Jump to content

strattonamenti in partenza


64fabius

Post consigliati

20 minuti fa, 64fabius ha scritto:

9N2 1.4 55KW

Vedo se riesco a trovare il file Romano per il tuo motore . 

Link to comment
Share on other sites

  • Risposte 64
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ecco il file https://transfiles.ru/r4k4g

Ti consiglio di salvare il file attuale per sicurezza e poi caricare questo .

In fine , verifica che sul file che ti ho mandato , sia impostato tutto correttamente (tipo iniettori ,cilindri ,segnale giri ,vari sensori ecc. ) 

 

Link to comment
Share on other sites

ciao,

la discussione si fa tecnicamente interessante :)

@64fabius , la presa del MAP va solo al MAP oppure va anche alla compensazione del riduttore? perchè in quel caso (ipotizzo) che la perturbazione della depressione possa andare a disturbare la pressione di erogazione gas da parte del riduttore

@eco world gas s.r.l., correggimi se ho detto una fregnaccia o è un fenomeno trascurabile

Link to comment
Share on other sites

Ciao Dado,la tua osservazione è corretta !! Se è molto variabile la depressione certo che va ad influire sulla pressione del riduttore, ecco perché  la centralina in questo caso deve andare a correggere queste fluttuazioni .

 

Il MAP  subito dopo il corpo farfallato è stabile e la contropressione dal cilindro di lavoro non la influenza molto.
Il MAP vicino agli iniettori benzina non sono così stabili, i cambiamenti sono piccoli ma la loro frequenza è elevata e influenza la lettura, e in aggiunta a ciò influenziamo la membrana del riduttore gpl e la pressione del gas fluttua. In alcuni casi alcune centraline che lavorano con il MAP (romano non mi risulta )l'algoritmo nelle centraline gpl rallenta di conseguenza per compensare le fluttuazioni della membrana del riduttore. 

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe interessante anche sapere se nella mappa su cui sta attualmente lavorando @64fabius sia presente (credo proprio di sì anche io, come ipotizza @eco world gas s.r.l.) l'anticipo di iniezione e di quanti gradi stiamo parlando. Se ci giri anche quegli screenshot possiamo dare un'occhiata!

Con i fori sul collettore così distanti un anticipo non calcolato correttamente dà sicuramente problemi, a bassi giri il fronte di propagazione è troppo lento e lontano dalla valvola di aspirazione, servono anticipi importanti da ridurre gradualmente per compensare...

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Thema89 ha scritto:

Sarebbe interessante anche sapere se nella mappa su cui sta attualmente lavorando @64fabius sia presente (credo proprio di sì anche io, come ipotizza @eco world gas s.r.l.) l'anticipo di iniezione e di quanti gradi stiamo parlando. Se ci giri anche quegli screenshot possiamo dare un'occhiata!

Con i fori sul collettore così distanti un anticipo non calcolato correttamente dà sicuramente problemi, a bassi giri il fronte di propagazione è troppo lento e lontano dalla valvola di aspirazione, servono anticipi importanti da ridurre gradualmente per compensare...

Ho provato a caricare il file sul software ma chiaramente in versione offline e non so se i parametri che leggo sono realmente quelli sul file .

Da quello che vedo in teoria l'anticipo non è inserito. 

Vedi foto https://transfiles.ru/7jahe

Link to comment
Share on other sites

Allora per quanto riguarda la mappa, come dicevo,  si è trattato di un compromesso raggiunto dopo diverse ore di prove su strada, con un impianto gpl realizzato in passato con due problemi di fondo. Il primo, la posizione troppo lontana dalle valvole di aspirazione degli ugelli. Il secondo, il foro di presa depressione del MAP fatto su una delle branche di aspirazione del collettore anzichè in una posizione che precede la separazione dei 4 condotti.

Il tubetto che si attesa all'ugello del MAP è dotato di una Y, dal momento che una branca va alla scatoletta del MAP e l'altra branca al riduttore.

Nella mappa non c'è correzione con anticipo, anche perchè prima d'ora ignoravo che si potesse intervenire con esso per operare un compenso rispetto alla posizione degli ugelli GPL lungo i condotti di aspirazione.

Il file che eco world mi ha fornito non so come gestirlo, ovvero per caricarlo occorre un software dedicato? E poi non saprei come andarlo ad inserire all'interno della centralina Romano.

Invece vi allego le foto dell'intervento correttivo che, grazie a tutte le indicazioni tecniche emerse,  il mio amico meccanico ha eseguito sulla collocazione degli ugelli GPL e MAP. Ora non ci resta che provarla su strada e poi vi farò sapere.....

nuovo impianto.jpg

nuovo impianto 2.jpg

nuovo impianto 3.jpg

Link to comment
Share on other sites

Okay per la foratura ,però le tubazioni non le fate più lunghe di 20 cm , cercate di farle tutte uguali più o meno e se riuscite fatele più corte possibile.

Se non ricordo male gli iniettori romano sono singoli ,quindi se riesci mettili dove ho fatto il segno . Il flauto cioè il Rail ,può stare anche lontano ,non è un problema . La cosa importante è la distanza tra l'iniettore e la foratura sul collettore.

https://transfiles.ru/3hsfb

Per caricare il file e mettere l'anticipo , ti linko un video . https://transfiles.ru/vjghb

Quando carichi il file , salvalo in una cartella che puoi trovare facilmente .

Link to comment
Share on other sites

io controllerei l accensione da un buon tecnico, la storia della nonna  sempre valida, quando si va in bagno non si accende il phon perche c e corrente, col gpl succede la stessa cosa al contrario, la combustione si innesca molto meglio a benzina perche essendo bagnata porta la scintilla a scoccare, mentre il gas proprio perche asciutto la rende molto difficoltosa, un buon tecnico con un buon oscilloscopio in 5 minuti risolve il problema

Link to comment
Share on other sites

Glielo vogliamo far diventare nuovo quel motore!! :D

Lato accensione non ne abbiamo parlato in effetti... idealmente, ma parliamo proprio di andare quasi a "preparare" il motore per andare meglio a GPL che a benzina, si potrebbero sostituire i cavi candela normali con un modello a reattanza induttiva (che faciliterebbe l'innesco nelle miscele gassose) e scegliere delle candele all'iridio con un grado termico superiore (o inferiore, dipende dalla casa... l'importante è che siano più fredde, ovvero riescano a dissipare leggermente più calore rispetto a quelle inizialmente previste dai progettisti della casa madre).

Per la mia (modesta eh! assolutamente, sarei lieto di essere smentito e di apprendere nuove cose senza problemi) esperienza, parliamo di peli nell'uovo comunque... possiamo andare a migliorare ulteriormente un motore che già gira benissimo a GPL, aumentando un po' il tempo fra i tagliandi... ma il grosso della differenza è più che altro psicologico. Il motore deve innanzitutto andare bene senza tentennamenti. Se l'impianto è in buone condizioni ed è tagliandato regolarmente (niente cavi candela crepati, candele con elettrodi usurati o quant'altro), il motore gira benissimo a GPL anche con tutte le componenti di accensione stock. Vero però che soffre l'aumento del gap fra gli elettrodi molto più della miscela aria-benzina, per cui il misfire è probabile che lo noti un po' prima a GPL rispetto a benzina, che ti perdona giusto un po' di più.

Link to comment
Share on other sites

Desidero ringraziare tutti per i consigli e gli approfondimenti tecnici che ci hanno permesso questa mattina di concludere nel migliore dei modi le vicissitudini di questa Polo.

La prova su strada è stata brillantemente superata: i problemi degli strattonamenti alla partenza sono definitivamente scomparsi, la resa alle diverse velocità è uniforme, il  minimo non subisce più le oscillazioni di un tempo. La mappa caricata è quella adeguata per il motore 1.4 BBY, non c'è stato bisogno di aggiungere alcun anticipo nè tanto meno alcun contributo benzina.

Vi allego la foto dell'attuale collocazione dei tubi GPL e degli iniettori, la cui sistemazione è davvero l'unica compatibile con la copertura in plastica del motore che qui non si vede ma dopo chiude e sigilla il tutto. Trovate anche la mappa e l'esito della calibrazione finale.

Ancora grazie a chi ci ha permesso di risolvere il problema di un impianto sbagliato dall'inizio!

 

20240113_122057.jpg

20240113_114845.jpg

20240113_115139.jpg

Link to comment
Share on other sites

Bene ,sono contento .

Non riesci ad accorciare le tubazioni un pò più ? Forse da fastidio il filtro?

Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda la lunghezza delle tubazioni, purtroppo non si riesce ad accorciarle più di quello che è stato fatto, dal momento che al di sopra di tutto ci va la copertura in plastica che sigilla il tutto e gli iniettori ne impedirebbero la sua chiusura. Peraltro è impossible non mettere quella copertura, perché all'interno di essa è contenuto il filtro aria.

In effetti il filtro sulla linea gassosa dava fastidio al tutto ed allora abbiamo deciso di rimuoverlo, supportati anche dal fatto che il manuale di installazione Romano non riporta la necessità di metterne uno ma lascia discrezionalita' all'installatore. E così è avvenuto.

 

Comunque, la prova su strada ha dato ampiamente esito positivo e quindi, anche con i tubetti un po' più lunghi di quanto avremmo voluto, i problemi sono stati risolti. Grazie a tutti i consigli tecnici che ci avete dato.

 

Link to comment
Share on other sites

Partecipa alla discussione

Puoi scrivere ora e registrarti in seguito. Se hai un account, accedi ora

Guest
Rispondi a questo topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...