Jump to content

L'immondizia di Napoli spedita in Germania


Post consigliati

Bisognerebbe finirla con i commissari straordinari, con l'emergenza che oramai è normalità. Ci vuole oltre alla solidarietà la responsabilità! Che i campani se la sbrighino da soli con la loro immondizia. Se una comunità non è in grado di scegliere i propri rappresentanti, addirittura quando questi si sono dimostrati del tutto incompetenti gli rinnova il mandato e con il suo voto manda in parlamento un partito come l'udeur, che fa del clientelismo la sua origine, rivendicandone pure la liceità di poter gestire posti di lavoro nella sanità piuttosto che nella raccolta dei rifiuti, allora deve prendersi le sue responsabilità! Ad aiutarli si fa come il medico pietoso che fa la piaga verminosa. Prima di pulire le strade i campani dovrebbero chiedere la pulizia delle loro amministrazioni, dei comuni (per fortuna ce ne sono anche di virtuosi), delle province, della regione fino ai propri rappresentanti in parlamento e al senato, che oltre ad arricchirsi e gestire il potere cosa hanno fatto per la loro comunità?

Rabbrividisco a vedere immagini di persone che tentano di proteggere i capi camorristi quando questi vengono arrestati, che inneggia ai ceppalonidi come martiri della patria. Se li vogliono che se li tengano, però poi che ne scontino le conseguenze senza reclamare aiuti esterni. Spero solo che le coscienze ancora "sane" dentro e fuori la Regione sappiano sollevarsi dal pattume morale e politico in cui versa una parte considerevole della popolazione e la guidino fuori da questo stato di inciviltà. Una volta si diceva della Campania "felix", ora l'unico appellativo che mi viene in mente è "olet".

Ciao

Max

 

ma chi voti tanto? :lol:

 

chi si presenta poi sono sempre gli stessi, cambiano le facce ma i modi di operare sono uguali...

 

cambiano gli schieramenti, ma gli intrallazzi son gli stessi...

le persone che comandano portano sempre gli uomini che vogliono loro

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
  • Risposte 37
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

CRONACA InviaStampaNapoli, viaggio dentro la provincia assediata dalla spazzatura

immondizia mai raccolta da fine dicembre, c'è chi cammina con la mascherina

Nelle strade inghiottite dai rifiuti

"Un mese dopo, ancora un inferno"

di GIOVANNI MARINO

 

 

Casoria, cumuli di rifiuti

NAPOLI - I rifiuti sono invecchiati. Stanno marcendo. Nei cumuli che assediano la provincia ci sono i sacchetti con le decorazioni natalizie, le confezioni vuote dei panettoni, le calze della Befana. Perfino le maschere in cartone di Halloween. Immondizia mai raccolta da fine dicembre, se non da prima, a cui si aggiunge, giorno dopo giorno, inesorabilmente, altra spazzatura. Non si respira, e non è un eufemismo, nella grande area a ridosso di Napoli: a Pozzuoli, Quarto, Casoria, Melito, San Giorgio a Cremano, Casavatore, Afragola, Cardito. Un mese dopo l'esplosione della grande crisi, andare da quelle parti è un tour nella disperazione e nel più totale abbandono. Nulla è cambiato in positivo, anzi, la situazione è peggiorata.

 

Napoli è lì, a pochi minuti di auto, ma sembra lontanissima. La città, da qualche giorno, è stata ripulita. Dal centro alla periferia. Pianura è totalmente pacificata. Non ci sono tracce di quei giorni infernali. La discarica è chiusa da strutture in granito disposte ordinatamente. A terra, a ricordare quegli scontri, è rimasto uno striscione contro Prodi, Bassolino, Iervolino e Pecoraro Scanio. Accanto alle loro foto una grande scritta: "Camorra non siamo noi, il nostro tumore siete voi". Alla Riviera di Chiaia, nel cuore elegante della città, non c'è una carta fuori dai cassonetti. Tre settimane fa c'era stata una rivolta per lo stato di degrado raggiunto.

 

Adesso l'inferno si è spostato di pochi chilometri. O meglio, c'è sempre stato anche nei giorni di Pianura. Ma brucia sempre di più. La provincia è letteralmente inghiottita dalla spazzatura. Eppure, andando in giro, raccogli frustrazione ma nessun cedimento davanti all'ipotesi di ospitare eventuali discariche o siti da quelle parti. È come se non si accorgessero che le discariche, tante mini-nauseabonde discariche, le hanno già sotto casa.

 

Un cartello rettangolare con la scritta "Napoli" sbarrata di rosso avverte che si sta lasciando il capoluogo e si entra in un altro comune. Pozzuoli, area flegrea, è diventato un immondo sversatoio. E i primi cumuli alti e maleodoranti sono proprio all'altezza di quel cartello, quasi ad avvisarti che da lì in poi sarà tutto così. Luca ha 13 anni e mugugna: "Che vergogna". Va in terza media: "Studio a Napoli alla scuola Fiorelli, lì è pulito ma quando torno qui, a casa, è tutto uno schifo. Mi alleno con la corsa, ho dovuto sospendere, non puoi fare un passo con questo fetore".

 

Attorno a Luca il lungomare è sfregiato da carcasse di mobili, stipiti in legno bruciacchiati, cucine sfondate, sacchetti di ogni tipo, un antico calciobalilla, avanzi di cibo, cartoni di detersivo. Qualcuno ci ha buttato sopra un po' di cemento. "Così puzza di meno", assicura Antonio, un ragazzo in tuta. C'è un'auto della polizia che scorta una piccola ruspa. Gli agenti hanno le mascherine sul volto. "Ce le hanno prestate i netturbini", dicono. Il piccolo mezzo fa avanti e indietro tra i sacchetti ed è l'immagine dell'impotenza. "Come svuotare l'Oceano con un secchiello", commenta Carmine, vigile urbano in pensione. Poi arriva una donna a bordo di una Fiat Cinquecento e inveisce: "Scusate, poliziotti, ma come è possibile che in tutte le zone di Napoli la monnezza l'hanno tolta e da noi, invece, no? Che siamo gli appestati, noi?". Gli agenti si guardano tra loro e allargano le braccia.

 

Un breve tragitto e si arriva a Quarto. Ma sulla strada, in via Campana, ci si imbatte in un piccolo podere ostaggio dei rifiuti. Raffaele Rusciano non parla, scava e basta: deve liberare un passaggio. Maria La Ragione urla: "Non ne possiamo più, mandate il Tg3, siamo al numero civico 226".

 

A Quarto un uomo alto e robusto si presenta: "Mi chiamo Mario e ho quasi 70 anni, volevo sapere soltanto una cosa: ma è vero che vogliono buttare questa schifezza in una cava qua sopra?". Non aspetta la risposta: "Perché noi facciamo le barricate, capito? E chiamiamo le televisioni". Inutile tentare il dialogo, provare a ragionare chiedendo: ma da qualche parte dovranno pur metterla l'immondizia? Mario fa un'espressione severa e segue il filo del suo discorso che poi è comune a molti a Napoli e provincia: "A Quarto 20-25 giorni fa vennero i soldati: una sceneggiata. Guardate come siamo ridotti. La politica ha fatto questo guaio e la politica lo deve riparare. Noi cittadini che c'entriamo?".

 

È una scena grottesca: dialoghiamo tappandoci bocche e nasi, in un luogo ostruito dalla spazzatura, dove i primi piani delle case ormai si intuiscono soltanto tra i cumuli che si arrampicano fino alle finestre, ma l'unica preoccupazione è dire no a qualsiasi ipotesi di discarica. "Allora, se mi date i numeri vi chiamo per quando facciamo i blocchi stradali, poi venite, siamo d'accordo?".

 

"Benvenuti a Casoria". La cartellonistica, nella provincia a nord di Napoli, andrebbe cambiata. La scritta giunge al termine di una piramide di spazzatura. Sulla statale Sannitica, dove si incrociano Casoria, Afragola e Cardito, un serpentone chilometrico di spazzatura è il paradiso di ratti grossi come gatti. "Appena si fa sera - racconta Maria, seduta davanti a un bar - escono per mangiare; a mia figlia piccola ho imposto di andare in giro solo con gli stivali alti, per evitare morsi e malattie".

 

Si soffoca nella cintura vesuviana e a San Giorgio a Cremano, il paese di Massimo Troisi, non c'è nulla di cui sorridere. In via Gramsci sventola un drappo tricolore su una montagna di monnezza. Si legge: "Ci vergogniamo di essere italiani".

 

Da una strada della provincia all'altra, dal degrado al degrado. Ma se c'è una classifica del peggio, in questa drammatica crisi dei rifiuti, ai primi posti va messa Melito. Attraversandola si ha l'impressione di stare in zona di guerra. Sono più i residenti con le mascherine che quelli senza. Le portano i grandi e i piccoli e non le tolgono mai, finché stanno per strada. Via Giulio Cesare, via Cristoforo Colombo, Traversa Melitiello, sono ormai discariche a cielo aperto. Ogni strada reca i segni della protesta: cassonetti rovesciati e immondizia ovunque. In Corso Europa ci sono due chilometri di spazzatura. Forse più. Un uomo di colore, furtivo, ci getta su un televisore maxischermo andato in frantumi e fugge. Pochi metri dopo bisogna fermarsi. Giovani esasperati stanno bruciando i rifiuti. Impediscono il passaggio. E invocano: "Aiutateci".

 

 

 

cronaca di una storia senza fine

 

dico ai napoletani e campani di ricordarvi chi votare alle prossime amministrative ...

Link to post
Share on other sites

dico ai napoletani e campani di ricordarvi chi votare alle prossime amministrative ...

.....parole sante! :)

cmq aspettiamo come andrà a finire con la crisi di governo e che piega prenderà la situazione. se ci sarà una sterzata a destra credo che al caro Bassolino verranno a mancare gli appoggi da Roma che l'hanno tenuto in sella fino ad ora :D . in tal caso credo (e mi auguro, a mio giudizio per il bene partenopeo e non solo) che la sua poltrona vedrà nuove chiappe!

Link to post
Share on other sites

cosa ne pensate del piano di De Gennaro???

 

Purtroppo quel piano doveva essere attuato tanto tempo fa..creare siti momentanei dove depositare la spazzatura per essere trattata in ecoballe e nel frattempo continuare a costruire i termovalorizzatori e completare quelli bloccati...ora è troppo tardi perche ce né in giro veramente troppa...si deve spedire qll ke si può in germania (PER L'ULTIMA VOLTA) e iniziare la raccolta differenziata ecc

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

cosa ne pensate del piano di De Gennaro???

 

Purtroppo quel piano doveva essere attuato tanto tempo fa..creare siti momentanei dove depositare la spazzatura per essere trattata in ecoballe e nel frattempo continuare a costruire i termovalorizzatori e completare quelli bloccati...ora è troppo tardi perche ce né in giro veramente troppa...si deve spedire qll ke si può in germania (PER L'ULTIMA VOLTA) e iniziare la raccolta differenziata ecc

ué miceto, il piano de gennaro prevede a munnezza vicino casa, a te piacerebe aveccela sutte casa?

 

i tremovalorizzatori producono diossina, dovevvano pensarci prima ma se neso sempre fottute e napule ed acampania, allora adesso ca duvimmo fà?

Link to post
Share on other sites

raccujete tutt'issacchetti e'munnezza, e purtateli 'ncopp'u canciello a la vill'e'Bassuline.....

e diceteje "bassulì, pensace tù, accattace o'termovalurizzatore nuove"

Link to post
Share on other sites

raccujete tutt'issacchetti e'munnezza, e purtateli 'ncopp'u canciello a la vill'e'Bassuline.....

e diceteje "bassulì, pensace tù, accattace o'termovalurizzatore nuove"

uééé paule, ma fusse e napule paisà? :rolleyes:

 

e che zone sia? nu sembr e cerignola... ;) :)

Link to post
Share on other sites

Ormai l'ultima spiaggia è portare la spazzatura all'estero e farla bruciare là....ma per essere portata via i comuni devono ATTUARE IMMEDIATAMENTE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA!!!!

 

Altrimenti si attaccano!

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...