Jump to content

Lancia Thema


Post consigliati

Tratto da AUTO CAPITAL, novembre 1984.

Pagina 6 e seguenti

Titolo dell'articolo: "SIGNORA SI NASCE" "Priva da anni di un'ammiraglia di grande classe, la Lancia vuole tornare al vertice con la sua Thema. La prima impressione che lascia questa macchina è molto positiva. E se nel tempo si dimostrerà affidabile..."

Pagina 12 e seguenti: "LA GRANDE SFIDA"

"Confronto esclusivo/ Lancia Thema Turbo e V6, Alfa 90 2,5, Maserati 425. Sono queste le macchine con cui l'industria italiana cercherà di rompere il monopolio delle supercar tedesche. Ecco con quali caratteristiche cercheranno di vincere"

 

"[...] All'interno di questa macchina sobria e discreta, che fa di tutto per dissimulare la propria eleganza, albergano perciò quattro personalità diverse. [...] E' una scelta, questa della Lancia, che presenta il vantaggio di poter soddisfare una gamma potenziale più vasta di clienti, ognuno dei quali può trovare il suo modello, ma ha l'inconveniente che nessuno di questi modelli attira l'attenzione fin dal primo sguardo, si impone subito con un carattere deciso, come invece accade alle berline della concorrenza. Si direbbe che la Thema abbia deciso di entrare nel mercato quasi timidamente, di soppiatto.[...]

La guardo da dietro, quasi la confondo con la Prisma, trovo ben poco di nuovo. Poi la affianco, mi apposto davanti e ne apprezzo la dolcezza della linea, l'armoniosità del raccordo cofano- parabrezza che la rende estremamente filante [...].

La visione d'insieme è sobria, senza fronzoli [...]

Il titolo è molto preciso: produrre una berlina di classe che non dia molto nell'occhio, ma che abbia i massimi requisiti di tecnica, affidabilità, facilità di guida, per arginare il monopolio delle grosse case straniere. Thema appunto. Lo svolgimento è quasi perfetto, il voto molto alto, il successo sicuro. [...]

Scendo di macchina pensando: comprerei o non comprerei una Thema Turbo? La risposta è sì, la Lancia questa volta si merita una cambiale di fiducia in bianco. [...]

 

tipo2.jpg

themas1.jpg

 

Penso fosse l'interpretazione meglio riuscita tra Saab 9000, Croma e 164, quella che è invecchiata meglio, anche nella sua variante station wagon.

A mio parere, in Lancia, invece della Thesis, avrebbero dovuto puntare più su qualcosa del genere: una vettura media non troppo grande, dalle doti stradali ed ottimi motori, accattivante e dinamica.

Insomma, una concorrente di C-klasse, A4, 3er.

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 103
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Grande auto davvero la Thema!

Tuttavia, ti posso chiedere un enorme favore? Potresti inserire una breve sintesi su ciò che autocapital dice riguardo all'alfa 90 e alla 425.

sono infatti altre due auto che mi piacciono molto (in particolare la Maserati mi fa impazzire).

Tale rivista riporta anche le prestazioni effettive rilevate dei tre suddetti modelli?

Grazie

ALe

Link to post
Share on other sites

Forse la Thema avrebbe necessitato di maggiore qualità costruttiva e dei materiali migliori per sfondare anche all'Estero.

Link to post
Share on other sites
Guest scighera

La Thema , e` stata molto aprezzata , anche all`Estero . Ecco , per esempio il mio padrino ha importato una usata dalla Germania , 10 anni fa , e dice che stata molto cara . Pressoche come una serie 5 . E` stata una grande macchina , ma a me quella parte posteriore non piaceva proprio . Secondo me potevano fare anche un po` meglio , perche gli italiani sono maestri del design . Macchina che mi piaceva molto nei quei tempi , e` stata proprio l`Alfa 164 . E` stata bellissima .

Link to post
Share on other sites
Tuttavia, ti posso chiedere un enorme favore? Potresti inserire una breve sintesi su ciò che autocapital dice riguardo all'alfa 90 e alla 425.

Tale rivista riporta anche le prestazioni effettive rilevate dei tre suddetti modelli?

Scusa ma non ho gli autocapital sottomano.

Comunque ti riporto quello che ho al momento:

Fonte: Auto capital, Novembe 1984, presentazione della Lancia Thema.

La suddetta vettura venne confrontata con quelle che erano, all'epoca, le ammiraglie italiane.

ALFA 90 2,5 quadrifoglio oro vs MASERATI 425 vs LANCIA THEMA 2.000i.e. turbo

N. Cilindri:

V6/V6/L4

Alimentazione:

iniezione elettronica / 1 carb.+2 turbo / i.e.+ turbo+ overboost

Cilindrata:

2.492 / 2.491 / 1.995

Trazione (tutte hano motore anteriore)

P / P / A

Potenza max (CV)

156 / 200 / 165

Coppia Max (Kgm)

21.4 / 30.8 / 26 (29 con overboost inserito)

Vel max:

203 / 215 / 218

Accelerazione 0/100km/h:

8.5 / 6.6 / 7.2

Consumo normal (l/100km):

10.4 / 14.2 / 8.65

Prezzo (in lire chiavi in mano):

30.221.000 / 35.953.000 / 28.126.000

 

La Thema esce, alla fine, come vincitrice del confronto.

In tutto l'articolo si tessono le lodi della vettura (sebbene esprimessero grandi dubbi sull'affidabilità, che però, non si dimostrerà cattiva), dicendo che è all'altezza, se non per certi aspetti superiore, alle berline tedesche.

 

In altri articoli, sia dell'alfa 90 che della maserati si parlava abbastanza bene.

A parte delle cadute di stile dell'alfa 90:

ad esempio...

Cito da Auto Capital, novembre 1984:

Servizio sull'alfa 90:

"La strumentazione della 90, del tipo a led luminosi, è più adatta ad un videogame che non ad una berlina di prestigio. Simili gadget su queste auto non ci stanno proprio. [...] Però è brutto (il volante), di cattivo gusto, con quel pulsantone centrale che richiede pollici lunghissimi per essere premuto."

 

Quanto alla thema all'estero, a mio giudizio non ha sfondato solo per la solita"politica di vendite solo nazionali" della fiat.

La thema non aveva, infatti, motori over 2 litri adeguati, in grado di competere con la concorrenza. prima il 3 litri renault <_< (soprassediamo) , poi il 3 litri Alfa, adatto alla 164, ma non ad una vettura piu' votata all'eleganza come la Thema.(stessa cosa che accade oggi per la thesis...)

Il propulsore 8,32, infine, non solo non rispettava cio' che prometteva, ma era anche costosissimo da mantenere, sia come manutenzione ordinaria che straordinaria.

 

In casa abbiamo avuto diverse Thema: non posso muovere grosse critiche per l'affidabilita' (se non per alcune componenti elettroniche) e neppure per le finiture che, per l'epoca, erano abbastanza buone. La dotazione era ottima ed il prezzo estremamente appetibile.

Grande auto.

Link to post
Share on other sites

Le ultime Thema famigliari erano proprio belle , vetro solar cntrol azzurrato, erano molto eleganti ed era considerata quasi a livello E e serie 5.

Poi la K nelle sue versioni berlina :rolleyes: , sw (pesante 67 ton :o ) :o e fantastica coupè :o hanno ................. meglio dimenticare in fretta!! :o

Link to post
Share on other sites
Tuttavia, ti posso chiedere un enorme favore? Potresti inserire una breve sintesi su ciò che autocapital dice riguardo all'alfa 90 e alla 425.

Tale rivista riporta anche le prestazioni effettive rilevate dei tre suddetti modelli?

Scusa ma non ho gli autocapital sottomano.

Comunque ti riporto quello che ho al momento:

Fonte: Auto capital, Novembe 1984, presentazione della Lancia Thema.

La suddetta vettura venne confrontata con quelle che erano, all'epoca, le ammiraglie italiane.

ALFA 90 2,5 quadrifoglio oro vs MASERATI 425 vs LANCIA THEMA 2.000i.e. turbo

N. Cilindri:

V6/V6/L4

Alimentazione:

iniezione elettronica / 1 carb.+2 turbo / i.e.+ turbo+ overboost

Cilindrata:

2.492 / 2.491 / 1.995

Trazione (tutte hano motore anteriore)

P / P / A

Potenza max (CV)

156 / 200 / 165

Coppia Max (Kgm)

21.4 / 30.8 / 26 (29 con overboost inserito)

Vel max:

203 / 215 / 218

Accelerazione 0/100km/h:

8.5 / 6.6 / 7.2

Consumo normal (l/100km):

10.4 / 14.2 / 8.65

Prezzo (in lire chiavi in mano):

30.221.000 / 35.953.000 / 28.126.000

 

La Thema esce, alla fine, come vincitrice del confronto.

In tutto l'articolo si tessono le lodi della vettura (sebbene esprimessero grandi dubbi sull'affidabilità, che però, non si dimostrerà cattiva), dicendo che è all'altezza, se non per certi aspetti superiore, alle berline tedesche.

 

In altri articoli, sia dell'alfa 90 che della maserati si parlava abbastanza bene.

A parte delle cadute di stile dell'alfa 90:

ad esempio...

Cito da Auto Capital, novembre 1984:

Servizio sull'alfa 90:

"La strumentazione della 90, del tipo a led luminosi, è più adatta ad un videogame che non ad una berlina di prestigio. Simili gadget su queste auto non ci stanno proprio. [...] Però è brutto (il volante), di cattivo gusto, con quel pulsantone centrale che richiede pollici lunghissimi per essere premuto."

 

Quanto alla thema all'estero, a mio giudizio non ha sfondato solo per la solita"politica di vendite solo nazionali" della fiat.

La thema non aveva, infatti, motori over 2 litri adeguati, in grado di competere con la concorrenza. prima il 3 litri renault :rolleyes: (soprassediamo) , poi il 3 litri Alfa, adatto alla 164, ma non ad una vettura piu' votata all'eleganza come la Thema.(stessa cosa che accade oggi per la thesis...)

Il propulsore 8,32, infine, non solo non rispettava cio' che prometteva, ma era anche costosissimo da mantenere, sia come manutenzione ordinaria che straordinaria.

 

In casa abbiamo avuto diverse Thema: non posso muovere grosse critiche per l'affidabilita' (se non per alcune componenti elettroniche) e neppure per le finiture che, per l'epoca, erano abbastanza buone. La dotazione era ottima ed il prezzo estremamente appetibile.

Grande auto.

Grazie davvero. Le finiture della thema prima serie erano effettivamente poco curate come assemblaggio (ma superiori allle attuali auto tedesche credimi...) ma sulle serie successive sono assai migliorate. (tuttavia la prima serie era , a parer mio, la più belle acome linea).

La Maserati, oggetto curiosissimo, è considerata una delle auto meno affidabili mai esistite.

Ho avuto modo di conoscere molti "biturbisti" che mi hanno assicurato che sebbene non fossero Mercedes, anche le prime Biturbo , se ben trattate e "rispettate" arrivavano a 300.000 km senza grossi problemi! Mah, voglio far finta di crederci..

Comunque Thema Alfa 90 e Biturbo cosi' come Autocapital di quegli anni rimarranno sempre nel mio cuore di appassionato (ah, la nostalgia...)

Ciao Ale

Link to post
Share on other sites

Ho una conoscenza diretta della thema prima, seconda e terza serie, avendole avute in casa, all'epoca.

La prima serie non aveva delle cattive finiture, anzi.

Tra l'altro aveva, all'epoca, un design davvero eccellente.

La seconda e terza serie, con l'uso della radica, apparivano maggiormente curate, ma, di fatto, erano pressocche' pari alla prima versione.

La dotazione di serie, su tutte le versioni era davvero completa, le prestazioni sconosciute alle tedesche, se non a quelle di alta cilindrata.

Quanto alla finitura, e' necessario dire che le tedesche erano sicuramente meno appaganti all'occhio, ma piu' resistenti (ad esempio, la Mercedes 190).

Bella, seppur troppo delicata l'alcantara, come d'altronde i sedili in pelle nappa.

le noie della Thema erano date maggiormente dal check control, che tendeva ad impazzire e dal complicatissimo climatizzatore automatico.

In compenso il motore era resistente ed affidabile, come i principali organi meccanici.

Il peso contenuto la rendeva velocissima in (quasi) tutte le situazioni, come l'assetto, molto valido, e le dimensioni, che definirei ottimali.

Eccellente il motore turbo (il turbo 16v era davero eccezionale), come il resistentissimo turbodiesel (di derivazione iveco); onesti i motori aspirati a benzina (V6 della prima serie escluso...)

Molto interessante la versione giardinetta by pininfarina: si puo' dire che sia stata la prima station wagon "trendy", da cui forse hanno ideologicamente tratto ispirazione Audi in primis, poi BMW e mercedes.

 

La Kappa? La vettura che ci ha fatto abbandonare il marchio Lancia. Goffa, era una vera e propria involuzione stilistica rispetto alla Thema, con l'aggravante di non avere motori superiori, pur pesanto molto di piu'.

Voleva essere un'ammiraglia, ma, diciamocelo, non ne aveva i mezzi.

 

Di Alfa 90, fortunatamente, non se ne vedono piu' in giro....

 

Forse oggi la Casa in cui trovo maggiormente espressi i valori di dinamicita' elegante della Thema e' Audi...

Certo, non nella thesis... :rolleyes:

Link to post
Share on other sites

Un'altra rarità italiana è la Kappa coupè:veramente uno schifo.Ha la stessa dinamicità di una Rolls Royce Corniche,ma era lunga quasi due metri in meno.Pietosi i motori come sulla berlina.

Link to post
Share on other sites
Qualcuno di voi vede ancora in giro delle Alfa 90?

Due qui da me.

 

Guardate che era un'auto con delle soluzioni molto azzeccate a livello meccanico, di sospensioni e telaistico, perché derivava direttamente dall'Alfetta che era una grande macchina.

 

Poi, possiamo criticare lo stile e, forse, la cura "generale" del veicolo, ma le parti meccaniche andavano bene.

Link to post
Share on other sites
Guest scighera

Secondo me la Thema , non e` l`ultima vera Lancia . Guardate un po` meglio la Thesis . :P Anch`essa e` una grande macchina , con contenuti tecnici da tutto rilievo . :D E poi che dice che la Thesis e` una brutta macchina , deve andare a vedere la nuova serie 5 . Secondo me la macchina piu brutta di quella non si puo fare . Gli interni sono quelli , della Mercedes 123 taxi , noi la chiamamo "ZINGARA" , ma no sono ancora piu brutti . A me piace molto (la Thesis) , ed e` una vettura fatta con molta cura . Io mi occupo di export import , e molti miei colaboratori di Germania dicono che preferiscono una Thesis , al posto della Mercedes classe E . Criticare una macchina quando e` fatta male , e` giusto , ma criticare una buonissima come Thesis , e` un po esagerata esterofilia .

Link to post
Share on other sites

Rimango dell'avviso che la Thesis non rispecchi i valori cui lancia ci ha sempre abituati.

E' una berlinona con pretese di ammiragliato, vuol quasi fare il verso alla S-klasse, per dimensioni, ma con motori assolutamente inadeguati (specie i diesel e gli over 2 litri).

E' diametralmente opposta, ad esempio, alla Thema, che puntava su un design non troppo vistoso e su propulsori all'avanguardia.

 

E, avendo parlato con altri appassionati Lancia, ho sempre sentito confermarmi questa tesi, indipendentemente da quella che tu chiami "esterofilia"....

 

Come detto, avrei piu' auspicato una vettura piu' dinamica e "concreta".

Se la Thesis fosse stata l'ammiraglia fiat, sarebbe stata eccellente.

 

Ad ogni modo la troverei perfetta, se dotata di un adatto V8 ed alla trazione posteriore, ad affrontare il mercato americano, dove, a mio giudizio, potrebbe avere grande fortuna.

Link to post
Share on other sites
Guest scighera

Oggi la politica della Lancia si e` cambiata parechio . Adesso Lancia e` un marchio che deve afrontare le macchine tipo Mercedes , e Lexus . Quindi non e` una macchina veloce , ma con grandi contenuti tecnici , confortevole . Grazie a dio che hanno capito , che in Italia si deve fare anche una machina del genere . Adesso si vede una politica molto chiara per il futuro . Fiat , e` un marchio per afrontare le Opel , Le Peugeot ........ Lancia deve afrontare le Mercedes , e infine l`Alfa e` una anit-BMW . Finora in italia si facevano quasi soltanto le macchine sportive . Secondo me questa politica e` molto meglia per la Casa del torino . Vedremo

Link to post
Share on other sites

La trazione,i motori ed il prezzo finiscono per influire negativamente sul giudizio globale dell'auto.Avrà delle quotazioni leggermente superiori a quelle della K.

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...