Jump to content

METANO: Il pieno si fa a casa


Post consigliati

probabilmente il dispositivo di erogazione/rifornimento domestico avrà un contatore dei consumi a parte, le cui tarifffe potrebbero essere diverse da quelle per la cottura/riscaldamento...

 

 

saluti

FraAnt

 

Guardate che bella notizia, se non lo sapevate già... credo che sia un buon inizio per metterci al pari di parecchi colleghi europei....

 

La vedo difficile: l'imposizione fiscale di cio' che viene usato per autotrazione é diversa da quella per usi domestici, o sbaglio?

 

Ciao

GigioTD

Link to post
Share on other sites
  • Risposte 44
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Molto interessante.

 

I dubbi che mi rimangono sono:

 

- Il prezzo dell'apparecchiatura, che difficilmente, a mio parere, potrà arrivare ad essere cosi economica da poter esser data in comodato d'uso al cliente. Ma su questo rimango comunque possibilista.

 

- I costi elettrici di compressione che attualmente sta su circa 0,08 euro a chilo per portare il metano dalla pressione casalinga a oltre 200 bar. Non sono un esperto di fisica ma penso che l'energia necessaria a comprimere un gas sia piu o meno sempre quella a prescindere dal tipo di attrezzatura che si utilizza.

 

- eventuale applicabilità di accisa agevolata sui volumi utilizzati per autotrazione, dato che, utilizzando il metano di casa, un chilo di metano rifornito in questo modo supererebbe abbondantemente un euro a chilogrammo. Si dovrebbe modificare la legislazione ( in questo caso nazionale ) per permettere ciò. Anche se si potesse fare oggi, come minimo cio costringerebbe all'utilizzo di due contatori e due contratti di acquisto separati (36 euro l'anno di quota fissa cadauno ), uno dedicato al rifornimento auto con cui si conteggiano i metri cubi ad accisa agevolata e uno per riscaldamento casa e acqua calda ad accisa piena. Lo Stato non so se vorrebbe fidarsi di cio che il privato cittadino fa in casa sua e cioè si potrebbe tranquillamente utilizzare il metano agevolato che viene contato come autotrazione per fare un T sulla tubazione e mandarci pure i riscaldamenti di casa, fregando non poche tasse ad un governo che mi pare non sia cosi insensibile alla riscossione delle medesime.

 

Ciao

Link to post
Share on other sites

Ho avuto la fortuna di sentire la notizia al TG Regionale dell'Altoadige durante una breve vacanza.

La cosa che mi ha lasciato più perplesso è il costo dell'apparecchio che è di 4000 euro oppure a noleggio con canone mensile di 190 euro: a me sembra un'enormità...e poi cmq io vado a GPL per cui mi sono intromesso clandestinamente nel vostro sottoforum!

Link to post
Share on other sites

... :D Quindi vediamo, 4.000 euro per il compressore (o al più 190 al mese per il comodato..) + l'elttricità per farlo funzionare + il contratto del gas + le immancabbili accise ...insomma ma quanto dovrebbe costare 'sto impianto? Faccio prima a scavare un giacimento sotto il garage :D

Tantopiù che dobbiamo anche pensare che chi può usarlo deve aver già speso una considerevole cifra per far impiantare la macchina...

 

:lol: Insomma non lo so, l'idea mi sembra molto interessante, ma bisognerebbe fare anche due conti su i costi stimati di esercizio...E parlo solo di quelli perchè non voglio nemmeno pensare alle persone che si fanno scoppiare la casa pure con i fornelletti da campeggio... :D

 

..In conclusione per me il problema non sussite, perchè tanto in Sicilia (pure noi a statuto speciale, ed anzi con pure qualche pozzo e due o tre raffinerie sparse per la regione..) i nostri intelligenti governanti se ne fXXXXXo al pari dei colleghi nazionali, e se io volessi dovrei sparami 80Km di autostrada per trovare l'impianto METANO più vicino :lol: :D

Link to post
Share on other sites

A mio parere l'impianto di rifornimento dovrebbe essere considerato come un investimento di lungo periodo collegato alla casa, non all'automobile, da ammortizzare minimo in 10 anni, ma meglio in 20 allora ha un senso. La rata potrebbe entrare direttamente in bolletta. In pratica l'ente pubblico finanziatore dovrebbe stipulare un mutuo ventennale per comprare gli apparecchi e montarli in uso e poi far pagare le rate in bolletta.

Alla fine volete mettere il risparmio di tempo di non dover andare al distributore? Anche se si arrivasse a pari col costo del gpl e del gasolio sarebbe sempre una bella comodità

Link to post
Share on other sites

A mio parere l'impianto di rifornimento dovrebbe essere considerato come un investimento di lungo periodo collegato alla casa, non all'automobile, da ammortizzare minimo in 10 anni, ma meglio in 20 allora ha un senso. La rata potrebbe entrare direttamente in bolletta. In pratica l'ente pubblico finanziatore dovrebbe stipulare un mutuo ventennale per comprare gli apparecchi e montarli in uso e poi far pagare le rate in bolletta.

Alla fine volete mettere il risparmio di tempo di non dover andare al distributore? Anche se si arrivasse a pari col costo del gpl e del gasolio sarebbe sempre una bella comodità

 

 

In francia ed in inghilterra il medesimo apaprecchio costa 1500 euro circa.....

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Molto interessante. Nessuno ha mai considerato il biogas? In alcune zone rurali dove e´ampiamente disponibile biomassa (escrementi animali) si potrebbe usare un simile compressore per comprimere il biogas (sempre metano) prodotto dalla biomassa. O lo stanno gia´facendo?

Link to post
Share on other sites

Molto interessante. Nessuno ha mai considerato il biogas? In alcune zone rurali dove e´ampiamente disponibile biomassa (escrementi animali) si potrebbe usare un simile compressore per comprimere il biogas (sempre metano) prodotto dalla biomassa. O lo stanno gia´facendo?

 

Tanti anni fa Fiat aveva inventato il TOTEM, cioè il mitico motore 903cc alimentato a biogas collegato ad un alternatore per produrre energia elettrica e calore. Come tutte le cose intelligenti è sparito.

Questo per dirti che in teoria il biogas è metano, il problema è che per poterlo usare in un normale motore andrebbe depurato, cosa non facilmente fattibile in casa.

Link to post
Share on other sites
  • 4 months later...
  • 6 months later...

Guardate che bella notizia, se non lo sapevate già... credo che sia un buon inizio per metterci al pari di parecchi colleghi europei....

 

http://www.puntogas.it/scheda_notizia.php?ID=00165&pag=0

 

 

METANO: Il pieno si fa a casa

 

 

ALTO ADIGE, DA SETTEMBRE VIA AL PIENO CASALINGO

 

:blink:

Notizia...bomba...fà niente anche se l' ho saputo a distanza di più di un anno!Si diffonderà questa tecnologia?

Speriamo di si! :D

Link to post
Share on other sites
  • 1 year later...
  • 2 weeks later...

Noi lo facciamo gia in azienda il pieno in "casa" alle 2 multiple a metano...confermo il tempo per fare il pieno intorno alle 8 ore....

Link to post
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...