Jump to content

Scandalo consumi auto


Post consigliati

da repubblica.it

 

 

Dopo l'inchiesta della Bild, anche Quattroruote scende in campo e dai suoi test

emergono differenze abissali - fino al 47% - fra quelli dichiarati e quelli reali

Scandalo consumi auto,

quelli veri sono molto più alti

di VINCENZO BORGOMEO

 

 

 

 

Nuova "tegola" per le case automobilistiche, proprio nel momento più delicato della trattativa con la Ue in fatto di emissioni: dopo la denuncia di Autobild ora anche Quattroruote stronca il sistema di rilevazione dei consumi denunciando differenze fra quelli reali e quelli dichiarati dal 17 al 47%.

 

Il nocciolo della questione è sempre, più o meno lo stesso: la (folle) metodologia seguita per i test: la legge - in vigore in ben 50 Paesi - prevede infatti che i consumi per tragitti in città e su strada siano calcolati simulando il viaggio delle macchine su speciali rulli per un tempo complessivo di 1.180 secondi, circa 20 minuti: per 780 secondi si misura il consumo nel percorso urbano, per 400 secondi quello di un viaggio extraurbano; per un tempo massimo di 10 secondi si raggiunge invece la velocità di 120 chilometri orari.

 

Qualunque automobilista, anche il più sprovveduto, ha già capito che sono condizioni inesistenti. Anche perché le case costruttrici hanno la possibilità di effettuare questi test con aria condizionata spenta e con modelli completamente privi di accessori, quindi in realtà non in vendita.

 

"Lo scandalo - spiegano a Quattroruote - ha assunto proporzioni endemiche. Scandalo ancora più grande se si pensa che raccontare mezze verità su consumi significa anche farlo sulle emissioni di C02 proprio quando in un numero crescente di nazioni europee ci spingono a cambiare l'auto per comprarne altre meno inquinanti".

 

In realtà più che "mezze verità", qui siamo difronte a una vera e propria truffa, sia pure autorizzata dalla legge: le differenze fra quanto dichiarato dalle case costruttrici e i test effettuati da Quattroruote sono abissali. Si va dal 17% (diciassette!) di una Toyota Rav4 in su. Numeri impressionanti, che trovano ovviamente riscontro nelle testimonianze dei nostri lettori che, da sempre, lamentano di non riuscire a percorrere i chilometri/litro che la casa promette al momento della presentazione.

 

Forse, per fare un po' di giustizia, sarebbe bene che tutte le riviste specializzate, i giornali e i siti - a partire proprio da Quattroruote che ha lanciato l'idea - smettessero di riportare i dati dei consumi dichiarati, così come avviene ormai un po' ovunque per quelli della velocità massima. Riportando, se possibile, solo quelli frutti di test e prove su strada. Noi cominciamo da oggi: fra Quattroruote e Auto, solo per citare le due riviste più affidabili in fatto di prove strumentali, c'è solo l'imbarazzo della scelta sui dati da riportare.

 

 

 

 

 

 

 

 

io questa differenza l'ho sempre notata, mi meraviglio di Quattroruote che solo ora si accorge del divario, ma fino adesso che faceva? come misurava i consumi? ;) :huh:

Link to post
Share on other sites

sono da anni lettore di quattroruote.

 

l' ho sempre trovata una gran rivista e anche questa volta hanno scoperto l' acqua calda.

 

 

le case fanno delle prove sui banchi, pubblicano quei dati e chi sè visto sè visto.

Link to post
Share on other sites

sono da anni lettore di quattroruote.

 

l' ho sempre trovata una gran rivista e anche questa volta hanno scoperto l' acqua calda.

 

 

le case fanno delle prove sui banchi, pubblicano quei dati e chi sè visto sè visto.

infatti è questo che mi chiedevo, il ritardo di Quattroruote nell'accorgersene

Link to post
Share on other sites

Vi ricordate quando molti anni fa uscì sul mercato la classe A?

Una certa rivista che non citerò ;) se non sbaglio affermava che aveva una buona tenuta di strada... poco dopo uscì la notizia che la A si capottava e la stessa rivista "rivedette" le sue valutazioni.

 

Inoltre i consumi dichiarati non sono falsi: sono veri, è solo che corrispondono ad un ipotetico percorso che in realtà è impossibile riprodurre su strada...

Link to post
Share on other sites

Vi ricordate quando molti anni fa uscì sul mercato la classe A?

Una certa rivista che non citerò :lol: se non sbaglio affermava che aveva una buona tenuta di strada... poco dopo uscì la notizia che la A si capottava e la stessa rivista "rivedette" le sue valutazioni.

 

Inoltre i consumi dichiarati non sono falsi: sono veri, è solo che corrispondono ad un ipotetico percorso che in realtà è impossibile riprodurre su strada...

sì mi ricordo ;)

quella rivista affermava che le condizioni di ribaltamento della Classe A erano talmente improbabili nel verificarsi, come a dire condizioni limite, che la macchina nell'uso normale era SICURA :lol: :blink:

 

poi quando il difetto era troppo palese cambiarono opinione :huh:

Link to post
Share on other sites

Ad onor del vero devo ammettere anche riviste almeno apparentemente imparziali: anni fa quella che compro di solito fece un lungo periodo (diversi anni) senza provare una certa marca orientale... questo perchè in una recensione di una piccola monovolume si affermava senza mezzi termini che con una guida un po' irrente non era impossibile... tirarsela in testa. La casa madre non fornì più le auto alla rivista in questione... :D :D :D

Link to post
Share on other sites

La mia punto secondo la fiat fa i 17,5 con un litro :D :D mi fa 13,5 in regime di risparmio.

 

La mia Hyundai Coupe è dichiarata sull'extraurbano a 16km/l....è gia un buon risultato se ne fa 13 a 90 km/h con velocità costante.

A gpl scendo sugli 11-11.5. :D

Link to post
Share on other sites

 

sì mi ricordo :rolleyes:

quella rivista affermava che le condizioni di ribaltamento della Classe A erano talmente improbabili nel verificarsi, come a dire condizioni limite, che la macchina nell'uso normale era SICURA ;) ;)

 

 

 

 

c'è da dire, ad onor del vero, che allora a fare scandalo fù "il test dell'alce" effettuato su terreno bagnato...che non è obbligatorio x l'immatricolazione nel 90% dei paesi....

 

invece sarebbe da chiedersi come fanno a calcolare i consumi medi sulle auto bienergy...

 

spiego, Citroen dichiarava che la picasso percorre circa 350 km con un pieno di gas :blink: orpolina...nemmeno il consumo in km-l....

 

fatti i debiti conti....350kmk-42litri = 8,3 km/l...che in realtà sono mediamente 9,5 km/l ;)

 

x contro dichiarano i 12/13 a benzina...che in realtà sono raramente gli 11 :blink:

 

ho capito che preferivano vendere il diesel...ma almeno non le sparino grosse... :P

Link to post
Share on other sites

 

sì mi ricordo :)

quella rivista affermava che le condizioni di ribaltamento della Classe A erano talmente improbabili nel verificarsi, come a dire condizioni limite, che la macchina nell'uso normale era SICURA ;) :)

 

 

 

 

c'è da dire, ad onor del vero, che allora a fare scandalo fù "il test dell'alce" effettuato su terreno bagnato...che non è obbligatorio x l'immatricolazione nel 90% dei paesi....

 

infatti mi riferivo al test dell'alce, ma veniva effettuato su terreno asciutto, cmq la rivista affermava che quelle condizioni del test erano alquanto improbabili su strada normale

Link to post
Share on other sites

Riguardo al test dell'alce, è vero che non era una prova obbligatoria in italia e che non è una manovra frequente, ma resta sempre una situazione di emergenza in cui può capitare a tutti di trovarsi.

 

Infati un amico che vende automobili ebbe modo di provare per un'intero weekend la classe A prima versione e raccontò che nell'uso normale la tenuta di strada era buona.

 

Certo il fatto che mercedes in seguito modificò pesantemente l'auto ppiù volte, irrigidendo prima l'assetto, montando gomme maggiorate, e decidendo infine di montare su tutte l'esp (allora costava caro) non è certo un caso. Ed infatti la classe A rivista aveva un'assetto e una tenuta di strada quasi da auto sportiva.

 

In ogni caso la rivista ci ha fatto una figura penosa, mentre mercedes ne è uscita benissimo (basta vedere quante ne ha vendute!). :)

Link to post
Share on other sites

Hanno gioco facile anche perchè sovente la gente ci mette del suo: c'è ancora gente che insiste che con la fiat uno fire 1000 così come con la yaris 1000 in urbano fanno i 20km/Lt!!!!

Ma le divisioni le sanno fare?!!! <_<

Link to post
Share on other sites

Hanno gioco facile anche perchè sovente la gente ci mette del suo: c'è ancora gente che insiste che con la fiat uno fire 1000 così come con la yaris 1000 in urbano fanno i 20km/Lt!!!!

Ma le divisioni le sanno fare?!!! ;)

 

 

io avevo un'amico che con la uno fire sosteneva che sul dritto, già lanciati, potesse giocarsela in ripresa con la mia 75...gli proposi una scommessa...sto ancora aspettando... <_<

 

questo x dire che c'è in giro dei personaggi che se una cosa l'hanno loro è il top non plus ultra...e le cose d'altri son buone x il cesso... <_<

Link to post
Share on other sites

Hanno gioco facile anche perchè sovente la gente ci mette del suo: c'è ancora gente che insiste che con la fiat uno fire 1000 così come con la yaris 1000 in urbano fanno i 20km/Lt!!!!

Ma le divisioni le sanno fare?!!! ;)

 

 

io avevo un'amico che con la uno fire sosteneva che sul dritto, già lanciati, potesse giocarsela in ripresa con la mia 75...gli proposi una scommessa...sto ancora aspettando... <_<

 

questo x dire che c'è in giro dei personaggi che se una cosa l'hanno loro è il top non plus ultra...e le cose d'altri son buone x il cesso... <_<

è proprio vero quello che hai scritto ;)

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...