Jump to content

Soluzioni e meccanismi strabilianti sulle auto


Post consigliati

Poi non ne parlo più se non interrogata  :rolleyes:

allora, signorina Ilaria, mi parli di un argomento a scelta. :rolleyes:

 

Sì sì...come no...dipendo fra cosa è a scelta, conoscendo il professor Bart!!! :P

 

 

Ciao

Non c'è niente da fare: ogni maestro ha un solo allievo, e questo gli diventa infedele perchè è destinato anche lui a diventare maestro.

Friedrich Nietzsche

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 100
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ilaria, ho guardato il calendario Citroen e in tutte le foto c'è una che ti assomiglia...di' la verità, hai fatto dei fotomontaggi... :rolleyes:

Link to post
Share on other sites
Poi non ne parlo più se non interrogata  :rolleyes:

allora, signorina Ilaria, mi parli di un argomento a scelta. :rolleyes:

 

Sì sì...come no...dipendo fra cosa è a scelta, conoscendo il professor Bart!!! :P

 

 

Ciao

Non c'è niente da fare: ogni maestro ha un solo allievo, e questo gli diventa infedele perchè è destinato anche lui a diventare maestro.

Friedrich Nietzsche

Hai citato un simpaticone neh?

Link to post
Share on other sites
Uhm..grafica così così, luce e luoghi scelti azzeccati, auto in ottimo stato di conservazione.

Bella la possibilità di scegliere il bianco e nero o il colore..

Non c'é altro da dire, mi pare...

 

Meglio di no, se no mi bannano a vita da questo forum :rolleyes: :rolleyes:

Vedessi che facce i gallici quando lo scorso maggio abbiamo invaso Parigi con una torma di DS e 2Cv! Parevano non credere che esistessero ancora delle DS in circolazione: in Francia ne abbiamo incontrate due in un mese di shooting, una addormentata (per sempre?) nel parcheggio sotto Notre Dame e l'altra incrociata a Cannes (c'era il Festival, forse era un orpello di scena).

Grazie per i compli. La grafica è mutuata pari-pari dai cataloghi DS dell'epoca sia per la cover che per la disposizione (e carattere) dei testi. Opera di Robert Delpire.

 

(Mi sa che bannano anche me).

Link to post
Share on other sites
Mmmm....Ti dirò...Io ho una xm turbod12 del '93, con all'attivo 393.000 km, che da quando è con me, 5 anni, macina almeno 50.000 km/anno; l'unico problema serio, a 300.000 però, e penso ci possa stare, è stato la bruciatura della guarnizione testata...certo qualche problemino di elettronica ogni tanto, come il clima che impazzisce, stacca il compressore e per riavviarlo bisogna "riavviare" il sistema-auto, manco fosse windows, ma nulla di tragico; sarò stato fortunato io, so che a molti è andata peggio, magari con la mia prossima auto, che sarà una XM serie 2 2.5 TD, in attesa che le quotazioni della C6 scendano ovviamente, lo sarò meno...

La c6 esce dopo una gestazione di quasi 7 anni...Molti di sicuro dedicati al debug, come non fu fatto con XM; credo che quanto ad affidabilità sarà più che perfetta, perchè se non lo fosse per Citroen nell'alto di gamma sarebbe davvero finita!

E qui mi gioco la reputazione di conoscitrice d'automobili (tanto ero l'unica a crederci) e l'account (stavolta mi bannano di sicuro per reiterato o.t.).

Ma dovevo dirlo. L'XM è la miglior auto al mondo. Punto.

Ho scoperto le CitroÃ"n grazie ad una XM V6. Era la prima arrivata in Italia, quella dei depliant dell'epoca, classe 1989. Grigia, interno in pelle nera, una dodici valvole con cambio manuale a cinque rapporti.

Silenziosa, veloce, spaziosa, morbidissima. Ci ho girato la penisola nel 2000 per lo shooting del calendario CitroÃ"n 2001.

La prima volta ho avuto i buoni problemi col Diravi, poi -piano piano- abbiam fatto amicizia. Il trucco sta nell'abituarsi ad assecondare il volante, senza volerlo "dominare". Tanto il sistema annulla qualsiasi reazione, non occorre impugnare saldamente il volante, se lo si fa si trasmette la propria insicurezza alle ruote direttrici, shakerando ben bene gli ospti a bordo e perdendo d'un botto tutto il confort.

Da allora l'ho sempre rimpianta: non mi sentivo abbastanza sicura per acquistarne una, non avevo dove parcheggiara e non sapevo come togliermi d'impaccio da eventuali panne. Mi avevano spiegato che l'auto non aveva tragici problemi, qualche noia elettrica si, ma non molto di più. M'avevano spiegato anche che il dramma iniziava quando portavi la vettura in officina: li poteva succedere di tutto.

Tu la portavi a cambiare le candele e dopo un po' ti usciva una sospensione dal cofano. Come? Facile: i supporti delle sospensioni sono in gomma e sono assolutamente allergici ai prodotti utilizzati per lavare il vano del motore, semplicemente si disintegrano.

Ho aspettato. Quattro anni.

Poi l'anno scorso la "pazzia".

"A Roma c'è una XM V6.24 serie uno, col motore dal 200 cavalli, quello PRV a ventiquattro valvole con l'Acav, la svendono a 600 euro".

Corrompo un amico: "dai, prendiamola assieme e dividiamo i costi".

600 euro d'acquisto, 680 di passaggio di proprietà e nonvogliodirequanti d'officina.

Oggi è uno splendore. Un sogno coronato.

Certo che la usiamo poco o nulla, ogni volta che si guasta qualcosa è un salasso di misura biblica. Meglio in garage.

Quando ho l'occasione di usarla però è una meraviglia: briosa come una sportiva, comoda e stabile come un TGV con lo spazio d'uno Zeppelin.

E i consumi dello shuttle. Quando decolla. :rolleyes:

 

Cerco un po' di fotine.

(Tranquilli, tanto mi bannano).

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...