Jump to content

Auto ad alimentazione unica, la speranza viene dal Tuning...


Post consigliati

Come sapete mi sono occupato a lungo per vedere se si trovava una strada per rendere un auto alimentata a benzina e dotata di impianto GPL ad alimentazione unica.

Lo scopo è di beneficiare degli importanti vantaggi fiscali intermini di bollo auto in diverse regioni.

 

Purtroppo dopo diversi tentativi è emerso uno scoglio maggiore:

La legge attuale impone che la capienza del serbatoio a benzina sia inferiore ai 15 litri.

Per cui bisognerebbe sostituire il serbatoio.

Cioè non è possibile perchè in buona sostanza il serbatoio dell'auto è parte integrante di essa e per sostituirlo il costruttore della stessa dovrebbe dichiarare che il nuovo serbatoio è idoneo.

I costruttori non avendo alcun interesse ad assumersi tale responsabilità non danno il nulla osta.

Fine della storia...

Tanto per spiegarvi come la cosa non sia possibile sappiate che anche se avete una Zafira e gli montate il serbatoio della versione bi-fuel della vostra macchina non vi danno il nulla osta e non potrete quindi trasformarla ad alimentazione unica !

 

Sui serbatoi esiste una raccomandazione dell'unione europea che invitava a definire dei criteri per quanto riguarda i serbatoi aggiuntivi che vengono installati su alcuni veicoli come i camion. Ma che io sappia non è emersa nessuna normativa per il momento.

 

Una speranza viene però dal recente decreto Bersani che contiene un disegno legge con alcune norme rivolte alla personalizzazione dell'auto/ tuning, eccolo:

 

AUTO:

(disegno di legge)

- DIVENTA PIU’ FACILE PERSONALIZZARLE

E PIU’ LIBERA LA SCELTA

- ARRIVANO NUOVE POSSIBILITA’ DI SVILUPPO PER I SETTORI

SPECIALIZZATI IN COMPONENTI DELLE AUTO FINALIZZATI AD

AUMENTARE LE PERFORMANCE, IL COMFORT E LA SICUREZZA DEL

VEICOLO

---> per modificare le caratteristiche costruttive e funzionali dei veicoli a motore e

introdurre, quindi, componenti nuovi che non sono stati previsti dalla casa costruttrice in

sede di omologazione del veicolo, non serve più il preventivo nulla osta della casa

costruttrice del veicolo (nulla osta che può essere comunque negato anche per motivi

diversi da quelli tecnici e che impedisce di fatto, il più delle volte, di eseguire le

modifiche). Non è più necessaria neppure la visita e la prova presso i competenti uffici

della Direzione generale della Motorizzazione civile. Tutto questo a patto che ciascun

componente venga certificato da una relazione tecnica di un ente abilitato che attesti,

per singolo modello di veicolo, la possibilità di esecuzione della sostituzione; e a patto

che la certificazione sia redatta sulla base di collaudi e prove effettuate in conformità

delle disposizioni tecniche previste dai regolamenti internazionali ECE-ONU e dalle

direttive comunitarie e venga certificato che le caratteristiche tecniche e funzionali dei

componenti siano equivalenti o superiori a quelle originarie in dotazione del veicolo nel

rispetto della sicurezza attiva e passiva del veicolo.

- con decreto del Ministro dei trasporti da emanarsi entro tre mesi dall’entrata in

vigore di questa nuova norma saranno individuati i casi nei quali la sostituzione - fermo

restando il pieno rispetto degli adempimenti indicati - necessita di una verifica da

effettuarsi a cura degli uffici provinciali della Motorizzazione che dovranno certificare

la corretta installazione, aggiornare la carta di circolazione e darne comunicazione agli

uffici dell’Archivio nazionale dei veicoli solo ai fini di eventuali conseguenti

adempimenti fiscali.

- con decreto del Ministro dei trasporti da emanarsi entro tre mesi dall’entrata in vigore

di questa nuova normativa sono individuati gli enti abilitati a certificare ciascun

componente. Con decreto del Presidente della Repubblica si provvederà ad adeguare il

testo del uovo Codice della Strada (articolo 236 del DPR 16 dicembre 992, n. 495).

-scattano sanzioni da euro 357,00 a euro 1.433,00 e il ritiro della patente per chiunque

circoli con un veicolo al quale siano state apportate modifiche alle caratteristiche indicate

nel certificato di omologazione e nella carta di circolazione, oppure con il telaio

modificato senza che tali modifiche siano state realizzate nel pieno rispetto delle nuove

norme.

 

Se effettivamente non fosse più necessario il nulla osta della casa costruttrice si potrebbe finalmente trasformare le auto GPL in auto ad alimentazione unica.

O almeno cosi spero, ma temo sarà difficile...

 

Suggerimento al moderatore: Perchè a nome del Forum non scrivi due righe al ministro Bersani segnalando il nostro problema ?

Magari ti risponde...

Link to post
Share on other sites

Per me posso farlo pure io.

Però uno che si presenta come moderatore può fare meglio le veci dell'intera comunità.

Weightless!! Dilan!!

 

Fatevi avanti.

 

Però di questi tempi (fame di soldi ecc... fauci statali ansiose...) meglio non mettere voci alle orecchiuccie di Bersani onde evitare qualche modifica veloce veloce...

 

Io comunque direi di attendere il decreto del Ministero dei Trasporti, così sapremo se la modifica al serbatoio verrà presa in atto nel redigere le nuove norme. Attendiamo che è meglio. Non ci vorranno più di 3 mesi.

 

Ciao Ciao

Link to post
Share on other sites

penso ci vorrà comunque una relazione che certifichi la correttezza della modifica.

Già prima del decreto, per montare misure di gomme differenti sulle moto (ad esempio vecchie moto con omologate misure in pollici non più in commercio) era sufficente la relazione di un ingengnere, ed ad esempio honda non forniva più il nullaosta. Peccato che prima il costo del nullaosta era praticamente gratis, poi la relazione dell'ingenierte costava più del valore della moto.

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
  • 2 months later...

Ragazzi, io ho fatto questo e mi sembra strano che nessuno ci abbia pensato prima.

Ho installato un impianto Omegas Landirenzo, ho fatto staccare il serbatoio benzina perche' dopo un lungo giro di installatori ho visto che l'Omegas e' l'unico impianto che parte direttamente a GPL.

In questa settimana ho avro' l'omologazione da parte della motorizzazione, ed il gioco e' fatto la mia Audi A3 1.8 benzina e' diventata Audi A3 1.8 GPL.

Qualcuno di voi ha gia' trasfromato la propria auto in monofuel?

Link to post
Share on other sites

Ragazzi, io ho fatto questo e mi sembra strano che nessuno ci abbia pensato prima.

Ho installato un impianto Omegas Landirenzo, ho fatto staccare il serbatoio benzina perche' dopo un lungo giro di installatori ho visto che l'Omegas e' l'unico impianto che parte direttamente a GPL.

In questa settimana ho avro' l'omologazione da parte della motorizzazione, ed il gioco e' fatto la mia Audi A3 1.8 benzina e' diventata Audi A3 1.8 GPL.

Qualcuno di voi ha gia' trasfromato la propria auto in monofuel?

 

Fantastico !!!!! ma sei sicuro che ti omologano l auto come monofeul ??

Link to post
Share on other sites

Ho anche chiesto alla motorizzazione e mi hanno detto che dovrebbero darmi anche il libretto nuovo.

Poi ho visitato qualche altro forum e gia' altre persone lo hanno fatto!!

 

raga....

io ho oggi ho ricevuto questa mail... chi mi sa dire qualcosa in piu??

 

Gentile Signore,

 

In riferimento alla Sua richiesta, Le confermiamo che è prevista l'esenzione permanente dal pagamento della tassa automobilistica, a decorrere dal 01° Gennaio 2004, solo se il veicolo è immatricolato, quindi nuovo di fabbrica, con alimentazione esclusiva a Metano o GPL e quindi sulla carta di circolazione, alla voce P3 (Tipo di combustibile o di alimentazione) deve essere riportato solo "metano" anzichè "benzina/metano".

 

Pertanto la successiva rimozione del serbatoio della benzina non configura le condizioni per l'esenzione permanente.

 

Restiamo a Sua disposizione per ogni ulteriore necessità e Le inviamo cordiali saluti.

 

 

Centro Assistenza Tasse Automobilistiche ACI - Regione Lombardia

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

hanno ragione: non puoi chiedere l'esenzione del bollo in quanto non ne hai diritto.

devi chiedere la riduzione del 75% in quanto l'auto è da considerare monovalente.

 

 

Non sarebbe corretto, in quanto Lombardia e Piemonte hanno stabilito che non farranno pagare alle auto monofuel.

 

Che poi abbiano aggiunto in questi mesi la postilla che sono nate monofuel tutto e' possibile, ma dal momento che sul libretto NUOVO c'e' scritto alimentaziona a GPL (o metano) almeno il 75% devono toglierlo.

 

 

 

Ci sono sviluppi nella legge bersani??

Link to post
Share on other sites

Come moderatore del forum ho fatto molto.

 

Vi ricordate quando stavano mettendo a punto la

finanziaria e si vociferava sugli aumenti del bollo

per tutti anche per le auto a gas ????

 

bene in quel periodo ho scritto molte lettere ai

verdi presentandomi come moderatore del principale

forum italiano di utenti GPL e chiedendo quale senso

avesse tassare come inquinante un'auto che ha il

permesso di girare col blocco del traffico e al contempo

minacciando ritorsioni di ordine elettorale :P

 

non molto tempo dopo inseriscono il cavillo in finanziaria

che lascia immutato il bollo per le auto con dispositivo

ecologico.

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...