Jump to content

Leggete e meditate


Post consigliati

da repubblica.it

 

Il governatore della Liguria fermato su una superstrada: aveva percorso un chilometro e mezzo

sulla corsia sbagliata. Poi mostra il tesserino (scaduto) di parlamentare e se ne va

di MASSIMO CALANDRI

 

 

Claudio Burlando per un chilometro e passa ha guidato contromano, rischiando una mezza dozzina di scontri frontali con le vetture che stavano per imboccare il casello autostradale. Fermato da una pattuglia della polizia, invece della patente ha mostrato la tessera da deputato. Che tra l'altro è scaduta da un paio d'anni. Dicono non sembrasse turbato più di tanto, anzi. "Hanno ragione", ha detto serenamente Claudio Burlando - ex ministro dei Trasporti e già sindaco di Genova, fino al 2005 in Parlamento con i Ds, attuale presidente della Regione Liguria - indicando gli automobilisti fermi ai lati della carreggiata e sotto shock per lo spavento.

 

Gli agenti hanno calmato gli animi, preso nota del documento, telefonato in centrale. Poi lo hanno lasciato andare. Nemmeno l'ombra di una multa. E massima discrezione. I poliziotti qualche ora più tardi hanno sottoscritto - "per dovere d'ufficio" - una relazione di servizio. Che avrebbe dovuto restare chiusa in un cassetto.

 

E' successo domenica scorsa. "Verso le ore 12,15 la pattuglia veniva inviata dal locale Centro Operativo Autostradale presso il casello di Genova-Aeroporto", scrivono gli agenti. Poco prima la centrale ha raccolto le telefonate - terrorizzate, infuriate - di alcuni automobilisti. "Giunti sul posto venivamo avvicinati da tre persone". Sono gli occupanti dell'ultima vettura che stava per essere centrata dalla macchina del Presidente. Al volante c'è un signore di 59 anni, con la figlia e il fidanzato di lei. "Asserivano di essersi trovati l'autovettura Mitsubishi Space Runner targata AH... procedere contromano".

 

Raccontano i tre di essersi avvicinati furibondi alla macchina per prendersela con il guidatore. E che quello restava chiuso all'interno dell'abitacolo, ignorandoli, il telefonino incollato all'orecchio.

 

Ma chi è l'automobilista? "Alla guida della Mitsubishi si trovava tale Burlando Claudio, nato a Genova il 27.04.1954, identificato mediante tessera della Camera dei Deputati numero 938...". Precisano gli agenti: "Quest'ultimo ammetteva quanto sostenuto dagli utenti senza dare un giustificato motivo alla manovra effettuata". E in coda alla relazione: "La pattuglia, non avendo comunque accertato l'infrazione in oggetto, si asteneva dal contestare alcun tipo di sanzione, limitandosi ad informare il comandante telefonicamente e a redigere la presente".

 

Secondo la ricostruzione dei poliziotti, il presidente ligure proveniva dagli Erzelli, una collina dove sono depositati i container vuoti del porto di Genova. Voleva dirigersi verso il mare, ma ha sbagliato strada. All'altezza dell'ingresso autostradale con ogni probabilità intendeva fare inversione e passare sull'altra carreggiata. E però le due strade sono divise prima da una barriera di catene, poi dal guard-rail in cemento. Così è partito in contromano, tenendosi rasente ad un muraglione sulla sinistra, forse sperando di trovare uno spazio nella barriera ed infilarcisi.

 

Il fatto di aver incrociato alcune macchine nell'opposto senso di marcia, di aver sfiorato più volte lo scontro, non lo ha indotto a desistere. Al contrario, ha percorso più di un chilometro. Resta da capire perché la Stradale, nonostante Burlando abbia ammesso le sue colpe, non abbia elevato alcuna contravvenzione. Codice alla mano, per la guida contromano sono previsti quattro punti in meno sulla patente. Dieci in caso di curve e strade divise da carreggiate separate.

 

 

 

 

 

 

ogni commento è superfluo

Link to post
Share on other sites

quoto, sottoscrivo, e aumento la dose a "moltissimi" calci in culo.

 

vergogna della politica italiana.

i calci andrebbero dati in faccia :)

 

In questo caso in faccia o in culo non cambia nulla... :D

:)

Link to post
Share on other sites

 

In questo caso in faccia o in culo non cambia nulla... :D

:)

:P :lol:

Che schifo... quando sento certe cose...bell' esempio di "Dura lex sed lex" (la legge è dura ma è legge), se sono sempre i primi a dare cattivo esempio...se ne stava tranquillo e pure al cellulare lui (altra infrazione)...ma Bianchi per chi cavolo le ha fatte le riforme più rigide??! certe persone andrebbero davvero prese a calci (in faccia o in culo decidetelo voi) :)

Link to post
Share on other sites

quoto, sottoscrivo, e aumento la dose a "moltissimi" calci in culo.

 

vergogna della politica italiana.

i calci andrebbero dati in faccia :lol:

 

In questo caso in faccia o in culo non cambia nulla... :lol:

:D

hai ragione, andrebbe bene in ambedue i posti, in contemporanea magari :unsure:

 

;)

Link to post
Share on other sites

 

 

In questo caso in faccia o in culo non cambia nulla... :(

:(

 

hai ragione, andrebbe bene in ambedue i posti, in contemporanea magari :(

 

:(

 

Intendevo dire che si avrebbe difficoltà a distinguere le due parti anatomiche. :(

Link to post
Share on other sites

Ci ha pensato il giudice:

 

Da Repubblica:

 

"GENOVA - Come lui stesso aveva chiesto, la pena inflitta al presidente della Regione Liguria colpevole di aver percorso contromano un tratto della A10, è stata esemplare: "Sospensione della patente di guida per un anno; decurtazione di dieci punti-patente; sanzione di 3.508 euro e fermo amministrativo per tre mesi dell'auto".

 

Al presidente della Regione - si legge in una nota redatta dal Prefetto di Genova - sarà inoltre "comminata nei prossimi giorni la sanzione di 72 euro prevista dall'articolo 180 del Codice della strada perché al momento dell'infrazione non aveva con sé la patente di guida".

 

Il diretto interessato incassa senza batter ciglio. "Ho ammesso immediatamente il mio errore, ed è giusto che io paghi", ha commentato Burlando. "Mi sembra che anche da questo atto - ha aggiunto - risulti che sin da domenica mattina, nel momento in cui ho incontrato gli agenti della polizia, ho ammesso e spiegato il mio errore di guida, dichiarandomi immediatamente disposto a corrispondere alle sanzioni del caso, che infatti oggi sono state definite".

 

All'indomani dell'episodio il Governatore aveva ammesso la "deplorevole distrazione" al volante, chiedendo al questore "che nei miei confronti la legge fosse applicata col massimo rigore". E con il massimo rigore è stata applicata: maxi multa, patente sospesa per un anno, fermo amministrativo dell'auto per tre mesi....."

 

Ma quanti la fanno franca?

 

Ciao

 

Max

Link to post
Share on other sites

Ci ha pensato il giudice:

 

Da Repubblica:

 

"GENOVA - Come lui stesso aveva chiesto, la pena inflitta al presidente della Regione Liguria colpevole di aver percorso contromano un tratto della A10, è stata esemplare: "Sospensione della patente di guida per un anno; decurtazione di dieci punti-patente; sanzione di 3.508 euro e fermo amministrativo per tre mesi dell'auto".

 

Al presidente della Regione - si legge in una nota redatta dal Prefetto di Genova - sarà inoltre "comminata nei prossimi giorni la sanzione di 72 euro prevista dall'articolo 180 del Codice della strada perché al momento dell'infrazione non aveva con sé la patente di guida".

 

Il diretto interessato incassa senza batter ciglio. "Ho ammesso immediatamente il mio errore, ed è giusto che io paghi", ha commentato Burlando. "Mi sembra che anche da questo atto - ha aggiunto - risulti che sin da domenica mattina, nel momento in cui ho incontrato gli agenti della polizia, ho ammesso e spiegato il mio errore di guida, dichiarandomi immediatamente disposto a corrispondere alle sanzioni del caso, che infatti oggi sono state definite".

 

All'indomani dell'episodio il Governatore aveva ammesso la "deplorevole distrazione" al volante, chiedendo al questore "che nei miei confronti la legge fosse applicata col massimo rigore". E con il massimo rigore è stata applicata: maxi multa, patente sospesa per un anno, fermo amministrativo dell'auto per tre mesi....."

 

Ma quanti la fanno franca?

 

Ciao

 

Max

sì per dovere di cronaca bisogna aggiungere che è stato punito, giustamente, ma forse proprio perché si è creato un polverone sulla vicenda :)

 

P.S. non doveva essere sequestrata l'auto e lui proseguire a piedi?

Link to post
Share on other sites

 

sì per dovere di cronaca bisogna aggiungere che è stato punito, giustamente, ma forse proprio perché si è creato un polverone sulla vicenda ;)

 

P.S. non doveva essere sequestrata l'auto e lui proseguire a piedi?

 

credo che il punto sia proprio quello evidenziato... :D

Link to post
Share on other sites

 

sì per dovere di cronaca bisogna aggiungere che è stato punito, giustamente, ma forse proprio perché si è creato un polverone sulla vicenda ;)

 

P.S. non doveva essere sequestrata l'auto e lui proseguire a piedi?

 

credo che il punto sia proprio quello evidenziato... ;)

infatti :D

Link to post
Share on other sites

infatti :D

 

sai... quando sento queste cose mi viene d'istinto fare un paragone: ma se fosse successo al sottoscritto? do' per scontata la risposta...

 

eeehhhh, cara Italia, due pesi due misure...

Link to post
Share on other sites

infatti :D

 

sai... quando sento queste cose mi viene d'istinto fare un paragone: ma se fosse successo al sottoscritto? do' per scontata la risposta...

 

eeehhhh, cara Italia, due pesi due misure...

ed uno dei motivi per cui non vengono rispettate le leggi e le regole in generale in Italia, è perché i politici stessi non le rispettano

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...