Jump to content

Biandrea

Iscritti
  • Content Count

    6
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About Biandrea

  • Rank
    Nuovo Iscritto

Previous Fields

  • Provincia
    Forli-Cesena
  • Auto Posseduta
    Alfa Romeo 75 TS
  • Età
    36-45

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. anche se vecchiotta riprendo la discussione. Ho visto boxer infilati sotto il cofano, però se si deve correre con quest'auto, si deve potare tutto e fare un telaio in tubolare per installare sia il motore con relativo radiatore, che i supporti per i quadrilateri per i mozzi. Se è per una stradale una 1.5 massimo 1.3 della 33 e stare alto a filo dei langheroni e tagliare e stringere i parafanghi. Dopo però tutto quello sterzo sarà un ricordo...
  2. L'alternatore è progettato per erogare corrente a 14V da 70A, 80A, 100A, a secondo del consumo nell'impianto. Se hai una batteria che è finita, in parallelo ti tira giù anche l'altra se sei col motore fermo. Onde evitare che si scarichi in questo caso la piccola, esistono dei stacca batteria sia manuali che automatici comandati con uno o sue interruttori.
  3. Io provengo da una bell'avventura con una Sequent Fast prelevata con cablaggio e il resto in demolizione e montata sulla mia 75TS. Con i miei software di dianostica riesco sia a settarla che programmarla come una Fastness e viceversa, insomma è in mie mani. Fatto tesoro di questa esperienza avendo anche una Alfa 156TS dove l'impianto Bedini dopo 16 anni di servizio non ha commutato più e rimanevo solo a benzina, morta. Faccio un giro in demolizione non un gran che tranne un intero cablaggio di una PLUG&DRIVE che cablo alla mia auto cannibalizzando il precedente. Comprat
  4. Dunque un impianto può funzionare anche solo commutando gli iniettori benzina con il solo MAP, perchè tramite la pressione/depressione che si genera in un collettore d'aspirazione la centralina si regola di conseguenza. Dopo affini le mappe con la sonda lambda, giri, TPS, temp. liquido, temp. gas. Io ho preso in demolizione un cablaggio e una BRC Sequent Fast a GPL con tutta la sensoristica e iniettori. Io sulla mia 75TS ho sudato camice perchè il MAP andava fuori range, quindi ho staccato il map/p1 e fatto un collegamento al cablaggio con un potenziometro che preleva l'alimenta
  5. Io ho calibrato il TPS, MAP, la sonda lambda, il sensore del liquido di raffredamento motore, il sensore giri, i software sono Sequent Fast 2.08 Sequent Fastness 1.18 Riesco a fare alla meglio tutte le tre prove a benzina, però il minimo con carichi riprende spesso perchè il valore di MAP va fuori "range" e una volta finito il minimo accelerato ai 3000rpm mi rstituisce "esito negativo" Ho dato un'occhiata un pò tutto in generale, perchè forse mi perdo da qualche parte. Un dubbio è la scelta degli iniettori, fisicamente ho gli iniettori azzurri, non vorrei che per i te
  6. Ciao, mi sto impiegando presso alla mia auto ad installarci un impianto sequent fast. È un impianto aftmarket quindi aperto. però vedo visto che ho un pacchetto di software completo della BRC col cavo diagnosi, sia con fast che fastness non riesco a fare la automappa. Allora mi chiedo c'è bisogno di questo strumento per mappare nel vero senso della parola la centralina BRC? Saluti Andrea
×
×
  • Create New...