Jump to content

Seghettamenti dedra 1.8 VVT


Post consigliati

E' da un po' di tempo che avverto dei seghettamenti nell'uso della mia auto.

So che è difficile aiutarmi a distanza, ma vi chiedo ugualmente qualche consiglio.

Innanzitutto ho cambiato filtro dell'aria e candele (denso ik22).

Ho costruito il lambda meter postato da alfone, ed intercettato il cavo della lambda vedo che durante il seghettamento la tensione della lambda va a 0.

A benzina il difetto è appena accennato, e potrebbe dipendere da parametri autoadattativi appresi erroneamente dopo il funzionamento a gas.

 

Potete suggerirmi come diagnosticare il corretto funzionamento delle 4 bobine, e del debimetro, prima che portando l'auto dall'istallatore, questi si metta a cambiarmi 2000 euro di pezzi, per poi fare lo scarica barile attribuendo le cause all'elettronica dell'auto?

Link to post
Share on other sites

Sono un perito elettronico.

Per ora lo ho assemblato su una demo board.

Conto di realizzarlo su basetta millerofori oppure su basetta normale quando avrò un po di tempo.

io ho intercettato direttamente il filo dalla centralina (avevo il piout).

Il filo della sonda lambda è posizionato in una parte scomoda.

Link to post
Share on other sites

Diagnosticare il corretto funzionamento delle bobine non è semplicissimo (esce tensione ad oltre 10.000 volt). Se il motore non gira palesemente a 3 cilindri, non è facile capire se ci sia un problema di bobine.

Per il debimetro è più semplice... dovrebbe avere almeno tre fili. Uno di massa, uno con +5V, un terzo di segnale (ma potrebbe avere più fili, come per esempio due masse distinte e magari un +12V, in diverse combinazioni a seconda del tipo). Sul filo di segnale dovresti misurare una tensione tra 0 e 5 volt. Quasi nulla a motore spento, modesta con motore caldo ed al minimo (che so... 0.5 volt) e tanto più alta quanto più richiedi potenza. Con acceleratore a tavoletta e regime elevato, dovresti avere una tensione di almeno 4 volt.

Però questa è un'analisi rozza, ti permette solo di capire se il debimetro risponde: potrebbe avere un segnale plausibile, ma leggermente starato, tale da non dare grandi malfunzionamenti, ma solo un lieve seghettamento come il tuo. Spesso i debimetri segnano meno aria di quella che realmente li attraversa -> la centralina inietta meno benzina -> la miscela smagrisce -> la sonda va a zero volt e comunque il motore ha difficoltà nella combustione del carburante.

 

Tieni conto che anche i cavi candele potrebbero essere causa di seghettamenti: disperdono la tensione e fanno generare una scintilla peggiore alle candele.

Se l'auto ha le punterie meccaniche ed ha percorso molti km, anche un'occhiata ai giochi punterie non guasterebbe.

 

In ogni caso se la tensione lambda va a zero, sembrerebbe proprio un problema di carburazione (magra).

Se questo è il caso la miscela tende a bruciare male ed il motore "perde colpi". Ma credo proprio che anche un cavo candela in dispersione, con conseguente accensione farlocca del cilindro corrispondente, genererebbe molto ossigeno non bruciato nello scappamento, che potrebbe in qualche modo far segnalare miscela magra alla sonda.

Link to post
Share on other sites

grazie mille andre,

la mia auto ha 4 bobine separate, montate senza cavi direttamente sopra le candele e punterie idrauliche e circa 140.000km in piu ha il variatore di fase di aspirazione rumoroso (quindi inefficiente).

Inizio a dubitare fortemente delle bobine a questo punto.... ma le devo cambiare tutte?

Il difetto me lo faceva già con le candele originali, prima di montare le denso ik22 (ho anticipato il cambio candele di 5000km per il problemino)

Come individuo quella eventualmente guasta? Forse esaminando le candele, ma non ricordo come si riconoscerebbe quella relativa al cilindro

Prevedo di collegare il lambda meter ed tester sopra il debimetro e fare qualche giro in auto così (vah è meglio che mi porto un amico, che già le lucette del lambda meter distraggono un attimino).

Link to post
Share on other sites

Ho notato che, quando si accende il climatizzatore e la ventola, il voltmetro del cruscotto passa da 13v a 12V (che misurati col tester dall'accendisigari corrispondono a circa 14v e 13v rispettivamente).

 

Ho provveduto quindi a tarare meglio il lambda meter (a proposito conviene sostituire il trimmer da 2.2 con uno da 3.3Kohm).

Ho notato quindi che anche la tensione della lambda si abbassa di due "pallini" e l'auto inizia ad imbizzarrirsi andando a 3.

Non ho mai avuto problemi all'avviamento dell'auto.

Potrebbe essere una massa??? Potrebbe essere opportuno sostituire il cavo positivo della batteria?

 

Qualche altro consiglio alla luce di questo dato??

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Ti suggerisco una prova semplice semplice.

Metti sotto carica la batteria una notte intera e riprova.

Non sarebbe la prima volta che una batteria non del tutto finita ma semplicemente un po' scarsa dia problemi di questo tipo.

Link to post
Share on other sites

Ho notato che, quando si accende il climatizzatore e la ventola, il voltmetro del cruscotto passa da 13v a 12V (che misurati col tester dall'accendisigari corrispondono a circa 14v e 13v rispettivamente).

 

Ho provveduto quindi a tarare meglio il lambda meter (a proposito conviene sostituire il trimmer da 2.2 con uno da 3.3Kohm).

Ho notato quindi che anche la tensione della lambda si abbassa di due "pallini" e l'auto inizia ad imbizzarrirsi andando a 3.

Non ho mai avuto problemi all'avviamento dell'auto.

Potrebbe essere una massa??? Potrebbe essere opportuno sostituire il cavo positivo della batteria?

 

Qualche altro consiglio alla luce di questo dato??

 

Potrebbe essere un problema di masse, ma bisognerebbe misurarle.

Io cercherei e controllerei masse e alimentazioni sulla centralina motore. Le masse devono stare solidamente a meno di 200 mV rispetto al negativo batteria, mentre i positivi dovrebbero stare a meno di 200 mV rispetto al positivo batteria. Da misurare a motore acceso, schema alla mano, sul pettine cablaggi centralina (o almeno sulla piastra porta fusibili e porta relais) e facendo attenzione a non far corto-circuiti sui cablaggi!!! Una prova che puoi fare è misurare l'alimentazione su iniettori e bobine: da una parte arriva la tensione di batteria attraverso il relais di controllo motore (comandato dalla centralina quando il motore ruota), dall'altra c'è il segnale di pilotaggio centralina (li chiude a massa quando li pilota). Verifica che l'alimentazione sia corretta (tensione di batteria) dalla parte dell'alimentazione di iniettori e bobine (come dicevo è un'unica alimentazione che si dirama a quegli 8 componenti).

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...