di gessi colorati cartoncini colori e acquarelli perchè i soldi non ce ne sono......questa è qualità? e i libri per i meno abienti? sai che giro c'è con i libri tra porfessori scuole etc......almeno da voi si sta meglio ma da noi........

 

lavoro: PARI A ZERO

 

infrastrutture: numeri infenitesimali

Link to post
Share on other sites

Bhe la bistecca in america costa la metà che in europa......

.....con i steroidi (o cmq integratori di dubbia origine) e mangimi OGM che usano mi sembra il minimo.

Non posso cmq fare commenti, si dovrebbe andare a vivere in america per capire.

Conosco parecchi amercani che dopo aver lavorato alla base USA di Vicenza hanno deciso di rimanere in italia, perchè alloro avviso migliore degli states, ma sono cose soggettive.

Io sono di vicenza e vedo già differenza di vita rispetto a padova (dove ho studiato), figuriamoci fra due paesi di concessione e cultura completamente differente.

 

ragazzi ognuno ha il suo background...signori miei evidentemente voi vivete meglio che da noi e quindi non sentite la necessità di rinengare la vostra terra...vi faccio presente che in Calabria se non sia mai sei un poveretto e ti prende un cancro sei gia bello e morto....già a metà degli anni ottanta mia madre gli diagnosticarono un cancro alla mammella...vista a Cosenza non era nulla solo un noduletto...andati a Milano l'hanno operata d'urgenza e ha tirato altri 6 anni...se l'avessimo presa prima forse e dico forse campava qualche altro anno.....bhe in quegli anni io ero piccolino....ma i miei dovettero vendersi una casa in costruzione per far fronte alle spese di viaggio e di medici.....se ne partirono 120 milioni e parlo del 1985.....stessa cosa è successa ad alcuni miei zii oppure alla seconda moglie di mio padre che per dei semplicissimi papillomi uterini a Cosenza hanno detto che era da perar d'urgenza...sono 4 anni anni e sta ancora bene perchè siamo andati a Torino...e tra viaggio e spese di controlli se ne sono partiti 2000 euro.....Mio padre stesso a ottobre 2007 ha avuto uno svenimento protato al ps hanno parlato di stress...dopo 15 giorni che è stato ricoverato siamo andati a Milano gli hanno messo uno stancyl al cuore 3 giorni è durato tutto e 5000 euro di spese tra viaggio albergo per mia madre(la sua seconda moglie...)) e sostituto per la farmacia.....e questo è il campo della sanità...per la quale paghiamo le tasse e che è garantita a tutti..almeno in America ti fai un assicurazione a seconda dei premi versati hai servizi richiesti tranne alta chirurgia...ma se fate i vostri bei conti vedete che almeno noi in calabria per curarci dobbiamo emigrare...se poi per sanità parliamo dell'appendicite o del tirare a campare...bhe ben venga tutto! Proprio statattina una mia cliente mi ha raccontato che per un ingessatura di polso fatta da cani qui nel mio paese è dovuta stare 20 giorni al traumatologico di Torino....in albergo, viaggio per due persone e visita privata.......se ne sranno partiti 1000 euro ad occhi chiusi......

le scuole.....mia madre (la seconda moglie...) insegna alle scuole medie disegno.....di quale qualità parlate? con l'autonomia quest'anno ha avuto i registri fotocopiati...nel senso che nn potevano comrpare i registri nuovi hanno fatto le fotocopie di un registro pulito e hanno spillato le pagine.....gli alunni DEVONO munirsi loro di gessi colorati cartoncini colori e acquarelli perchè i soldi non ce ne sono......questa è qualità? e i libri per i meno abienti? sai che giro c'è con i libri tra porfessori scuole etc......almeno da voi si sta meglio ma da noi........

 

lavoro: PARI A ZERO

 

infrastrutture: numeri infenitesimali

 

forse non ti è chiaro che l'assicurazione la paghi, ed in proporzione al servizio che richiedi.

sta di fatto che nella tanta osannata america moltissimi non riescono nemmeno a pagarsi l'assicurazione di base.

di base significa prime cure in caso di necessità.

 

se guadagni 2000 e hai 700 di mutuo, 500 di assicurazione, l'assicurazione per l'eventuale figlio, la spesa della scuola, la rata dell'auto (perchè se li compri in contanti non sei visto bene, lo sapevi?) non è che ti resti molto.

se hai un'urgenza come fai?

Link to post
Share on other sites

e perchè qui l'impiegato comunale o della Tubigomma alfa tecnology o il barbiere che si posrtano a casa 1000 1300 euro come fa se gli capita qualcosa di grave?.....i nuclei familiari sono di 4 persone, tra mutuo o affitto se ne partono almeno 400 euro, se hai preso una macchina a rate sono almeno 250 euro....(perchè questo la macchina se LA DEVE prednere PER FORZA A RATE sennò non se la compra) e le bollette altre 200 euro ti restano 300 euro per mangiare...se te ne devi andare al nord per farti un operazione o per farti una vista o anche solo devi andare da uno specialista e pagare perchè alla pubblica o trovi capre o trovi attese di 10 mesi che fai? dove li prendi altri 200 euro? mandi tua moglie a prostituirsi.....quidi mi pare che non cambia di molto la cosa almeno ripeto...giù da me!

Link to post
Share on other sites

e perchè qui l'impiegato comunale o della Tubigomma alfa tecnology o il barbiere che si posrtano a casa 1000 1300 euro come fa se gli capita qualcosa di grave?.....i nuclei familiari sono di 4 persone, tra mutuo o affitto se ne partono almeno 400 euro, se hai preso una macchina a rate sono almeno 250 euro....(perchè questo la macchina se LA DEVE prednere PER FORZA A RATE sennò non se la compra) e le bollette altre 200 euro ti restano 300 euro per mangiare...se te ne devi andare al nord per farti un operazione o per farti una vista o anche solo devi andare da uno specialista e pagare perchè alla pubblica o trovi capre o trovi attese di 10 mesi che fai? dove li prendi altri 200 euro? mandi tua moglie a prostituirsi.....quidi mi pare che non cambia di molto la cosa almeno ripeto...giù da me!

 

ecco bravo prendi tutte queste spese e aggiungici l'assicurazione sanitaria.

 

guarda che nella famosa america, l'ospedale ove ti curano DIPENDE dall'assicurazione che paghi.

paghi tanto ==> ospedale di alta qualità

paghi poco ==> ospedale di bassa qualità.

 

è tutto proporzionato, sia la qualità che il livello di assistenza.

 

 

guarda, non credere che al nord le cose vadano bene.

se per te è normale che un ingegnere prenda 960 euro al lordo dei contributi, con generi alimentari di prima necessità che costano MOLTO più che al sud, con eventuale affitto da pagare (280-300 euro/mese + le spese per UNA STANZA SINGOLA)..beh vedi te, ognuno ha le sue magagne, ma mi pare un pò da tonti pensare che ci sia una nazione che funga da EDEN per chi ha meno.

anzi, tutt'altro.

lì come qui, la bella vita la fa chi ha i soldi.

Link to post
Share on other sites

Certamente la bella vita è appananggio di chi può permettersela, non per contro per chi, come me deve lavorare anceh il 14 agosto perchè non sa dove prendre i soldi per far fronte a spese impreviste o ritardati pagamenti da parte dello Stato.........Ti rendi conto? il sottoscritto deve lavorare senza prendersi ferie perchè lo stato mi rimborsa le ricette dopo 10 mesi e siccome regalo alle banche perchè lo stato non mi pagaa circa 50000 euro l'anno di interessi devo fare la vita da pezzente....vi sembra giusto? praticamente la mutua garantisce il farmaco a tutti ma a spese di chi? del mio conto corrente....questa è Italia...forse in Spagna in Francia o in Germania avranno altri problemi ma qui le cose vanno così e ti assicuro che ti cadono le braccia. Da me 960 euro pr un ingegnere? sarebbe come vincere una lotteria....ci sono ingengneri gestionali tipo mio cugino che lavorano come capo reparto della Despar al supermercato sotto casa...al netto lo stipendio è quello e siccome il poveretto si è pure sposato eprchè ora ha lo stipendio si è fatto il mutuo per la casa ed altre spese ha dovuto vendersi la Fiesta per far fronte....ma non diciamo eresie........la verità è che da quando ci siamo globalizzati da quando i nostri soldi ( quelli dei paesi ricchi) sono finiti ai paesi più poveri per aiutrali ci siamo affamati a prescindere da che latitudine siamo.....

Link to post
Share on other sites

Certamente la bella vita è appananggio di chi può permettersela, non per contro per chi, come me deve lavorare anceh il 14 agosto perchè non sa dove prendre i soldi per far fronte a spese impreviste o ritardati pagamenti da parte dello Stato.........Ti rendi conto? il sottoscritto deve lavorare senza prendersi ferie perchè lo stato mi rimborsa le ricette dopo 10 mesi e siccome regalo alle banche perchè lo stato non mi pagaa circa 50000 euro l'anno di interessi devo fare la vita da pezzente....vi sembra giusto? praticamente la mutua garantisce il farmaco a tutti ma a spese di chi? del mio conto corrente....questa è Italia...forse in Spagna in Francia o in Germania avranno altri problemi ma qui le cose vanno così e ti assicuro che ti cadono le braccia. Da me 960 euro pr un ingegnere? sarebbe come vincere una lotteria....ci sono ingengneri gestionali tipo mio cugino che lavorano come capo reparto della Despar al supermercato sotto casa...al netto lo stipendio è quello e siccome il poveretto si è pure sposato eprchè ora ha lo stipendio si è fatto il mutuo per la casa ed altre spese ha dovuto vendersi la Fiesta per far fronte....ma non diciamo eresie........la verità è che da quando ci siamo globalizzati da quando i nostri soldi ( quelli dei paesi ricchi) sono finiti ai paesi più poveri per aiutrali ci siamo affamati a prescindere da che latitudine siamo.....

 

 

ripeto, ognuno ha la sua da raccontare, mi pare fuori luogo esporre qui i propri problemi.

non esiste qualcuno messo peggio degli altrti, ognuno penserà di essere messo peggio perché non è nella condizione che vorrebbe, quindi è inutile fare "a gara".

non sei l'unico a lavorare a ridosso di ferragosto.

così come non sei l'unico che magari non va in ferie, siamo in tanti, ognuno con la sua storia e con il suo presente, che piaccia o meno.

ripeto come mi sembri assurdo vivere nella fantasia che esista un posto dove si vivrebbe meglio.

ovunque come qui, chi ne ha, ne spende.

chi non ne ha, no.

Link to post
Share on other sites

Siccome non mi va di sembrare un "bocca aperto" senza senso critico, non mi va di dimostrarmi un difensore degli USA , vi allego un articolo che ho scritto un anno fa per il gornale locale La Voce del Savuto in merito alla chiusura del locale ospedale...so che non è ne il caso e ne il posto...ma lo allego cmq così da farvi capire la mia posizione sulla sanità americana e il sistema americano che è molto critica, anche se il mio discorso in questa sede volva mettere semplicemtne in risalto le opportuintà offerte dagli usa.

 

La vicenda del Santa Barbara, assieme al destino di tanti altri piccoli nosocomi, che rischiano l’estinzione, non dovrebbe stupirci in quanto si tratta dell’ennesimo passo verso una sanità, definita dagli addetti ai lavori, “snella”, che di fatto si traduce in una brutta copia del modello assistenzialistico d’oltre oceano, di cui noi Italiani quasi sempre traiamo ispirazione sia nel legiferare e nell’amministrare, sia nel nostro quotidiano. Negli Stati Uniti, l’assistenza sanitaria è ridotta al minimo e poiché parliamo di un Paese in cui tutto viene commercializzato, anche un servizio importante e “qualificativo” per una nazione, in termini di benessere, fa si che la cura si traduca in una mera azione di vendita e di acquisto.

In Italia, già da parecchi anni si cerca di emulare questa strada, si è iniziato tempo fa con la privatizzazione di alcune aziende di Stato, sotto la bandiera della libera concorrenza che avrebbe portato ad un abbattimento dei costi per le famiglie, cosa che ad oggi non mi pare si sia verificata, sino ad iniziare col vero e proprio “attacco” ai servizi. Si inizia dalla Sanità, quella che, storicamente, ha sempre avuto maggior peso nelle varie finanziarie. Si è cominciato dapprima con la farmaceutica, mediante la drastica diminuzione dei farmaci concessi dal S.S.N, seguita poi dalla trasformazione di molti farmaci in farmaci di automedicazione e in seguito in integratori alimentari che sfuggono a qualsiasi forma di controllo del prezzo. Quando anche questa strada era stata percorsa, prima di svoltare su un’altra arteria, sfruttando ancora una volta l’onda “liberizzatrice” si acconsente all’allargamento della base di vendita secondo l’equazione molto nota alla grande distribuzione: maggiore offerta, maggiore vendita, apparente riduzione del prezzo. Offrendo più punti vendita del farmaco a pagamento, il consumatore, è più tentato a pagare che perdere tempo a far prescrivere. Spremuta a dovere la “mucca” farmaceutica, l’attenzione verso la “fattoria” sanità si sposta sulle cliniche private, costrette negli ultimi tempi a licenziare il personale che non si vede corrisposto il giusto compenso per mesi, seguiti poi dai laboratori di analisi convenzionati che, soprattutto in questo caldo inverno, hanno battuto cassa per vedersi riconosciuto il loro diritto: essere rimborsati per aver messo una pezza ai ritardi e disservizi che il servizio pubblico non riesce a risolvere; liste d’attesa, carenza di apparecchiature, carenze di personale, ecc..La “tempesta” dovrebbe abbattersi anche sui medici, ma qualcuno nei palazzi di potere sa che anche questa categoria ha pagato il suo prezzo tempo addietro e continuare equivarrebbe a toccare un nervo troppo scoperto. Adesso il “taglio costi” prevede la chiusura dei nosocomi nei piccoli centri, a completamento, di altri provvedimenti “taglia degenza” avvenute negli scorsi anni e che prevedono dimissioni a breve e medio termine con grande rischio per il malato.

Non c’è da stupirsi quindi della decisa volontà di chiusura del nosocomio Roglianese, che, se per la nostra comunità, svolge, egregiamente, un servizio primario, forse nella gestione della nostra economia regionale, rappresenta solo una voce in capitolo di bilancio che comporta un certo peso e che, quindi, proprio perché, forse, non reputato necessario al servizio di una grossa comunità, si decide di depennare insieme ad altri nelle medesime condizioni, in favore della apertura di altri 4 ospedali in zone più “critiche” da costruire in tre anni in regime di protezione civile. D’altronde le parole del Governatore Loiero sono state chiarissime: “saranno costruiti altri quattro ospedali in circa tre anni, ma questo comporterà la chiusura dei nosocomi più piccoli”. Questo ha dichiarato ai microfoni di Telespazio Calabria in una puntata di “Articolo 21”, condotta dal giornalista Lino Polimeni. Il messaggio è più che chiaro. Dobbiamo dare delle risposte ai cittadini, ed ancora una volta la ricetta è quella: basta tagliare il servizio a chi ne ha beneficiato finora, in favore di chi questo servizio non l’ha ancora avuto. I bilanci economici quadrano, quelli elettorali anche, e si ritorna al punto di partenza con qualcuno che ingoia bocconi amari e qualcun altro che esulta, ma ancora una volta è la somma che fa il totale. Superare l’empasse in cui si è arenato il sistema Italia, prima, e regioni dopo, è assai difficile. Emulare a tutti i costi le strutture economiche, culturali e societarie dei paesi più sviluppati, non tenendo conto di altri fattori, cercando di trapiantarli nel nostro sistema, potrebbe essere, sulla carta, un esercizio vincente, ma che nel concreto si traduce in uno stallo assoluto ed un peggioramento del benessere percepito dai cittadini, al pari di uno studente furbo che copia il compito in classe del compagno secchione e che però in sede di discussione orale fa scena muta, per ottenere, alla fine, sempre lo stesso voto negativo. Lascio a Voi, cari lettori, le conclusioni e le considerazioni in merito.

Vitantonio Di Gioia

Link to post
Share on other sites

ecco bravo prendi tutte queste spese e aggiungici l'assicurazione sanitaria.

 

guarda che nella famosa america, l'ospedale ove ti curano DIPENDE dall'assicurazione che paghi.

paghi tanto ==> ospedale di alta qualità

paghi poco ==> ospedale di bassa qualità.

 

è tutto proporzionato, sia la qualità che il livello di assistenza.

 

 

guarda, non credere che al nord le cose vadano bene.

se per te è normale che un ingegnere prenda 960 euro al lordo dei contributi, con generi alimentari di prima necessità che costano MOLTO più che al sud, con eventuale affitto da pagare (280-300 euro/mese + le spese per UNA STANZA SINGOLA)..beh vedi te, ognuno ha le sue magagne, ma mi pare un pò da tonti pensare che ci sia una nazione che funga da EDEN per chi ha meno.

anzi, tutt'altro.

lì come qui, la bella vita la fa chi ha i soldi.

 

Appunto, quindi dato che i poveri qui in italia sono numerosi, e che noi siamo 60 milioni mentre gli americani sono 300 milioni, evidentemente la' in america la vita' e' SICURAMENTE PIU' FACILE, almeno economicamente, altrimenti se fosse come dici tu, ci sarebbero 300 milioni di barboni.

 

Inoltre continui a insistere con 'sta storia che la' la sanita' te la devi pagare e qua' e' AGGRATIS...

 

Qui in italia la sanita' costa piu' che in ogni altra parte del mondo, ti decidi a capirlo?

 

Non ce l'ha l'america la pressione fiscale al 60%, l'iva al 20%, le accise mostruose sulla benzina, l'ICI, le spese bancarie folli senza interessi, l'IRAP, IL BOLLO AUTO!, l'RCA mostruosa!, e tutte le altre infinite estorsioni di stato che passano sotto il nome di "TASSE", LO VUOI CAPIRE O NO??

 

Con tutti i soldi che in usa risparmi di estorsioni ci paghi TRECENTO assicurazioni mediche.

 

E poi non tutti hanno bisogno di un trapianto di cuore, grazie a dio.

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...